I migliori smartphone sotto i 100 euro [2021]

È sufficiente un budget di 100 euro per acquistare uno smartphone Android di buon livello? Fino a qualche anno fa era impossibile pretendere un’esperienza qualitativa, fluida e reattiva da uno smartphone così economico. Tuttavia il prezzo medio degli smartphone negli ultimi tempi si è progressivamente abbassato, complice da un lato i costi sempre più ridotti dei componenti hardware, dall’altro la crescente attenzione dei produttori verso gli utenti che non vogliono vincolarsi agli abbonamenti offerti dagli operatori.

Cosa deve avere uno smartphone che costa 100 euro?

  • un display di qualità adeguata per i contenuti video (YouTube, Netflix, Prime Video ecc..)
  • una versione di Android recente per la piena compatibilità con le app del Play Store;
  • una memoria RAM adeguata per mantenere buone prestazioni anche nel tempo;

Non inseriamo invece la fotocamera come requisito, poiché il budget di 100 euro richiede inevitabilmente dei compromessi, che si pagano proprio in termini fotografici. Per ottenere scatti di buona qualità, è bene orientarsi su smartphone appartenenti a fasce di prezzo superiori.

Qualche precisazione:

  • I prezzi di riferimento sono quelli di Amazon;
  • Abbiamo considerato qui anche gli smartphone di produttori cinesi non venduti nei negozi fisici;

1. Xiaomi Poco C3

poco c3

Poco è un sub-brand di Xiaomi che ha portato una ventata di aria fresca nella fascia entry-level. Il prezzo di Poco C3 è di 85 euro nella versione 3GB RAM e 32 GB memoria interna, e di 105 euro nella versione 4 GB RAM 64 GB di memoria. Accanto ad una discreta dotazione hardware troviamo una batteria da 5000 mAh in grado di assicurare un’autonomia eccellente. Il prezzo da pagare è un display molto grande da 6,43 pollici che lo rende poco maneggevole e pesante (194 gr). E’uscito meno di 1 anno fa, ad Ottobre 2020, dunque a bordo trovate installato Android 10 personalizzato con l’apprezzatissima interfaccia di Xiaomi MIUI 12. Presenti 3 fotocamere: una fotocamera grandangolare da 13 MP (f/2.2 28 mm), una da 2 MP (f/2.4) per le macro (macro) e una da 2 MP (f/2.4) per la profondità. La qualità delle foto è discreta, assente chiaramente lo zoom. Manca la disponibilità su Amazon, dove si può però trovare il cugino Xiaomi Redmi 9C, molto simile sotto tanti aspetti.

2. Realme C21

Se il brand Realme è diventato famoso ultimamente, questa fama è riconducibile all’uscita di smartphone dall’ottimo rapporto qualità/prezzo. Non si può non ritenere infatti il Realme C21 uno smartphone accattivante e intrigante per chi ha un budget di circa 100 euro. Infatti questo smartphone esiste in doppia versione: da 3/32GB e da 4/64GB di RAM e memoria interna. Ovviamente la nostra raccomandazione va per la variante di caratura superiore, in modo da poterlo utilizzare più a lungo.

A corredo di queste ottime specifiche possiamo segnalarvi anche la presenza di un display da 6.5 pollici con tecnologia IPS LCD e risoluzione HD, mentre sul comparto batteria troviamo una capacità da 5000 mAh, in grado di sostenere senza troppe difficoltà la giornata. Il comparto multimediale si fregia invece di tre fotocamera, con la principale da 13 Megapixel. Niente a che vedere con i più costosi e blasonati smartphone di fascia superiore di prezzo, ma sicuramente comoda nella vita quotidiana.

3. Alcatel 1S (2021)

Alcatel 1s (2020) era stata una delle migliori soluzioni in questa fascia di prezzo, l’anno scorso. Di recente però Alcatel ha aggiornato questo amato modello, per renderlo ancora più appetitoso ed al passo coi tempi. Il software è sempre Android Stock, aggiornato ad Android 11. La dotazione hardware prevede 3GB di RAM, 32GB di storage, 4000 mAh di batteria e 3 fotocamere: sensore principale da 13 MP (f/1.8), un secondario da 2MP (f/2.2) per la profondità ed un ultimo sempre da 2MP (f/2.4) per le macro. Il display quest’anno è davvero grande: si tratta di un’unità 6.52″ HD+ IPS. Un pannello insomma in grado di garantire la miglior esperienza possibile in questa fascia di prezzo. Autonomia ottima nel complesso, ma performance contenute data la presenza a bordo del Mediatek Helio P22 a 12nm, SoC valido per l’uso quotidiano ma di certo non scattante.

