LG Wing: la RECENSIONE | Un prototipo o un successo?

Oggetto della recensione di oggi è LG Wing, uno smartphone ai limiti del prototipo che potrebbe davvero innovare un mercato ormai prossimo alla saturazione.

LG, abbreviazione di Lucky Goldstar, è un marchio molto famoso che produce un po’ in tutti i campi della tecnologia. Il parco prodotti spazia dagli elettrodomestici, ad ottime TV, proseguendo sui monitor e persino ultrabook di alto livello. Produce anche smartphone, ma in questo settore ha spesso sperimentato senza dare spesso seguito a trovate innovative che avrebbero potuto funzionare, come in passato con gli smartphone modulari.

Ebbene quest’anno LG è tornata alla carica e ci ha presentato uno smartphone tutt’altro che usuale; più un prototipo che uno smartphone vero e proprio. Parliamo di LG Wing, il primo smartphone al mondo con due display visualizzabili contemporaneamente, mediante un sistema di rotazione dello schermo principale.

Questo nuovo concept di telefono avrà un futuro? Sarà realmente utile nella vita di tutti i giorni? Lo scopriremo insieme in questa recensione!

Scheda tecnica

OSAndroid 10
ProcessoreQualcomm Snapdragon 765G
Memoria8GB LPDDR4x/128GB UFS 2.1
MicroSDfino a 2TB
Display6,8″ POLED FHD+ (2460×1080; 395 PPI)
60Hz, 20:9
Display secondario3.9″ AMOLED (1240×1080; 419 PPI)
Fotocamera principaleTripla fotocamera:
-64MP (78°) F/1.8, stabilizzazione ottica;
-13MP (117°) F/1.9, bassa distorsione;
-12MP (120°) F/2.2, bassa distorsione, stabilizzatore Hexa Motion
Fotocamera anteriore32MP popup (79,6°) F/1.9
Zoom1x ottico, 10x digitale
BatteriaLi-ion 4000mAh
Quick Charge 4.0+
PD3.0 fino a 25W
Ricarica wireless 10W
Dimensioni e peso169,5 x 74,5 x 10,9 mm (chiuso)
169,5 x 169,5 x 10,9 mm (aperto)
260g circa
Dual SIMSi
Sensori-Sensore di prossimità
-Accelerometro
-Giroscopio
-Sensore di luminosità
-Bussola digitale
-Barometro
-Lettore impronte digitali ottico
Connettività5G, BT 5.1
DL: 7500Mbps, UL: 3000Mbps
USB Type-C 3.1

Dimensioni e peso

Le dimensioni come da scheda tecnica non sono poi eccessivamente esagerate, anche se lo schermo così grande risulta molto comodo per vedere film e video.

Il peso è un po’ meno contenuto delle dimensioni e probabilmente non esiste telefono più pesante attualmente. Diciamo che è abbastanza pesante come smartphone, anche se rimane davvero utilizzabile nella vita quotidiana: ci si fa molto presto l’abitudine. Chi è abituato agli ultimi modelli di iPhone avrà una percezione di peso non troppo dissimile.

Design

Il design di LG Wing è davvero bello anche grazie al rapporto d’aspetto di 20:9; infatti è molto lungo e stretto. Lo schermo ha dei bordi quasi impercettibili e persino curvi.

LG Wing è disponibile in 2 colorazioni: Aurora Grey e Illusion Sky; anche se consiglio vivamente la seconda perché è veramente bellissima, rende lo smartphone molto elegante.

Il display (doppio) di LG Wing

Abbiamo un discorso a parte da fare sul display, ma partiamo dalla qualità del pannello principale, che è davvero stupendo. Si tratta di un classico pannello OLED, ma non così tanto classico.

Ormai su tutti gli smartphone dai 400/500 euro in su troviamo pannelli OLED; chi usa pannelli medio gamma, chi usa pannelli “low cost”. Anche sui top di gamma da più di 1000 euro spesso non si utilizzano pannelli poi così incredibili, anche se comunque di ottima qualità, ma vi assicuro che LG ha battuto tutti. In senso assoluto pannelli migliori, anche nelle TV, ce ne sono ben pochi rispetto a questo, vi lascio immaginare quale sia l’esperienza di visione su questo schermo.

Per vedere film in mobilità non credo esista di meglio.

Per quanto riguarda il secondo schermo niente di particolare da segnalare se non che è un normalissimo OLED, che ovviamente è giustificato dal fatto che andrebbe utilizzato per altro, non ci certo per vedere film; anche se si tratta pur sempre di un pannello OLED.

E ora veniamo alla peculiarità di questo smartphone.

