Nexus 5: la recensione completa del portabandiera di Google

Disponibilità e prezzo

Il prezzo rappresenta il punto focale di questa recensione del Nexus 5 poiché è quello che determina la leva più importante nel rapporto qualità/prezzo: il Nexus 5 è infatti venduto al prezzo aggressivo, e soprattutto accattivante, di 349€ per la versione da 16 GB e 399€ per la versione da 32 GB. Questo smartphone Android, portabandiera dell’ultima release Android KitKat, è acquistabile direttamente dal Play Store Dispositivi con spedizione con corriere UPS al prezzo di 9.99€. Specifichiamo che lo smartphone parte dall’Europa (nel nostro caso dall’Olanda), la fattura è emessa dall’Irlanda (sede legale di Google in Europa). In realtà nella pagina dei termini di servizio si afferma che l’Italia è supportata dal servizio di assistenza per il Nexus 5, ma qualora siate interessati all’acquisto leggete bene queste pagine.

nexus 5 - design 3

Nel box di acquisto troverete una guida rapida, il cavo USB-microUSB per caricamento e trasferimento dati, la spina da parete e l’utensile per l’apertura del vano microSIM. Per questo vi consigliamo di vedere il nostro unboxing. Infine, a breve, saranno resi disponibili direttamente sul Play Store una serie di accessori compatibili come il Bumper di protezione in più colori o la QuickCover.

 

Valutazioni finali

Il Nexus 5 è il miglior smartphone del 2013 nella fascia di prezzo da massimo 350€. Avevamo iniziato la nostra recensione introducendo questa valutazione finale e la abbiamo snocciolata nel corso dei precedenti paragrafi. Il motivo è presto detto: offre aggiornamenti garantiti direttamente da Google, porta in dote l’ultima release Android 4.4 KitKat che, per quanto sia in alcuni tratti ancora acerba o poco intuitiva, risulta ricca di novità utili per la vita quotidiana. Il display, da molti denigrato, non ha la qualità di quello di alcuni competitor (a prezzi più alti), ma offre una nitidezza ed una esperienza d’uso in cui navigazione web, lettura di testi, visione di filmati e foto risultano piacevoli e godibili totalmente da parte dell’utente. L’hardware è quanto di meglio ci si potesse aspettare poiché basta per far girare fluidamente i giochi, garantisce estrema reattività dell’interfaccia grafica e non fa provare alcun senso di mancanza all’utente finale. Il design si inserisce in un filone leggermente differente dai precedenti modelli, pur mantenendo alcune stondature che possono piacere o meno a seconda del proprio gusto estetico. Certamente la scritta di riconoscimento sul retro “Nexus“, non può che far piacere ai fan più nerd della situazione.

Il Nexus 5 è perfetto? Sicuramente no. La fotocamera e la batteria sono invece ciò su cui Google deve lavorare in modo celere, poiché se è uno smartphone per catturare i momenti che contano, la qualità delle foto risulta ancora al di sotto delle aspettative ed in generale con una qualità non propriamente eccezionale. La batteria invece deve essere ottimizzata al meglio poiché se le potenzialità di gioco sono infinite, questi non devono causare drastici cali di autonomia lasciando a secco il consumatore. La parte audio può essere migliorata da Google via aggiornamento software, ma al momento attuale non ci sentiamo di definirla un limite.

Concludiamo affermando che il Nexus 5 passa l’esame, non a pieni voti, ma si merita il titolo di miglior smartphone Android del 2013 nella fascia da 350/400€. Prima di salutarvi vi linkiamo la nostra videorecensione, non mancate di iscrivervi al nostro canale YouTube RedazioneTecnologici:

Di Stefano Vinciguerra

Amante multitasking di tecnologia portatile e basket, si fa rapire da discussioni sulla telefonia mobile e se potesse cambierebbe terminale una volta al mese. Dà tutto se stesso per le sue grandi passioni.



39 risposte su “Nexus 5: la recensione completa del portabandiera di Google”

Sicuramente OnePlus One è un dispositivo che può tenere in considerazione e rispetto a Xiaomi MI4, oltre a costare circa 50€ in meno, ha il vantaggio di una maggiore distribuzione in Europa. Per saperne di più puoi consultare la nostra recensione, dove troverai tutte le caratteristiche, pregi e difetti di OnePlus One: https://www.tecnologici.net/oneplus-one-recensione-completa-dopo-14-giorni-di-utilizzo/

Continua a seguirci sui social Facebook,Twitter e Google+ e sul nostro canale YouTube RedazioneTecnologici 🙂

ciao volevo chiedere, ho visto Nexus 5 a 279 euro su gli stockisti anche se al momento non è disponibile, voi lo considerate affidabile e soprattutto secondo voi ne vale la differenza di 80 euro rispetto al moto g lte?

Ciao,

Assolutamente si. Qualità fotografica nettamente migliore, schermo più ampio e con risoluzione maggiore, maggiore disponibilità di memoria interna e prestazioni decisamente superiori 😉 E’ tra i nostri smartphone preferiti (ed è anche lo smartphone dell’autore dell’articolo :D).

