News Recensioni Video

Komu Mini PC: recensione completa

Lug 8, 2015

author:

Komu Mini PC: recensione completa

Komu_Mini_PC

Komu Mini PC è la proposta della casa italiana per il mercato dei Mini PC, una categoria di prodotti che sta conquistando uno spazio sempre maggiore nel settore hi-tech.

Cosa sono i mini PC? Come lascia intendere la parola stessa, si tratta di computer dalle dimensioni contenute da utilizzare principalmente come player multimediali (o media center), senza alcuna pretesa (per ora) di sostituire il PC come strumento di lavoro o piattaforma per il gaming.

Perchè comprare un miniPC? I vantaggi possono essere così riassunti:

1) Dimensioni ridotte. I mini PC occupano poco spazio in casa. Le dimensioni consentono di nasconderlo dietro al monitor o alla TV a cui è connesso: non occupano lo spazio di una classica “torre” di un PC desktop o dello chassis di un HTPC (Home Theatre PC), ben più ingombranti.

2) Mobilità. Una diretta conseguenza delle ridotte dimensioni è la possibilità di trasportarlo comodamente da un posto all’altro, esempio da casa all’ufficio, come fosse un hard-drive, o semplicemente da una stanza all’altra della casa, per connetterlo a monitor o TV differenti. Il vincolo qui è che occorre un monitor a cui collegarlo in tutti i posti dove lo portiamo, e che quindi non possiamo usarlo in treno come fosse un iPad o un notebook.

3) Prezzo contenuto. Un altro vantaggio dei mini PC è il prezzo. I Mini PC rappresentano infatti una soluzione a basso costo per tutti coloro che sono in cerca di alternative ad un PC desktop o un notebook, e che non hanno particolari esigenze in termini di prestazioni. D’altronde se l’utilizzo del PC deve essere limitato alla semplice navigazione web o la visione di video su youtube o di film in streaming, perchè optare per una soluzione sovra-dimensionata oltre il necessario? Tanto vale scegliere una soluzione più economica e adeguata all’utilizzo effettivo che si fa del PC, che per gran parte degli utenti al giorno d’oggi, si limita alla sfera dell’intrattenimento video e web.

Oggi vi parleremo in dettaglio di Komu Mini PC, che è stato capace di andare oltre le nostre attese, riassumendo in questa recensione completa, tutte le nostre considerazioni dopo una prova dettagliata di 14 giorni. Leggetela e fateci sapere cosa ne pensate attraverso i commenti!

P1060866 komu mini pc accessori

Videorecensione di Komu MiniPC

Design e connettività

P1060860

Come già vi abbiamo anticipato in precedenza, le dimensioni contenute rappresentano uno dei punti di forza del Komu Mini PC. 15 x 12 x 1,5cm sono le dimensioni esatte, che ricordano a prima vista, un hard drive esterno per lo storage dei dati o una powerbank.

P1060861

Il case è decisamente robusto, grazie al telaio realizzato interamente in alluminio, e, con un peso ridotto a soli 335 grammi, è facilmente trasportabile da un luogo all’altro (es. da casa all’ufficio) o semplicemente da un locale all’altro della casa. Alla base delle dimensioni contenute vi è la ridotta disponibilità della memoria interna (di cui parleremo in dettaglio più avanti) e all’assenza di una ventola, con benefici anche in termini di rumore acustico (assente). Il raffreddamento avviene sfruttando direttamente l’ampia scocca in alluminio, data l’assenza di feritoie lungo i bordi lunghi.

komu mini pc design 2

Tutte le porte e i tasti fisici sono posizionati sui lati corti e in particolare: davanti troviamo un LED di accensione (utile per capire se il PC è spento o è in standby), il tasto di accensione e due porte USB standard, da utilizzare per la connessione di periferiche esterne come mouse e tastiera.

komu mini pc porte usb

Dietro troviamo il foro per l’alimentatore, il foro per la connessione di un jack da 3.5mm per l’ascolto in cuffie o casse, una porta miniHDMI e uno slot per l’espansione della memoria interna tramite scheda microSD.

komu mini pc retro

Qualche considerazione:

– La dotazione di due sole porte USB potrebbe far storcere il naso a qualche utente, dato che utilizzandole per la connessione di ricevitori USB per mouse e tastiera bluetooth, non rimangono porte libere per l’inserimento di una chiavetta USB, ad esempio. Questo limite è facilmente bypassabile utilizzando un kit mouse-tastiera con un unico ricevitore USB, lasciandone libero uno per ogni evenienza (chiavetta internet, chiavetta USB, connessione con smartphone o fotocamera digitale ecc..), o, ancora meglio, utilizzando un hub USB.

