Guide Guide all'acquisto Smartphone

I migliori smartphone da comprare nel 2018 (per ogni fascia di prezzo)

Nov 12, 2018

author:

I migliori smartphone da comprare nel 2018 (per ogni fascia di prezzo)

Sono tante le persone che vogliono comprare uno smartphone ma non hanno di quanto sia giusto spendere. Non tutti infatti hanno in mente un budget massimo, e in tanti vogliono prima capire quali siano i vantaggi di uno smartphone rispetto ad un altro e capire se valga la pena spendere di più. In questa guida abbiamo scelto i migliori smartphone presenti sul mercato, scegliendo per ogni fascia di prezzo il modello che, secondo noi, è la miglior scelta che potete fare avendo a disposizione quel budget.

Il miglior smartphone a 50 euro: NESSUNO

Al giorno d’oggi è possibile trovare smartphone Android a prezzi stracciati, ovviamente cinesi, ma vi sconsigliamo vivamente di comprare modelli che costino 50 euro o addirittura meno. Può avere senso (forse) solo se vi serve un secondo cellulare o un muletto provvisorio se il vostro è in assistenza, ma se intendete utilizzarlo come primo dispositivo vi troverete a far fronte a tanti problemi. Prima di tutto perché i modelli venduti in questa fascia di prezzo hanno 1 GB di RAM, che al giorno d’oggi non sono sufficienti per far girare in maniera soddisfacente Android e le varie app. La memoria interna poi è spesso da soli 8 GB, che, tolto lo spazio occupato da sistema operativo, lascia ben poco margine per le app (installarle su SD è sconsigliato perchè vi creerà altri problemi). Se non volete veder comparire fastidiosi messaggi che vi avvisano che la memoria è piena, anche dopo aver installato pochissime app, sappiate che 16GB è il requisito minimo (e sono anche pochi). Ricapitolando: ci sono smartphone che possiamo consigliarvi a 50 euro? NO. Meglio tenersi i soldi o in alternativa acquistare un cellulare tradizionale a questo punto (detto anche feature phone), con una buona ricezione e che vi faccia riscoprire la piacevolezza di una tastiera fisica.

Il miglior smartphone a 100 euro: Xiaomi Redmi 6A

Un budget di 100 euro è il minimo necessario per acquistare uno smartphone utilizzabile nella vita di tutti i giorni senza rischiare di buttare via i soldi. In questa fascia di prezzo è Xiaomi a farla da padrona, grazie ad un rapporto qualità-prezzo che non ha rivali. Con 100 euro il modello migliore che potete comprare è Xiaomi Redmi 6A, che ha 2GB di RAM (il minimo che vi serve al giorno d’oggi per uno smartphone Android), schermo HD ma soprattutto 32GB di memoria interna, che vi consentiranno di installare spensieratamente un buon numero di app e giochi. Il sistema operativo è Android 8.1 Oreo, con personalizzazione MIUI in versione 9.6 (è presente la lingua italiana).

Rispetto a Redmi 6 manca il lettore di impronte posteriore e la doppia fotocamera, ma è difficile chiedere di più ad uno smartphone pensato per la fascia ultra-economica. Non aspettatevi prestazioni da urlo, i compromessi da accettare sono la lentezza del sistema ed un’esperienza d’uso generale non proprio entusiasmante. Consiglio: compratelo su Gearbest, dato che su Amazon si trova ad una ventina di euro in più.

Il miglior smartphone a 150 euro: Xiaomi Redmi Note 5

È difficile trovare uno smartphone a 150 euro con delle specifiche tecniche comparabili allo Xiaomi Redmi Note 5. Ci sono alternative di altri brand cinesi ovviamente, ma visto l’ottimo successo che sta riscontrando Xiaomi nella fascia medio-bassa Xiaomi Redmi Note 5 può essere per molti la scelta più azzeccata.

Nonostante sia uno smartphone venduto a prezzi bassissimi, l’hardware può vantare ben 4 GB di RAM, a garanzia di un’elevata reattività del sistema, anche a fronte di un numero elevato di app installate. La memoria interna inoltre è da 64GB (espandibili tramite SD) e consente quindi un utilizzo spensierato delle app. Lato foto, può contare su una doppia fotocamera posteriore (una da 12MP con apertura f/1.9 e una seconda fotocamera da 5MP con apertura f/2.0) utilissima nelle foto con effetto bokeh (come la modalità ritratto). Degna di nota anche la qualità fotografica dei selfie, grazie ad una cam frontale da 13 MP con apertura ƒ/2.2. Lato software è basato su Android 8.1 personalizzata con l’apprezzatissima interfaccia MIUI (MIUI 9).

