News Ultrabook

MacBook Air (13 pollici): recensione completa

Gen 15, 2012

author:

MacBook Air (13 pollici): recensione completa

 

Performance

Le performance del MacBook Air da 13 pollici sono eccellenti, soprattutto se rapportate al precedente modello dotato di processore Intel Core 2 Duo. A circa un anno di distanza il processore Intel Core i5 del nuovo Air, affiancato da 4GB di RAM DDR3 e 128GB (o 256GB a seconda delle versioni) di disco SSD, rende il nuovo Air il doppio più veloce rispetto al predecessore. Sebbene siamo lontani dalle performance del MacBook Pro a 15 pollici, sorprende l’incremento di 2x dopo un solo anno.

Come già sottolineato spesso però i notebook da 13 pollici o inferiori non si prestano molto ad un utilizzo gaming, a causa di una mancanza di una scheda grafica dedicata. Quali sono i vantaggi allora di quest’incremento nelle performance? L’utilizzo “business”, che raggiunge ora livelli tali da permettere l’apertura contemporanea di diversi programmi più o meno “pesanti”. Dai programmi di editing di immagini e video, ai client FTP, a file multimediali mostrando solo di rado qualche incertezza. Aspettatevi però di sentire il rumore della ventola non appena il carico di lavoro sarà tale da richiederne l’ntervento.

Dall’accensione impiega solo 15 secondi per far apparire la schermata di login di Lion, inoltre l’apertura dei programmi, grazie al disco SSD, è davvero rapida. La velocità di trasferimento dati nell’interazione con il disco SSD è di 127MBps: insomma se lo spirito degli ultrabook deve essere quello di minimizzare i tempi di attesa davanti ad un pc, allora il MacBook Air ci riesce perfettamente.

 

Autonomia

Apple dichiara un’autonomia del MacBook air da 13 pollici fino a 7 ore di navigazione web tramite Wi-Fi.I test effettuati da Slashgear, sempre misurata in termini di navigazione web tramite Wi-Fi, hanno mostrato che l’autonomia del MacBook Air è pari a circa 6 ore e 25 minuti con l’illuminazione dello schermo impostato al 40%. Solo 11 minuti in meno rispetto all’Air della precedente generazione, molto meno performante.

Solo per fare qualche paragone con gli altri ultrabook, il Samsung Serie 9 ha registrato un’autonomia della batteria di circa un’ora inferiore, mentre il Toshiba Portege R835 si è posto a livelli molto simili (6 ore e 22 minuti) a quelli del MacBook Air.

Misurando l’autonomia della batteria invece in termini di riproduzione video, il MacBook Air ha terminato la sua carica dopo circa 5 ore e mezza. In ogni caso, qualsiasi sia il metodo utilizzato per misurare l’autonomia, il MacBook Air si comporta egregiamente durante le normali attività quotidiane. Non è difficile raggiungere le 7 ore di autonomia dichiarate da Apple se la vostra attività si limita principalmente alla semplice navigazione Web, all’aggiornamento dello stato sui social network, o all’utilizzo di programmi di semplice scrittura.

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.