– La dotazione di una porta miniHDMI in luogo di una porta HDMI è dovuta ad esigenze di spazio fisico ovviamente, dato che il dispositivo include al suo interno un’ampia batteria da 7000mAh (di cui parleremo più tardi) per consentirne l’utilizzo anche senza alimentatore. Anche qui non sussiste alcun problema, dato che la dotazione include un apposito cavo miniHDMI-HDMI da utilizzare per la connessione ad un monitor, e non c’è quindi bisogno di acquistarne uno, a patto di ricordarsi di portarselo dietro in caso volessimo portare in giro il Komu Mini PC. In caso vogliate la massima flessibilità, potete dotarvi di un adattatore miniHDMI-HDMI (miniHDMI maschio – HDMI femmina).

Hardware e Prestazioni

Alla base delle performance del Komu MiniPC, c’è un processore Intel Atom Z3735F, affiancato da 2GB di RAM e da 32GB di memoria eMMC, uno standard di memoria flash a basso costo.

Il sistema operativo pre-installato è Windows 8.1 con Bing. Lo storage interno non è molto ampio, motivo per cui è preferibile adibire ad una penna USB esterna o ad una scheda microSD qualsiasi contenuto di tipo multimediale, dedicando la memoria interna alla sola installazione di software. Per quanto riguarda il processore le differenze tra l’Atom Z3735F del Komu MiniPC e l’Atom Z3735D, utilizzato in altri Mini PC, si limitano a qualche specifica tecnica (es. massima temperatura di giunzione) e nel supporto alla porta USB 3.0, non supportato nel Komu Mini PC. Le porte USB di cui è dotato sono infatti entrambi di tipo USB 2.0, con velocità di trasferimento dati e capacità di ricarica (in modalità powerbank) inferiori.

Una precisazione doverosa. Qualche utente si è accorto che su alcuni store online è in vendita Ainol Mini PC, che ha le stesse caratteristiche, sia estetiche che hardware, di Komu MiniPC, ad un prezzo più basso. Questo perchè la casa fiorentina ha partecipato attivamente al progetto, motivo per cui Komu MiniPC non è da considerarsi un rebrand di un prodotto cinese. Vi consigliamo di optare per il Komu Mini PC in luogo della soluzione cinese più economica, dato che solo con Komu avrete la garanzia di 24 mesi oltre al servizio di assistenza post-vendita, che Ainol non può vantare sul territorio italiano.

Test: riproduzione di video in Full-HD

Come abbiamo sottolineato più volte, la funzionalità principale di Komu Mini PC è quello di player multimediale, per la visione di film e video. Abbiamo quindi testato diversi formati video utilizzando VLC Media Player e monitorando le statistiche in tempo reale per assicurarci che tutti i frame fossero elaborati correttamente.

test-video-1080p

In particolare abbiamo riprodotto i seguenti formati:

– video con risoluzione 1080p in formato H264 a 24fps
– video con risoluzione 1080p in formato H264 a 25fps
– video con risoluzione 1080p in formato VP8/WebM a 25fps
– video con risoluzione 1080p in formato MPEG4 a 25fps

I risultati sono stati superiori alle nostre aspettative, caratterizzati da una visione fluida e scorrevole di tutti i filmati, confermati anche dall’assenza di perdita di frame. Non abbiamo provato i video in formato H265 e risoluzione 4K (avendolo connesso ad un monitor Full-HD) ma non ci sentiamo di consigliarne la riproduzione su un Komu MiniPC, dati gli scarsi risultati ottenuti su piattaforme con lo stesso processore. Insomma, una bella rivincita per un processore Atom, da sempre bistrattato a favore dei processori x86, mostrando come sia adeguato all’utilizzo per cui è concepito il Mini PC.

Da segnalare inoltre che anche dopo una lunga sessione di riproduzione video, la temperatura non raggiunge mai livelli tali da portare al thermal throttling (ovvero la riduzione forzata della frequenza di clock della CPU al fine di abbassare la temperatura) a testimonianza di una buona capacità del case di dissipare il calore anche in assenza di feritoie laterali. Per finire, la dotazione di un comparto hardware a bassa potenza ottimizzato per sistemi portatili è alla base di consumi molto ridotti rispetto ad un tradizionale PC desktop. I consumi a pieno carico sono infatti pari a circa 10W.

Test: prestazioni grafiche

Pur consapevoli del fatto che Komu non è una soluzione adatta al gaming, abbiamo voluto testarne ugualmente le capacità grafiche.