Infine la batteria da 4000mAh garantisce un’ottima autonomia. L’unico compromesso da accettare qui sono le dimensioni molto generose, trattandosi di un dispositivo da 5,99 pollici (risoluzione Full-HD+ in formato 18:9). Se le dimensioni non vi sembrano eccessive, con 150 euro è l’acquisto migliore che possiate fare.

Il miglior smartphone a 200 euro: Xiami MI A2

Xiaomi MI A2 è un altro ottimo smartphone di Xiaomi, che abbiamo incluso in questa guida per il rapporto qualità-prezzo imbattibile. Xiaomi MI A2 è un’altra dimostrazione del fatto che non occorre un budget elevato per avere uno smartphone che faccia egregiamente tutte le cose che la maggior parte delle persone fa con uno smartphone.

All’estetica e alla costruzione di ottima fattura, forte di una scocca in metallo, si aggiungono caratteristiche tecniche più che invitanti: processore Snapdragon 660, 4GB di RAM e memoria interna da 32GB, sufficienti per installare spensieratamente un buon numero di app. Da apprezzare anche la dotazione di Android One (8.1.0) sul lato software, ovvero della versione Android stock, priva di personalizzazioni da parte del produttore. Questo si traduce in aggiornamenti software puntuali e garantiti per almeno 18 mesi dal lancio del telefono.

Anche la fotocamera è di ottima qualità, frutto del doppio sensore frontale da 12 MP e 20MP con apertura f/1.75, capaci anche della registrazione a 4K a 30fps. Non manca la ricarica rapida grazie al supporto al QuickCharge 3.0. Difetti? Non ha il jack per le cuffie, scelta particolare per uno smartphone economico di Xiaomi (il 6X ce l’ha) e non ha l’NFC, scelta in controtendenza con i metodi di pagamento tramite NFC sempre più diffusi anche in Italia. Nonostante questo MI A2 è uno smartphone che non può non essere preso in considerazione da chi è alla ricerca di un modello da 200 euro. Anche qui il consiglio è di comprarlo da siti come Gearbest.

Il miglior smartphone a 300 euro: Xiaomi Pocophone F1

Sono ancora pochi a conoscerlo. Pocophone è un nuovo brand nato da una costola di Xiaomi, che ha presentato Pocophone F1 come uno dei cosiddetti “flagship killer”, ovvero quegli smartphone capaci di assicurare un’esperienza di altissimo livello alla pari di modelli di fascia alta, a prezzi decisamente più bassi.

Rispetto ai top di gamma è la qualità costruttiva il primo compromesso da accettare, con un ritorno nostalgico al policarbonato (plastica) per il retro. Sempre sul lato estetico convincono poco la presenza del notch e le cornici asimmetriche.

Nonostante questo le caratteristiche tecniche fanno del Pocophone uno smartphone di primissimo livello: processore Snapdragon 845 octa core da 2,8 GHz, ben 6 GB di RAM e una velocissima memoria UFS 2.1 da 64 GB (c’è anche una versione da 128 GB). Non manca la ricarica rapida (QuickCharge 3.0).

Il punto di forza di questo smartphone è l’autonomia. La batteria da 4000 mAh consente un utilizzo estremo durante la giornata senza preoccuparsi di dover ricaricare il telefono. L’ampio display da 6,2 pollici con risoluzione Full HD+ (1080 x 2246 pixel) consente di beneficiare appieno dell’apprezzatissima interfaccia MIUI 10. Tra i contro invece sono da menzionare l’assenza dell’NFC, una visibilità all’eterno non impeccabile e una qualità fotografica inferiore (negli scatti di sera) rispetto ai modelli più costosi inclusi in questa guida.

Il miglior smartphone a 400 euro: Samsung Galaxy S9

Se parliamo di bellezza estetica ci sono pochi dubbi: Samsung Galaxy S9 è oggettivamente lo smartphone con il design più elegante e curato sul mercato. Non ha l’odiatissimo notch, il vetro frontale con i bordi stondati è diventato ormai iconico e la sensazione al tatto del metallo è un invito ad utilizzarlo senza cover. Se siete alla ricerca di uno smartphone a 400 euro o poco più (450 euro è il prezzo attuale) è sicuramente la scelta migliore che possiate fare, considerando che si tratta di un top di gamma uscito a metà marzo a 899 euro e svalutatosi di circa la metà del suo prezzo di partenza a soli 7-8 mesi dall’uscita.

Il modello inserito in questa guida è l’S9 standard, mentre all’S9+ abbiamo preferito il Note 9 per l’esperienza d’uso arricchita dall’S-Pen. Il display è tecnicamente tra i migliori sul mercato: pannello SuperAMOLED con risoluzione WQHD+ (2960 x 1440 pixel) in formato 18.5:9 che ha una visibilità eccellente sotto la luce del sole.

