NanoCell vs OLED: qual è meglio? Tutte le differenze

nanocell vs oled

LG, da sempre pioniera nel settore delle TV OLED, nel corso del 2020 ha diversificato i suoi modelli introducendo le nuove TV NanoCell, frutto di una tecnologia proprietaria di LG. Sul mercato troviamo quindi sia TV OLED di LG che TV NanoCell. In questo articolo analizzeremo le differenze tra le due tecnologie e i pro e contro di una tecnologia rispetto all’altra. In sostanza vogliamo rispondere alla seguente domanda: sono migliori le TV OLED o NanoCell?

Cos’è la tecnologia NanoCell?

NanoCell è una tecnologia proprietaria di LG, studiata per incrementare la gamma di colori e l’angolo di visione tramite un sottilissimo strato (1nm) di nanoparticelle. Le TV NanoCell utilizzano un tradizionale display a cristalli liquidi (LCD) retroilluminato da griglie di LED, ma la differenza della TV NanoCell rispetto ad una normale TV a LED è l’aggiunta di un filtro di nanoparticelle che assorbe una sottile regione di lunghezze d’onda tra il verde e il rosso. L’obiettivo del filtro è quello di assorbire la luce rossa in corrispondenza di un sub-pixel verde e viceversa, ovvero quella luce che contribuisce alla desaturazione dei due colori. Il risultato è una gamma di colori più ampia e un angolo di visione maggiore rispetto ad una normale TV a LED.

Cos’è l’OLED?

OLED è l’acronimo di “Organic Light Emitting Diode“ e sfrutta le proprietà di elettroluminescenza di materiali organici, nello specifico polimeri conduttivi. Il vantaggio delle TV OLED rispetto alle TV a LED è che i singoli pixel sono in grado di emettere luce propria, e non hanno quindi bisogno di essere retro-illuminati dai LED. E’ per questo che, generalmente, le TV OLED sono molto più sottili e hanno consumi energetici inferiori rispetto alle tradizionali TV a LED. I vantaggi di uno schermo OLED sono:

  • Nero assoluto: nei display OLED il nero viene riprodotto semplicemente spegnendo i pixel. In questo modo si ottiene una profondità del nero assoluta che non vira verso tonalità blu o grigie, diversamente da quanto accade nelle TV a LED
  • Luminosità uniforme: negli schermi a LED la retroilluminazione tramite strisce di LED disposte lungo i lati del panello causano una illuminazione poco uniforme, cosa che non avviene nei pannelli OLED che non hanno bisogno di essere retro-illuminati;

NanoCell vs OLED: vantaggi e svantaggi

Profondità dei neri: è meglio l’OLED

Nelle TV OLED è i neri sono assoluti semplicemente perchè per riprodurre il nero i pixel sono realmente spenti e perciò non emettono luce. Le TV Nanocell sono invece TV retro-illumunate a LED e pertanto non riescono ad assicurare la stessa profondità dei neri. Per ovviare a questo problema le TV NanoCell hanno una funzione opzionale chiamata “local dimming” che serve ad oscurare solo le zone nere dello schermo, che migliora la profondità dei neri ma non eguaglia quello di una TV OLED.

Angolo di visione: meglio l’OLED

Il filtro di particelle NanoCell migliora il basso angolo di visione tipico delle TV LED, che soffrono del problema che l’immagine tende a colori più sbiaditi quando guardiamo la tv da una posizione angolata. Nonostante questo nelle TV NanoCell l’angolo di visione subisce una drastica riduzione guardandolo da un angolo di 60-70°, mentre l’OLED riesce a mantenere una buona fedeltà dei colori anche con angoli quasi del 90%, prima di percepire una distorsione dei colori.

Motion blur: meglio l’OLED

L’effetto motion blur è quando un oggetto a schermo che si muove rapidamente appare leggermente sfocato.

  • La tecnologia NanoCell, in quanto TV retroilluminata a LED, mostra difficoltà a gestire i soggetti veloci sullo schermo, perché un pixel impiega alcuni millisecondi per modificare il suo stato, creando un leggero “effetto scia”.
  • Le TV OLED sono impeccabili in termini di motion blur dato che i pixel cambiano istantaneamente stato;

Gamma dei colori: dipende dai modelli

Non è possibile determinare in generale quale tecnologia, tra NanoCell e OLED, sia migliore su questo punto, dato che può variare da modello a modello. Le TV OLED offrono una buona gamma di colori, ma la tecnologia NanoCell è riuscita effettivamente ad incrementare la gamma di colori, migliorandone l’accuratezza, grazie al filtro di nanoparticelle in corrispondenza della fascia rosso-verde. Le TV NanoCell riescono nell’intento di mantenere un buon livello di colori anche con la luminosità massima, mentre le TV OLED hanno talvolta una tendenza a sovrasaturarli.

Conclusioni: meglio NanoCell o OLED?

Da questa analisi emerge che le TV OLED siano in generale da preferire per il livello di profondità dei neri (e quindi dei contrasti), per il motion blur inesistente e per un angolo di visione davvero ampio. Questo confronto però si riferisce allo stato dell’arte attuale della tecnologia NanoCell che promette miglioramenti nei prossimi anni, che ridurranno il divario qualitativo con le TV OLED.

Previous Post
scegliere tv

Come scegliere la TV da comprare nel 2021

Next Post
wi-fi 6

Wi-Fi 6 [802.11ax]: cos’è e quali smartphone lo supportano