Per l’analisi delle prestazioni grafiche 3D, abbiamo utilizzato l’app GFXBench DirectX Benchmark, che abbiamo scaricato attraverso il Windows Store. Si tratta di un tool, che misura le prestazioni delle DirectX 11 sulla piattaforma su cui è installato, fornendo, a differenza di molti altri tool, dati comparativi per confrontare i risultati con quelli ottenuti da altri dispositivi. I risultati sono espressi in frame rate, e in particolare in frame per secondo (fps), ovvero fotogrammi per secondo che la GPU è in grado di elaborare.

Manhattan 1080p Off-Screen
Il test Manhattan si basa sulle librerie grafiche OpenGL ES 3.0, eseguito attraverso la riproduzione di una scena notturna in un cui un robot gigante si batte contro dei carri armati, e che testa le capacità della GPU di renderizzare forward e deferred rendering, calcolo di geometrie ed effetti di luce. Il risultato è stato di soli 308 fps, del tutto paragonabili a quelli dell’AMD Radeon HD 7290 e 6250, due schede grafiche integrate in alcuni processori Ontario montati su Netbook,su cui anche giochi datati come Fifa 13 o Skyrim risultavano quasi del tutto ingiocabili anche anche a 1024×768 (con risultati sempre inferiori a 10fps)

Manhattan_1 Manhattan_2

T-Rex 1080p Off-screen
T-Rex, basato sulle librerie grafiche OpenGL ES 2.0, testa invece la capacità della GPU di riprodurre più effetti contemporaneamente, come sfocature in movimento, riflessi planari, luci e ombreggiature, attraverso la simulazione di una sequenza d’azione che vede protagonista un motociclista inseguito nella giungla da un T-Rex.

t-rex

ALU 1080p Off-Screen
Questo test misura le prestazioni degli shader, ovvero delle istruzioni volte a riprodurre il comportamento fisico di un materiale, attraverso l’elaborazione di vertici di oggetti geometrici (Vertex shading) fino all’eleborazione dei singoli pixel (Pixel shading)

alu-off

Alpha Blending Off-Screen
Il test di Alpha Blending misura invece la capacità della GPU di gestire le trasparenze, analizzando l’eleborazione del cosiddetto canale alfa (che regola la trasparenza di un pixel) attraverso la riproduzione di quadrati semi-trasparenti.

alpha-off

Fill Rate Off-Screen
Infine il test Fillrate misura le prestazioni di texturing, ovvero il numero di pixel che è in grado di renderizzare in un dato lasso di tempo. Tale test viene eseguito renderizzando quattro livelli di texture compresse.

fill-off

Come potete vedere dai test, i risultati dei benchmark grafici sono stati piuttosto bassi, tanto da escludere ogni pretesa di utilizzo come piattaforma gaming (d’altronde Komu Mini PC non nasce per questo scopo). Ciononostante abbiamo pubblicato ugualmente tutti i test eseguiti, a supporto di una trattazione il più possibile completa. Una volta compresi i limiti della scheda grafica nel PC gaming, abbiamo voluto vedere come si comportasse davanti un gioco orientato ai dispositivi portatili, Asphalt 8, scaricandolo dal Windows Store. Anche qui purtroppo, la presenza di evidenti lag ci ha costretto ad abbandonare il gioco.

PC Benchmark
PC Benchmark, frutto della Jujuba Software, è un benchmark completo utilizzato per la misura della velocità dei principali componenti di un PC: in particolare della memoria di sistema, CPU, RAM, e GPU.

PC-Benchmark

Da qui si possono osservare le basse velocità di GPU, RAM e CPU, a conferma dei test fin qui effettuati. Molto buona invece la velocità del disco, che conferma, nonostante l’inferiorità rispetto ad una SSD, che la memoria interna, seppur ridotta a soli 32GB, può godere di una buona velocità, come osservabile nella pratica non solo dagli ottimi tempi di avvio del sistema ma anche dalla rapida apertura di app e programmi e di trasferimento dati con supporti di memoria esterni. Come termine di paragone vi riportiamo i dati che si ottengono con un Surface 2:

linear write: 36.09 MB/s
linear read: 78.02 MB/s
512k write: 15.03 MB/s
512k read: 31.70 MB/s
4k write: 3.23 MB/s
4k read: 3.43 MB/s

A supporto di questa osservazione abbiamo effettuato la stessa analisi utilizzando un altro benchmark “Disk Benchmark” con cui abbiamo testato le prestazioni della memoria interna Flash, ottenendo i seguenti risultati.