La qualità fotografica è, come da tradizione Samsung, al top: la doppia fotocamera da 12MP assicura come sempre scatti di altissima qualità, anche di sera e in scarse condizioni di luce, e rispetto all’S8 si arricchisce adesso della possibilità di scegliere manualmente due aperture differenti: ƒ/1.5 e ƒ/2.4. A distinguerlo rispetto agli altri prodotti nella stessa fascia di prezzo c’è il supporto a DeX: collegandolo o ad un monitor per PC o una TV, assieme a mouse e tastiera, assicura un’esperienza d’uso del tutto simile a quella a cui siamo abituati con un PC. E’ ottimo quindi anche per chi vuole utilizzarlo per lavoro (anche se sotto questo aspetto è il Note 9 lo smartphone che vi consigliamo). L’unica pecca è l’autonomia nella media: non farete fatica ad arrivare a fine giornata ma era lecito aspettarsi un miglioramento rispetto all’S8 anche da questo punto di vista.

Il miglior smartphone a 500 euro: Google Pixel 2XL

A distanza di più di un anno dell’uscita il Google Pixel 2XL è un best-buy. Uscito ad un prezzo inaccessibile per molti (989 euro) lo si può trovare ora a circa 600 euro, e il prezzo è in continuo calo dopo la recente uscita del suo successore (Google Pixel 3 / 3XL).

I motivi principali per cui per cui si dovrebbe scegliere il Google Pixel 2XL rispetto agli altri top di gamma sono due: Google Experience e qualità fotografica. Il software alla base del Pixel 2XL è Android puro, pulito dalle personalizzazioni normalmente aggiunte dai produttori, e che mostra tutti i suoi vantaggi in termini di fluidità e reattività, essendo un dispositivo progettato dalla stessa Google. Le funzionalità presenti sono in numero inferiore rispetto alle interfacce altamente personalizzate degli altri produttori ma quelle presenti sono volte ad una migliore esperienza d’uso possibile, come la modalità always-on che permette di visualizzare le notifiche anche a schermo spento. La particolarità del software del Pixel 2 XL è Google Assistant, che grazie all’intelligenza artificiale, vi assisterà nelle operazioni quotidiane apprendendo di giorno in giorno le vostre abitudini, spostamenti, preferenze ed esigenze di ogni tipo.

Sappiate inoltre che gli aggiornamenti saranno garantiti per 3 anni, aggiornamenti che potrete installare poco dopo il rilascio ufficiale delle nuove versioni di Android. L’altro motivo per optare per il Google Pixel 2XL è la fotocamera: è stato infatti, inaspettatamente, lo smartphone con la miglior fotocamera tra i modelli presentati nel 2017, mostrando una netta superiorità anche contro i top di gamma di Samsung ed Apple. Non avrà la doppia fotocamera ma nel semplice “punta e scatta” è ancora oggi uno smartphone eccellente. Il motivo è negli algoritmi AI che Google ha saputo sviluppare meglio di chiunque altro, superando tutti i limiti.

Il miglior smartphone a 600 euro: Huawei P20 Pro

Huawei P20 Pro Single SIM 4G 128GB Black - Smartphones (15.5 cm (6.1
Prezzo consigliato: 603.99€
Risparmi: 3€ (0%)
Prezzo: 600.99€

Huawei P20 Pro, a distanza di meno di 6 mesi dall’uscita, è disponibile ora online a circa 300 euro in meno rispetto al prezzo di lancio. Se in uno smartphone cercate prestazioni al top e un’ottima qualità fotografica, il P20 Pro è uno smartphone che non potete non considerare. L’hardware assicura un’ottima longevità ed usabilità nel tempo, forte del processore Kirin 970 da 2.4Ghz e 6 GB di RAM. Non c’è la possibilità di espandere la memoria, data l’assenza dello slot per la microSD ma 128 GB consentono di installare spensieratamente le app, scaricare la musica e contenuti da piattaforme come Netflix ed archiviare un gran numero di foto e video.

Il comparto fotografico è di primissimo livello. La fotocamera di P20 pro è ancora oggi tra le migliori sul mercato grazie alla combinazione di 3 diversi sensori: un sensore principale da 40MP con apertura f/1.8, un sensore da 20 MP in bianco e nero e un sensore zoom 3X con apertura f/2.4 da 8MP con stabilizzazione ottica. Ad eccellere è la qualità delle foto di sera, grazie all’intelligenza artificiale che, attraverso una foto a mano libera per circa 4 secondi, dà la possibilità ai sensori di catturare tutta la luce possibile senza che la foto venga mossa.