In linea generale comunque Alcatel 1s in questa nuova edizione rimane una scelta sempre valida, anche proprio grazie al suo rapporto/qualità prezzo ed al brand che si porta dietro una storia di tutto rispetto. Tra l’altro, è anche di facile reperibilità nei negozi fisici di elettronica, per coloro che non gradiscono più di tanto gli acquisti online (anche se da poco tempo a questa parte è possibile pagare su Amazon in contanti, clicando QUI vi spieghiamo come).

4. BlackView A70

BlackView A70 è il nuovo modello dell’azienda cinese, dotato di Android 11 ed un ottimo rapporto qualità/prezzo. Sotto la scocca troviamo un processore Unisoc SC9863, SoC con performance simili a quelle dell’Alcatel 1S, 3GB di RAM per garantire un numero sufficiente di processi in background e 32GB di archiviazione. Il display è un’unità da 6.51″ HD+, batteria da 5380 mAh, e tripla fotocamera identica a quella dell’Alcatel di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente. Super accattivante anche il prezzo: attualmente soli 85 euro per portarsi a casa questo smartphone.

Rimane un prodotto inferiore a molti altri acquistabili con una spesa appena maggiore, tuttavia se il budget richiede dei sacrifici il BlackView A70 merita di essere valutato proprio per il suo prezzo particolarmente contenuto.

5. Ulefone Note 9P (2020)

Se volete dare fiducia al brand Ulefone, vi consigliamo il Note 9P (uscito a Luglio 2020) rispetto al Note 7P. Costa una ventina di euro in più ma i vantaggi rispetto al 7P sono molteplici:

  • hardware migliore (4 GB RAM e 64 GB di memoria interna). Si tratta di un vantaggio non indifferente, dato che 32 GB sono la norma in questa fascia di prezzo, dotazione che se fate molte foto e video o installate un gran numero di app non è più sufficiente;
  • Android 10 in versione stock, senza alcuna personalizzazione;
  • risoluzione dello schermo maggiore (720 x 1600 pixel);
  • foto di qualità più alta frutto di una fotocamera wide da 16 MP (f/2.2) con autofocus, una da 5 MP per le macro e una da 2 MP per la profondità;
  • autonomia più elevata, frutto di una batteria da 4.500 mAh;

Le dimensioni però sono abbastanza generose e per molti può risultare un po’ scomodo. C’è anche da dire che è sempre più difficile trovare smartphone piccoli e maneggevoli.

6. Motorola Moto E7 Plus

Motorola E7 Plus è una proposta eccellente in termini di rapporto qualità prezzo: ben 4GB di RAM e 64GB di memoria. Ok le performance anche grazie alla presenza a bordo dello Snapdragon 460 di Qualcomm, che anima il tutto ottimamente. Display da 6.5″ HD IPS per la visione di contenuti multimediali, ricezione eccellente coma da tradizione Motorola e batteria da 5000 mAh. Presente poi una doppia fotocamera: sensore principale da 48MP (f/1.7), introvabile in questa fascia di prezzo, ed un secondario da 2MP (f/2.2).

Queste caratteristiche, a metà 2021, lo rendono assolutamente accattivante e più interessante per chi cerca uno dei migliori smartphone Android a meno di 100 euro. Tra l’altro, il brand storico che c’è dietro si fa sentire in aspetti quali la bontà delle chiamate e delle antenne, al top della fascia di prezzo.

7. Cubot Note 20

Cubot Note 20 rientra tra i modelli che vediamo spesso tra le offerte di Amazon. A 90 euro è difficile pretendere di più:

  • ampio display da 6.5 pollici con risoluzione 720 x 1600 pixel (270 ppi);
  • comparto fotografico basato su quattro sensori: un sensore da 12 MP (f/2.2), uno da 20 MP per la profondità, uno da 2.0 MP e un altro da 0.3 MP
  • 64 GB di memoria interna, la dotazione minima che vi consigliamo al giorno d’oggi per non avere problemi di memoria ed essere costretti a cancellare foto, video e app da cancellare;
  • buona autonomia, grazie ad una batteria da 4.200 mAh;

A questo si aggiunge anche il supporto all’NFC. La reattività è nella media per questa fascia di prezzo frutto di un processore Mediatek Helio A20 MT6761D e 3 GB di RAM. Se il vostro budget è minimo e vi fidate di un brand cinese presente sul mercato da oltre 7 anni non potete non prendere in considerazione questo modello.

