La migliore build mini-ITX per creators con 2000 euro

Nel precedente articolo di questa serie, dedicata alle migliori build mini-ITX, abbiamo proposto una configurazione da gaming molto compatta con budget 1000 euro. Questa volta vi presentiamo una macchina mirata ai creators, basata su un case compatto, ma alzando l’asticella del prezzo a 2000 euro.

Il Case: GEEEK A60 PLUS

Geeek non è un brand particolarmente conosciuto. Si tratta di un’azienda Taiwanese fondata nel 2012 da un gruppo di giovani appassionati. La nuova line-up lanciata quest’anno è molto valida, per questo motivo abbiamo voluto scegliere questo GEEEK A60 Plus come case per questa build. E’ un prodotto compatto, esteticamente molto bello e con una buona gestione dello spazio interno. E’ costruito in metallo mentre le paratie sono in vetro ed in generale restituisce una buona sensazione di solidità. Gli ingressi sono ridotti a sole 2 porte USB sul fronte, ma tutto sommato sono sufficienti per la maggior parte dell’utenza. L’airflow è quello che ci si aspetterebbe, senza spiccare nè in positivo nè in negativo.

La motherboard: Gigabyte B450 i Aorus Pro WIFI

Passando alla scheda madre, abbiamo scelto una delle migliori B450 in commercio, la Aorus Pro WIFI di Gygabite, ma in formato mini-itx.

Come per la sorella maggiore, la dotazione di porte e connettori è al vertice della categoria, il design è molto accattivante, la qualità dei VRM è ottima. Infine il supporto nativo ai Ryzen di terza generazione la rende idonea a montare la CPU che abbiamo selezionato per questa configurazione.

Il processore: AMD Ryzen 9 3900x

Per la prima volta, da quando abbiamo cominciato a dedicare articoli alle migliori configurazioni, inseriamo un Ryzen 9 in una build. Questo perchè si tratta di una CPU di fascia molto alta, ed il costo è quindi particolarmente elevato. Inoltre nelle precedenti configurazioni con questo budget abbiamo prediletto GPU top di gamma, tuttavia in questo caso per una serie di motivi (che approfondiremo dopo) abbiamo preferito optare per un Ryzen 9, ma una scheda video di fascia inferiore. Poco male trattandosi di una macchina per creators, più che da gaming, ed anzi il processore più performante in alcune situazioni si rivela ben più utile della potenza grafica. Fatta questa premessa, è arrivato il momento di approfondire sul Ryzen 9 3900x: parliamo di una CPU che vanta ben 12 cores/24 threads con frequenza in boost di 4.4 GHz e l’architettura a 7 nm ha poi permesso un buon aumento delle performance e al tempo stesso riduzione dei consumi. Il dissipatore in bundle è fortemente sconsigliato, in quanto inadeguato alla gestione di una “bestia” del genere, ma a tal proposito abbiamo approfittato del budget a disposizione per inserire, vedremo dopo, un dissipatore aftermaket.

Le RAM: Corsair Vengeance 32 GB 3200 MHz

Le Corsair Vengeance sono un classico. Corsair è ormai sinonimo di garanzia, e queste Vengeance sono vendute ad un buonissimo prezzo. 32 GB, future-proof e l’accoppiata Ryzen 9 + RAM 3200 MHz è una scelta vincente. Peccano un pò in estetica ma il prezzo è un loro punto a favore.

La scheda grafica: Nvidia RTX 2070 Super

L’RTX 2070 Super è l’attuale proposta di fascia medio-alta di Nvidia per il mercato consumer. Le prestazioni sono in linea con quelle dell’equivalente soluzione AMD, l’ RX 5700XT, nonostante il prezzo sia significativamente più alto. A dirla tutta avremmo preferito optare per quest’ultima, ma le dimensioni ridotte del case non avrebbero consentito l’inserimento di una buona custom. Aldilà di ciò si tratta comunque di una GPU adatta a reggere carichi di lavoro elevati, grazie anche agli 8 GB di VRAM. Noi consigliamo il modello “Ventus” di MSI, per affidabilità, prestazioni e dissipazione ma soprattutto per le dimensioni compatte che ci consentono di inserire questa GPU in case mini-ITX.

L’archiviazione: Sabrent Rocket 2280 2 TB

Nella guida all’acquisto ai migliori NVMe abbiamo ampiamente parlato di questo prodotto, poichè si tratta del miglior NVMe Gen 3. In breve i punti di forza di questo SSD sono prestazioni ottime, affidabilità delle memorie e un buonissimo rapporto qualità prezzo. Le caratteristiche appena elencate fanno di questo Sabrent la migliore scelta per questa build. Infine la memoria di 2 TB consente di archiviare grandi quantità di dati.

L’alimentatore: Corsair SF600

Un buon alimentatore è fondamentale, per questo consigliamo sempre prodotti affidabili e con almeno una certificazione 80+ Bronze. In questa build vi proponiamo un prodotto SFX (dimensioni compatte quindi) 600W 80+ gold. Si tratta di una PSU estremamente affidabile, non particolarmente potente ma sufficiente per questa build. E’ anche modulare, in modo da gestire al meglio i cavi. Il prezzo non è dei più bassi, sul mercato ci sono soluzioni più economiche, ma in una build di questo livello non ci sentiamo di consigliare un prodotto low-cost.

Il dissipatore: NZXT Kraken X53

Come abbiamo accennato nel paragrafo dedicato alla CPU, essendo la ventola in bundle non adatta a gestire il Ryzen 9, abbiamo approfittato del budget a disposizione per inserire nella configurazione un dissipatore a liquido. Si tratta dell’NZXT Kraken X53, un buon dissipatore All In One dotato di valide performance. Il radiatore da 240mm con 2 ventole, la pompa e il water block son stati riprogettati rispetto alla generazione precedente, ed in effetti il salto in avanti è ben visibile. Con questo AIO potrete dissipare efficacemente moltissime CPU, anche se avremmo preferito optare per l’X72 in modo da ottenere maggiori performance, tuttavia non è stato possibile in quanto manca lo spazio fisico per inserirlo nel case. Anche il design è di rilievo, con il solito stile sobrio ma moderno che contraddistingue NZXT. Ci sono l’illuminazione RGB e la compatibilità col software NZXT Cam per una gestione completa del dissipatore. Proprio il software è il punto debole di questo prodotto, ma ciò non toglie che si tratti di una validissima scelta.

Come accennato nel precedente articolo, in questa serie stiamo proponendo PC non adatti a tutti, con alcuni inevitabili compromessi fisici, per questo qualora vi foste resi conto di non essere interessati ad una soluzione mini-ITX vi rimando all’articolo sulla migliore configurazione per creators con 2000 euro.

Di Filippo Fedele

Giovane ma appassionato, amo il mondo della tecnologia a 360°. Do sempre il massimo e sogno un futuro in cui avrò limato tutti i tempi morti in modo da dedicarmi alle mie passioni.



Lascia un commento