News Recensioni Recensioni smartphone

Moto G: la recensione completa dello smartphone economico di Motorola

Gen 7, 2014

Moto G: la recensione completa dello smartphone economico di Motorola

Sistema operativo e interfaccia

Qui Moto G fa capire quello che vuol dire “impronta di Google” perché arriva sul mercato italiano con il sistema operativo Android già alla versione 4.3, promettendo già per il primo mese (o al massimo primi due mesi) del nuovo anno, l’aggiornamento alla versione 4.4 di KitKat. Al di là della versione di Android, già molto avanzata se consideriamo che i parifascia venduti nella stessa fascia di prezzo probabilmente non vedranno mai questa release; il lavoro svolto da Google e Motorola è encomiabile perché troviamo una interfaccia veramente fluida e reattiva, mai in difficoltà o mai in grado di mostrare scatti ed eventuali micro-scatti. moto-g-sistema-operativo-1 Moto G offre inoltre funzioni aggiuntive che vanno dalla protezione, impostabile appena si accende il proprio smartphone, all’assistenza generica grazie ad Assist, app che si occupa di fare da assistente personale semplificando tutte le operazioni che solitamente si compiono durante una giornata (appuntamenti, sveglia, modalità Wi-Fi, ecc.). In realtà di operazioni eseguibili sono solo tre. Per facilitare il passaggio da un altro telefono è stata preinstallata l’app Migrazione di Motorola, che invece faciliterà il trasferimento di numeri, dati e quant’altro riteniate necessario nel passaggio al nuovo Moto G. Tra le ulteriori possibilità offerte da questo smartphone troviamo Moto Care, che invece offrirà assistenza e consigli all’utente in base alle operazioni che vengono eseguite più di frequente e, al tempo stesso, una guida che esplicita tutte le funzioni del dispositivo. moto-g-sistema-operativo-2 Il launcher è quello predefinito di Android Jelly Bean 4.3, che presto verrà sostituito dalla versione 4.4, promessa in arrivo per Gennaio 2014, con la divisione tra app e widget direttamente a partire dal menù. La vera novità e la vera personalizzazione da parte di Motorola è solo nella fotocamera che, come abbiamo detto nel precedente paragrafo, offre impostazioni differenti dalla versione pura. Per il resto il Moto G monta Android 4.3 puro, privo di vere personalizzazioni da parte del produttore ed il risultato è una interfaccia pulita, fluida e sempre reattiva ai comandi dell’utente.

Batteria e Autonomia

moto-g-design-battery Il Moto G è uno smartphone che conta specifiche hardware di tutto rispetto, poiché effettivamente a leggere dal foglio delle specifiche si ha di che rimanere soddisfatti. In particolari, il processore Qualcomm Snapdragon 400, caratterizzato da 4 core, muove un display a risoluzione HD. Ciò che ci ha piacevolmente stupito è che, complice il lavoro di ottimizzazione hardware/software, la batteria in dotazione, seppur non removibile dall’utente, è in grado di reggere molto più dell’arco della giornata. La batteria in dotazione è da 2.070 mAh, apparentemente ben bilanciata rispetto alla quantità di energia necessaria al Moto G per garantire buone prestazioni, ma è stato solo l’utilizzo quotidiano pratico a darci significativi risultati. I risultati migliori sono stati quelli dovuti ad un utilizzo reale medio, con la luminosità mai impostata al massimo (non necessaria, almeno secondo noi), connessione mista tra 3G e Wi-Fi a seconda delle occasioni, ma anche diversi account email sincronizzati in push, social network e qualche sessione di videogiochi. In questo senso, considerata la capacità della batteria di Moto G, ci si rende subito conto che il risultato è veramente buono, tanto da paragonarlo ai migliori smartphone in tema di autonomia, come LG G2 e Galaxy Note 3, chiaramente di fascia molto superiore a questo ultimo prodotto statunitense. moto-g-focus-battery In realtà, a seconda del vostro tipo di utilizzo, potrete superare senza troppo difficoltà anche la giornata, arrivando ad un giorno e mezzo, se non due. Se invece siete soliti stressare il vostro smartphone, Moto G ha le carte in regola per non farvi caricare la batteria durante la giornata. Nella scatola di vendita è assente, per scelta di contenimento dei costi, il caricabatterie da muro, quindi potrete utilizzarlo o con carica da PC grazie al cavo microUSB-USB, oppure con un caricatore che avete già a casa vostra.

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.