News Recensioni Recensioni smartphone

LG G Flex: recensione dello smartphone più sinuoso del mercato

Mag 6, 2014

LG G Flex: recensione dello smartphone più sinuoso del mercato

lg-g-flex-display-ppi

L’annuncio di LG G Flex ha fatto scalpore in tutto il mondo grazie all’incredibile dotazione del primo schermo curvo HD per un terminale mobile. In concomitanza con l’uscita del Galaxy Round di Samsung (ndr: non arrivato in Italia), abbiamo avuto modo di vedere come anche il mercato dei display si stia evolvendo rapidamente, a prescindere della risoluzione. Non stiamo parlando infatti di una tecnologia AMOLED o LCD a far scalpore, ma proprio la conformazione fisica di questo pannello che è effettivamente curvo e, proprio per rendere la forma curva dell’intero device, ha avuto un vistoso adattamento della batteria, creata appositamente per il G Flex.

La novità di questo smartphone Android non risiede solo nel pannello, ma anche nell’incredibile scocca posteriore, il cui grandissimo pregio è una sorta di auto-guarigione da graffi. Infatti, come approfondiremo nel paragrafo del design, la scocca è rivestita di una particolare pellicola che, grazie al calore, riesce a coprire eventuali graffi o danni (leggeri) alla scocca.

lg-g-flex-design-back-dritto

Queste grandissime novità sono veramente passi in avanti eccezionali in campo hardware e LG, in questo caso, fa pagare l’innovazione con un prezzo che supera persino quello degli ultimi top di gamma arrivati in Italia. Difatti, in abbinamento e partnership con Vodafone, il terminale è in vendita a circa 899€.

Il prezzo, sicuramente molto elevato e non adatto alle tasche di tutti, permette comunque di portare a casa uno smartphone caratterizzato da specifiche tecniche da primo della classe, che prevedono la presenza di un chipset Snapdragon 800 abbinato a 2 GB di RAM, una fotocamera Ultra HD da 13 Megapixel e il display di impatto da ben 6 pollici. Scopriamo le potenzialità e gli eventuali limiti di LG G Flex in questa recensione completa.

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.