Tra le caratteristiche tecniche degne di nota c’è anche l’ottimo display AMOLED da 6,1 pollici con risoluzione FullHD+ (2240 x 1080 pixel), una ricarica rapidissima tramite SuperCharge 5V/4.5A e un’autonomia davvero convincente, forte di una batteria da 4000mAh. Sono pochi i contro di questo smartphone, anche alla luce del prezzo invitante: non ha la ricarica wireless e il sistema operativo, la EMUI 8.1, è ancora qualche passo indietro in termini estetici e di usabilità rispetto ad altre interfacce.

Il miglior smartphone a 700 euro: Samsung Galaxy Note 9

Il Samsung Galaxy Note 9 è indubbiamente tra i migliori smartphone Android sul mercato, ideale per l’utenza “business” che vuole massimizzare la produttività e l’efficienza in ambito lavorativo. Sotto questo aspetto il vantaggio del Note 9 ruota attorno alle funzionalità della S-Pen, da sempre utilissima laddove abbiamo la necessità di scrivere appunti a mano, fare il crop di foto e screenshot e scriverci sopra delle note prima di inviarle. Stavolta la S-Pen integra anche una batteria per effettuare azione anche a distanza, come scorrere le presentazioni o le immagini. Sempre in ambito business non è da sottovalutare anche l’utilizzo insieme al Samsung DeX, per utilizzare il telefono come un PC collegandolo ad un monitor per PC o una TV, che, assieme a mouse e tastiera, assicura un’esperienza d’uso del tutto simile a quella a cui siamo abituati con un PC.

Anche se non fate parte dell’utenza business, i vantaggi del Note 9 rispetto agli altri top di gamma sono tanti: il display anzitutto è il migliore sul mercato, grazie ad uno schermo SuperAMOLED con HRD10 con risoluzione QHD+ (1440 x 2960 pixel). La qualità fotografica di Samsung è nota a tutti, e con il Note 9 Samsung riesce ad alzare ulteriormente l’asticella: la fotocamera principale da 12MP con f/1.5-2.4 migliora la qualità nelle foto di sera, l’altra da 12MP assicura uno zoom ottico 2X quasi senza perdita. Non mancano le tante funzionalità software, offrendo la possibilità di divertirsi con il super slowmotion o l’hyperlapse. Degne di nota anche gli ottimi effetti bokeh (soggetto a fuoco e sfondo sfumato) con la fotocamera frontale.  Ultimo appunto: non ha il notch, che tanti odiano.

Il miglior smartphone: Huawei Mate 20 Pro

Huawei Mate 20 Pro (Blu) più Cover Originale, Telefono con 128 GB, Display Oled 6.39
Prezzo consigliato: 1400€
Risparmi: 300.1€ (21%)
Prezzo: 1099.9€

Huawei Mate 20 Pro si candida ad essere il miglior smartphone Android del 2018. Il nuovo top di gamma Huawei è l’ultimo modello della riuscitissima serie Mate, che si presenta sul mercato con un hardware di spicco. Il punto forte è la qualità delle foto, supportata da 3 sensori con varie lunghezze focali: un sensore da 40MP con lunghezza focale da 27mm, un sensore ultra-wide da 20MP e lunghezza focale 16mm per le foto grandangolari e un sensore zoom 5X da 8MP. Il tutto supportato dagli algoritmi di IA volti ad esaltare i colori ed ottimizzare i dettagli (vi ricordo che potete disattivare la modalità AI anche dopo aver scattato le foto).

Non è uno smartphone del tutto maneggevole, visto che il display OLED HDR10 è da 6,36″, capace di vantare una risoluzione Quad HD+ (3120x 1440 pixel). Il cuore dell’hardware è il nuovo Kirin 980, il primo processore a 7-nm, capace di associare una elevatissima potenza di calcolo a bassi consumi, che unita ad una batteria da 4200 mAh assicura un’autonomia eccellente. Sappiate anche che per caricare la batteria da 0 al 100% sarà sufficiente un’ora soltanto grazie al supporto al SuperCharge 2.0.

Degne di note anche le modalità di sblocco: rapidissima quella con il riconoscimenti facciale, ottimo anche il sensore integrato sotto il display. Difetti? Per molti il notch (la tacca) è un particolare esteticamente poco piacevole e il software ha qualche pecca nelle notifiche ed esteticamente può piacere o meno. Inoltre rispetto al Note 9 non ha il pennino, che sarebbe stato comodo per un utilizzo lavorativo. Da notare che come tanti altri prodotti Huawei il prezzo è destinato a calare molto rapidamente: già adesso lo potete già trovare a meno di 900 euro (il prezzo di listino era di 1099€).

Appassionato di tutto il mondo della tecnologia e dell'elettronica, soprattutto consumer. Sogna di non aver più bisogno di dormire per riuscire a dedicare il giusto tempo alle proprie passioni.