Lo schermo principale grazie a un semplice gesto di spinta della mano, è in grado di ruotare di 90° mettendosi in orizzontale, così da mostrare anche il secondo schermo sottostante. Questa modalità a doppio schermo anche se apparentemente inutile, torna invece utilissima in tante situazioni di vita quotidiana in quanto permette diverse funzionalità di cui parlerò nello specifico in seguito. La funzione più immediata che può venire in mente è l’utilizzo di due applicazioni contemporaneamente. Sullo schermo principale YouTube, Netflix, Prime video ecc. e sul secondario un servizio di messaggistica: Gmail, WhatsApp, Telegram ecc.

In pratica senza scomodarvi dal vedere il vostro film, o senza vederlo in una scheda piccolissima, potrete continuare a vederlo anche mentre messaggiate. Che dire: splendido.

Ma le potenzialità di questo smartphone non si fermano al semplice utilizzo di due applicazioni; possiamo utilizzarlo per scrivere più comodamente tramite una tastiera più ampia; e possiamo persino sfruttare le modalità che LG ha predisposto. Parliamo dei controlli multimediali, della presa stabile, della modalità Gimbal e tanto altro.

Software e prestazioni

Relativamente al software e alle prestazioni di LG Wing vi consiglio di vedere il video di anteprima, dove abbiamo parlato di prestazioni e della reattività. Anche se non è dotato di un processore proprio top di gamma, il chip Snapdragon 765G si difende molto bene e dona una reattività accettabilissima a questo smartphone.

Lo smartphone è più che accettabile e anche abbastanza fluido; anche se ovviamente su un top di gamma avrebbe fatto piacere trovare un chip Snapdragon 855, piuttosto che il 765G.

Il software è il classico Android 10 personalizzato da LG, che ha anche aggiunto una diversa interfaccia dello schermo principale quando si apre il telefono; per rendere più semplice la scelta delle app.

Ovviamente tale interfaccia è “personalizzabile” in quanto possiamo aggiungere i collegamenti che vogliamo noi e togliere magari i predefiniti di cui non abbiamo bisogno. Per la scelta delle app sarà disponibile poi il classico pannello “cerca” e il cassetto app.

Confronto Snapdragon 765G e Snapdragon 855
Confronto Adreno 620 e Adreno 640

La fotocamera di LG Wing

Sul comparto fotografico ho tanto da dire: le specifiche dei sensori le ho già inserite nella scheda tecnica sopra, ma ora vediamo come si comportano realmente.

Inizio con il dire che tutti i sensori sono molto grandi rispetto ai classici che vediamo nei top di gamma, hanno una grandezza simile a quelli di iPhone 11 e 12.

Il sensore principale da 64MP è un normalissimo sensore, la qualità è davvero buona e permette scatti, ovviamente in 4:3, che sono davvero di ottima qualità.

Gli altri due sensori sono grandangolari; uno per foto e video (non stabilizzato) e l’altro sfruttabile con la funzione gimbal (stabilizzato).

Nulla da dire sulla qualità in quanto sono un po’ come gli altri smartphone: fanno quello che devono fare senza troppe pretese.

La fotocamera anteriore invece è una eccellente popup da 32MP; ha un ottimo campo visivo e la qualità ovviamente è eccezionale. Anche perché fotocamere anteriori con più di 32MP non credo abbiano granché senso.

Veniamo al software: nell’anteprima abbiamo parlato dell’interfaccia che non ci è piaciuta più di tanto. In realtà non è proprio comunissima anche se comunque quando ci si fa l’abitudine risulta ugualmente abbastanza comoda.

Un problemino che volevo segnalare riguarda la messa a fuoco manuale: con la funzione PRO di video e foto (denominate da LG, Video e Fotocamera manuale) è possibile impostarla letteralmente in modalità manuale.

Purtroppo con la messa a fuoco manuale tramite software invece non si riesce a mettere a fuoco quello che si vuole. Cliccando sullo schermo nel punto da mettere a fuoco appare il classico cerchietto e il telefono inizia a mettere a fuoco, tuttavia finita l’operazione la messa a fuoco trovata non sarà delle migliori, anzi spesso è proprio inutilizzabile. Per questo motivo in modalità automatica sarà possibile nella maggior parte dei casi mettere a fuoco solo il soggetto che decide il software; diversamente scegliendolo da sè non si riuscirà a mettere a fuoco correttamente (ovviamente ci sono le eccezioni).

E’ una cosa che mi è dispiaciuta molto in quanto si tratta solo (probabilmente) di un problema software in quanto il device è dotato di sensore TOF che dovrebbe permettere una messa a fuoco senza eguali. Effettivamente la messa a fuoco automatica funge benissimo. Questo è proprio un peccato e ci tenevo a segnalarlo.