8. Blackview A80 Pro (2021)

BlackView è un brand cinese focalizzato nella fascia bassa di mercato. BlackView A80 Pro è la proposta ad un prezzo di poco superiore a 100 euro. Il punto di forza di questo smartphone è nella dotazione di 4 GB RAM e di 64 GB di memoria interna, indispensabili se si è alla ricerca di uno smartphone da utilizzare come prime device. Nonostante la batteria da 4.680 mAh l’autonomia però non è delle migliori, segno che non sempre dalle sole specifiche tecniche si possono capire le reali performance.

Si tratta comunque di uno smartphone molto recente, aggiornato proprio in questo 2021. A bordo è presente Android 10, e l’azienda garantisce anche un aggiornamento ad Android 11. Inoltre le dimensioni dello schermo non sono esagerate (6.49 pollici), fermando l’ago della bilancia a 165 grammi. Non aspettatevi però una reattività pienamente soddisfacente, dato che il processore MediaTek Helio P25 non è in grado di assicurare performance di livello. Fotocamera che può contare su ben 4 sensori: 13MP + 2MP + 0,3MP + 0,3MP.

Si tratta in definitiva di uno smartphone da tenere bene a mente poichè offre un mix equilibrato di tutto ciò che può servire in questa fascia di prezzo, incluse ben 4 fotocamere, un ampio display ed una dotazione hardware nel complesso sufficiente.

9. Cubot P40

Ancora un altro Cubot in questa carrellata. Questa volta parliamo del P40, uno smartphone che può vantarsi di avere delle specifiche davvero di rilievo per la fascia di prezzo. Ben 4GB di RAM e 128GB di storage affiancano il Mediatek Helio A22, ovviamente è presente Android 10 a bordo, il display è da 6.2″ con risoluzione HD+. La batteria ha capacità di 4200 mAh ed il comparto fotografico è composto da: 12 MP + 5MP + 2MP + 0.3MP.

Il peso non è contenuto ma neanche dei più abbondanti, anzi: parliamo di 184g. Il tutto quindi, lo rende uno dei migliori smartphone da valutare se si ha interesse per la fascia di prezzo inferiore ai 100 euro. C’è qualche piccolo compromesso ovviamente, ma nulla su cui non si possa passare sopra tenendo conto di quale sia la spesa in questione. Cubot ha tra l’altro una discreta esperienza sulle spalle, segnale che comunque non si tratti di un’azienda intenzionata a lasciare il mercato prossimamente.

10. Oukitel C21

Oukitel è un brand cinese poco blasonato, tuttavia il suo C21 è sicuramente uno smartphone da annoverare in questa lista. Esso ha come enorme punto di forza il display con risoluzione FHD+. Praticamente introvabile su qualsiasi concorrente, che insieme alla diagonale da 6.4″ lo rendono perfetto per godere di contenuti visivi. A muovere il sistema troviamo il Mediatek Helio P20 accompagnato da 4GB di RAM e 64GB di storage. Presente anche un quadruplo sistema fotografico con un sensore principale da 16MP e tre secondari da 2MP l’uno. La batteria ha capacità di 4000 mAh ed il peso complessivo dello smartphone è di 170g.

Se si è particolarmente interessati alla bontà del display, Oukitel C21 è lo smartphone sotto i 100 euro in grado di offrire l’esperienza visiva migliore ma al tempo stesso specifiche tecniche di tutto rispetto.

11. BlackView BV4900 Pro

BlackView è nota sopratutto per i propri rugged phone, dotati di specifiche rare da trovare in fasce di prezzo abbordabili. Il BV4900 Pro possiede un Mediatek Helio P22 che fa muovere il sistema, affiancato però da ben 4GB di RAM e 64GB di memoria. Il display è compatto: soli 5.7″ ed ha risoluzione HD. L’enorme batteria da 5580 mAh insieme al processore poco energivoro garantiscono il massimo dell’autonomia, mentre la tripla fotocamera da 13MP + 5MP + 2MP consente di scattare foto sufficienti per la condivisione social.

Lo smartphone ha tutte le certificazioni militari del caso, atte a garantire massima sicurezza anche negli usi più estremi. Il BV4900 Pro è dunque il miglior rugged phone acquistabile se si ha un budget così contenuto ma si è comunque interessati a protezione estrema per il proprio device, sia perchè lo si debba impiegare in ambienti lavorativi che per sport o altre attività.

Previous Post

MacBook Pro 2021: ecco tutto quello che sappiamo

Next Post

Anker Soundcore Life Q35: Unboxing e prime impressioni