Disk-Benchmark

Test: browser

Soffre invece la navigazione su web, sia in termini di caricamento delle pagine web, che dal punto di vista della fluidità, su cui pesa un input lag tale da minare l’esperienza di navigazione. Facendo ad esempio rapidi scroll con il mouse o scrivendo rapidamente un testo, si può notare la presenza di un discreto ritardo. A conferma di un’esperienza di navigazione non impeccabile abbiamo effettuato un test al benchmark Browsermark, che misura la qualità di navigazione in un contesto più realistico possibile. Il punteggio ottenuto è stato di appena 993 punti, inferiore a più del 95% di tutti i PC desktp che hanno effettuato lo stesso test. Con questo non vogliamo dirvi che il Komu Mini PC non consenta di navigare sul web, ma piuttosto che, comprensibilmente, non si presta ad una navigazione fluida ed impeccabile come quella a cui siete abituati tramite un buon desktop.

browsermark browsermark2 bowsermark3

Test: Software di vario tipo
Per testare le potenzialità e i limiti del Komu MiniPC nell’utilizzo come un reale PC desktop, abbiamo installato Adobe Photoshop CC. Nonostante i tempi di caricamento più lenti delle immagini da elaborare e la presenza di lag anche nella semplice navigazione nel menu (dovuti anche alla connessione di un monitor a 1080p) siamo ancora stati in grado di utilizzarlo per le funzionalità più semplici. Tutte le screen pubblicate in questa recensione sono state modificate e salvate utilizzando proprio Photoshop, senza riscontrare particolari criticità. Inoltre l’abbiamo provato anche un blando image editing, modificando foto scattate sia da cell che da fotocamera digitale, superando le nostre aspettative iniziali.

photoshop komu mini pc

Batteria e autonomia

La possibilità di utilizzarlo anche senza connetterlo ad una presa non è da sottovalutare. Risulta utile ad esempio quando lo spostiamo da una stanza all’altra di casa per connetterlo ad esempio alla TV del salone per la sola visione di un film su uno schermo più ampio, senza doverci portare dietro anche l’alimentatore.

In tal senso l’autonomia è pienamente sufficiente e riesce addirittura ad andare oltre il necessario, essendo sufficiente anche all’utilizzo di un’intera giornata lontano da fonti di alimentazione. Merito di un’autonomia così elevata è nei bassi consumi del processore Atom, pensato per dispositivi portatili e nell’assenza di un display.

Interessante anche la possibilità di utilizzarlo come powerbank, per ricaricare dispositivi come smartphone e tablet tramite cavi USB-microUSB. Si tratta ovviamente di una feature ulteriore di Komu MiniPC piuttosto che essere una funzionalità primaria: d’altronde se questo deve essere lo scopo principale sono in vendita powerbank di simili dimensioni con capacità della batteria ed efficienza superiori.

Disponibilità e prezzo

Komu MiniPC è una valida alternativa ai PC standard, è disponibile sulla pagina ufficiale e, oltre ai canonici siti online come Amazon.it al seguente link, ci sono diverse opportunità per poterlo acquistare anche nei negozi fisici in tutta Italia.

Komu mette a disposizione una pagina online per scoprire dove acquistare il MiniPC. Come sempre, sono coperti da garanzia italiana per 24 mesi e assistenza sul territorio.

Si ricorda che il prezzo di listino è di 149.90€.

BoLv Z83II Mini PC Intel Atom x5-Z8350 Processor (2M Cache, up to 1.84 GHz) Intel HD Graphics Windows10 OS DDR3 2GB/ Windows(C:) 32GB 1000Mbps LAN Bluetooth 4.0 WIFI IEEE 802.11a/b/g/n 2.4G+5.8G intel mini compute
Prezzo consigliato: 159.99€
Risparmi: 63.09€ (0%)
Prezzo: 159.99€

Conclusioni

komu mini pc

Alla luce delle nostre prove dettagliate, possiamo dirvi che Komu Mini PC è un’ottima soluzione non solo per tutti coloro che sono in cerca di un buon mini PC da utilizzare come player multimediale, ma anche da coloro che fanno un utilizzo del PC limitato alla sfera dell’intrattenimento, gaming escluso. Komu Mini PC ha dimostrato infatti di essere in grado di svolgere in maniera impeccabile la funzionalità principale per cui è stato studiato: la riproduzione di contenuti multimediali, mostrandosi capace di gestire egregiamente anche la risoluzione Full-HD. Il mancato supporto ai file H265 e 4K non rappresenta alcun problema per gran parte degli utenti, soprattutto considerando la diffusione ancora limitata dei contenuti a 4K. La comodità di trasporto, frutto delle dimensioni compatte, e la possibilità di utilizzarlo come powerbank completano le possibilità offerte da un prodotto che riesce nell’impresa di dimostrare che al giorno d’oggi ci si può dotare di un buon PC anche senza spazio in casa e soprattutto senza spendere cifre elevate.

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.