Ovviamente se non riuscite a mettere a fuoco un oggetto a 10cm con la 64MP non ve la prendete con LG perché, dato il sensore utilizzato, mi pare anche giusto che non riesca a mettere a fuoco una cosa molto vicina (la modalità macro non è disponibile).

Modalità Gimbal

La novità vera e propria nel reparto fotografico di LG Wing è la modalità Gimbal. Il software si serve di un sensore 12MP che, tramite stabilizzatore Hexa Motion e successiva elaborazione software, è in grado di offrire video stabilizzati davvero incredibili. E’ possibile scegliere tra le varie opzioni di stabilizzazione disponibili e il risultato sarà davvero eccellente anche se non avrete bisogno dell’ausilio di un Gimbal esterno, che comunque ingombrano e costano.

Per vedere le funzionalità nello specifico di questa modalità Gimbal vi consiglio di passare dalla nostra recensione su YouTube, in cui parleremo di queste modalità. Se desiderate ottenere informazioni molto più specifiche sulle funzionalità del telefono e anche sulla modalità Gimbal, LG ha reso disponibile una guida su youtube che vi consiglio di visionare.

Modalità notte

La modalità notte non è malissimo, in condizioni di scarsissima luce riesce comunque a vedere molto bene anche se ovviamente l’immagine risulterà un po’ granulosa. Questo risultato è ottenuto grazie ai sensori sono molto grandi, il software alza molto l’esposizione (circa 2-4 secondi fino ad arrivare a 8 secondi in condizioni di buio totale): dunque dovrete stare immobili per non far uscire l’immagine mossa. (se avete un cavalletto tanto meglio)

A destra foto scattata con Oppo, a sinistra con LG Wing. La zona era completamente buia e si faticava a vedere già a occhi nudi. (L’esposizione è stata di circa 8 secondi, purtroppo senza cavalletto)

Batteria e autonomia

Come detto nella scheda tecnica questo smartphone è dotato di una batteria agli ioni di Litio da ben 4000mAh, grazie al quale è possibile raggiungere la fine della giornata con un buon 10% anche dopo una giornata intensa e con tante ore di schermo, a luminosità piuttosto elevata.

Come potete vedere negli screen sottostanti, dopo ben 13 ore e 8 ore e mezzo di schermo, la batteria si assesta a circa 10/15%, che per un utilizzo normale è più che sufficiente visto che magari arriverete a fine giornata con un 20% di carica.

La ricarica è garantita da un alimentatore (incluso in confezione) da ben 25W. E’ disponibile anche la ricarica wireless a 10W.

Dove comprarlo

Il verdetto
LG Wing è uno smartphone fantastico e con grandi potenzialità. In particolare questo brevetto del doppio schermo di LG ha grandissimo potenziale e se implementato nei dispositivi giusti, può trovare largo utilizzo da molte persone, sia per utilità che per comodità. Questo smartphone, con qualche fix software e magari in una nuova versione con un hardware ancora più convincente può raggiungere davvero il successo. In sé è un dispositivo molto bello e comodo e anche abbastanza prestante. Anche se si tratta di una sorta di "prova" secondo me il potenziale di cui è dotato si può trasformare in qualcosa di concreto ed LG farebbe bene ad investire su questa tecnologia, magari anche ridimensionando un po' i costi e pubblicizzando molto questa nuova tecnologia a molti sconosciuta. LG Wing passa a pieni voti la prova, perciò se pensate che le peculiarità che caratterizzano questo modello facciano al caso vostro vi consiglio vivamente di prenderlo (soprattutto per lo schermo che merita veramente tanto). Se ovviamente non siete grandi utilizzatori del vostro smartphone e queste features non vi interessano o almeno non abbastanza da giustificare una spesa così esosa, allora vi consiglio di optare su altro in cambio di, magari, un hardware più prestante (sebbene resti comunque ottimo anche sotto questo punto di vista) e di un peso più contenuto.
Design
8.5
Display
9.7
Prestazioni
8
Sistema
8.5
Fotocamera
7.5
Autonomia
8
Rapporto qualità/prezzo
6.7
Pro
Design davvero fine
Ottima l'idea del doppio schermo
Modalità Gimbal molto utile a chi é solito fare video in mobilità
Schermo davvero stupendo
Buonissima autonomia
Connettività ottima
Contro
Un po' piú pesante della media
Software fotografico da ottimizzare
Prezzo troppo alto e non alla portata di tutti
8.1
Lascia un commento
Previous Post

Corsair K60 RGB PRO Low Profile: la RECENSIONE

Next Post

I migliori monitor da gaming sotto i 200 euro