A presto e supportaci con un mi piace alla pagina di FB se ti va 🙂

qualche domanda sul nexus 5… 1 c e un posto dove poterlo provare prima di comprarlo? 2 bastano 16 gb per una persona normale? 3 La fotocamera e cosi penosa come molti dicono? 4 come sono le foto con photo sphere? per quanto ricevera aggiornamenti da google? alcuni dicono che le app nel drawer sono enormi e vero?…. Grazie mille per l ottimo lavoro

Ciao Ettore,
rispondo sinteticamente:
– Ora è in vendita anche in posti come Saturn e Mediaworld, ma a prezzi più elevati rispetto che online.
– Se non carichi molti video, si è possibile. La versione del nostro admin Stefano è da 16 GB e ci sta comodo.
– La fotocamera non è così penosa, basta guardare le foto per rendersi conto che con un po’ di prove si ottengono ottime foto. Di notte, come tutti gli smartphone, cala molto. L’audio invece è molto basso effettivamente.
– Le foto di Photo Sphere le puoi vedere online, sono molto particolari. Non brillano per qualità ma sono innovative.
– Probabilmente riceverà aggiornamenti per un altro anno e mezzo (è uscito a Novembre e si parla di 2 anni garantiti).
– Le icone non sono enormi o almeno non credo si possa dire così.
– Google Now si può disabilitare se non piace averlo sulla home.
– Il Wi-Fi è ottimo 🙂

A presto! 🙂

Mi sembra davvero il top per quanto riguarda questa fascia di prezzo.
Lo prenderò, ma mi potete dire se monta MicroSIM o NanoSIM ?
Nelle specifiche di google non lo trovo.
Grazie ragazzi, sempre un gran lavoro !

Ciao, innanzi tutto complimenti per il sito e le recensioni 🙂
Volevo chiedervi cosa consigliereste secondo a voi, a parità di prezzo, tra nexus 5 e samsung galaxy note 2? Perché ho qualche dubbio tipo: il note 2 è ormai troppo datato e rischia di non avere più aggiornamenti? la batteria del nexus 5 e la fotocamera sono così male?
Grazie 🙂

Ciao Marco,
considera che la batteria a seconda dell’utilizzo può arrivare a fine giornata, mentre per la fotocamera puoi vedere direttamente da questo articolo la qualità delle foto, a pagina 3.
A parte questo, noi prenderemmo il Nexus 5 perché più recente e più aggiornabile (il Note 2 sembra riceverà ufficialmente KitKat per poi fermarsi).
Se puoi supportaci con un mi piace su FB o seguendoci su Twitter o Google+, sarebbe un contributo prezioso 😉

ciao volevo sapere secondo voi se il nexus 5 tra un anno si troverà nella stessa situazione del nexus 4 cioè sulla via del declino nonostante sia un ottimo telefono

Considera che la versione nera ha una sorta di policarbonato gommato sulla back cover, molto piacevole al tatto ma trattiene qualche ditata di troppo.
La versione bianca invece è leggermente più simile alla carta come feeling, ma non è gommata e fa un effetto con meno grip.
Personalmente preferisco la bianca, ma credo sia una cosa molto soggettiva 🙂

ciao mi ero quasi deciso a comprare il nexus 5 nero da 32 gb a 399 quando ho trovato in offerta il g2 da 16 gb a 391. inizialmente il g2 non era nei miei pensieri perché era fuori budget. volevo sapere se rispetto al nexus le dimensioni cambiano di molto e quale tra i due mi consigliate grazie mille

Dipende quanto sei “smanettone”, nel senso che probabilmente G2 terminerà i suoi aggiornamenti prima del Nexus 5 per forza di cose essendo quest’ultimo supportato da Google direttamente.
Ma allo stesso prezzo diventa sicuramente una affare da considerare anche per via del display molto più luminoso (5.2 contro 5 pollici, ma pochissima differenza in termini di differenza fisica) e soprattutto la batteria con un’autonomia eccezionale 😉

ma perché si ostinano a fare batterie non removibili? non vedo l’utilità sinceramente, anzi è uno svantaggio non da poco almeno per gli utenti che sono soliti portarsi dietro un ricambio di batteria da usare all’occorrenza

Tra i possibili contro c’è anche l’assenza dello slot MicroSD, ma per avere ottime prestazioni Google ha deciso di puntare molto sulle memorie Flash più veloci. Per quanto mi riguarda, basterebbe un po’ di ottimizzazione hw/sw e dopo ormai un mese di utilizzo mi trovo molto bene anche con questa batteria.
Certo qualche mAh di capacità non guasta, ma comincio a non sentire bisogno della batteria aggiuntiva 🙂

Stefano visto che ne usi uno…io sono neofita sugli smartphone…ma un dispositivo senza rimozione di batteria…se si impunta del tipo che non risponde nemmeno il tasto dello spegnimento, come si sblocca? è mai successo in un terminale con batteria fissa di impuntarsi?

Incrociando le dita, per fortuna il mio Nexus non si è mai impuntato. Comunque solitamente esistono procedure alternative come una combinazione di tasti. Ad esempio, power più volume basso se non erro.
Il vero limite è doverlo portare in assistenza per il ricambio della batteria se, ad esempio, dopo un anno e qualcosa si usura 😉

Guarda,io ho un Thl w8.mi cade sempre la linea,e il tempo di ricarica completa dura 8 ore.il Thl w8s invece?
Il 19/nov/2013 23:48 “Disqus” ha scritto:

Lascia un commento