Nintendo Switch Pro sta arrivando: specifiche, data di uscita e tutto ciò che serve sapere!

Nintendo Switch è la console ammiraglia di casa Nintendo, un prodotto che ha fatto la felicità di moltissimi grazie alla propria portabilità ma che sicuramente non è esente da difetti.

Le abbiamo dedicato un articolo, spiegando il perchè noi la riteniamo fantastica, che potrete visualizzare semplicemente clickando QUI.

Nintendo Switch Pro si vocifera essere il modello premium, in arrivo con l’obiettivo di fornire upgrade sotto tutti gli aspetti e, dunque, un’esperienza d’uso ancora più soddisfacente.

In questo articolo riassumeremo tutto ciò che sappiamo a riguardo e la possibile data di uscita, scopriamo quindi insieme tutto quello che c’è da sapere!

Dimensioni e costruzione

La console attualmente equipaggia un display da 6.2 pollici, tuttavia nonostante non ci siano conferme a riguardo, si vocifera che il pannello adottato sarà da 7 pollici.

Aumento delle dimensioni del display quindi, ma senza conseguente aumento generale della console, infatti lo spazio aggiuntivo dovrebbe venir ricavato semplicemente assottigliando le cornici.

Anche il peso dovrebbe rimanere invariato, mentre sul fronte del design si lavorerà per rendere la console più resistente rispetto al passato.

Display e risoluzione

L’attuale display di Nintendo Switch sfrutta la tecnologia LCD IPS, mentre l’unità che con ottima probabilità verrà adottata sarà di tipo OLED, precisamente prodotta da Samsung. E’ una ottima notizia e, se volete, potete approfondire il perché leggendo la nostra guida.

La risoluzione dovrebbe rimanere invariata, ovvero 720p in modalità portatile. Novità per quanto riguarda le prestazioni in dock, che dovrebbero aumentare fino al 4k (contro l’attuale 1080p).

Gli aspetti appena citati sono probabilmente i più caratteristici della nuova console, ma al tempo stesso son proprio quelli su cui si hanno maggiori certezze. Sono molteplici le fonti accreditate che affermano quanto riportato, di conseguenza diventa facile credere che si tratti del vero.

Hardware e prestazioni

I leak in questione parlano tutti di consistenti novità sotto la scocca: CPU Nvidia Xavier personalizzata, SSD da 64GB e supporto al 4K.

Al momento Nintendo Switch utilizza un processore Nvidia Tegra X1, quindi è facile supporre che per la realizzazione della variante potenziata la scelta ricadrà sull’upgrade di X1: il Tegra X1+. Dunque prestazioni sicuramente più spinte rispetto al passato, frequenze del clock più alte ed un sistema di dissipazione totalmente ridisegnato per le nuove esigenze.

La risoluzione 4K con ottima probabilità verrà raggiunta tramite upscaling, esattamente come Xbox One X e PS4 Pro. Ma ciò significa anche che l’uscita video di Switch, consentirà anche l’output alla massima risoluzione.

Autonomia

Nessuna novità per quanto riguarda la batteria, che potrebbe essere la medesima unità adottata tutt’oggi, ma con una durata simile a quella di Switch 2019 grazie al processo produttivo più raffinato del Tegra X1+.

Prezzo e data di uscita

Il prezzo della nuova console, sempre secondo i leak fin’ora trapelati, dovrebbe aggirarsi attorno ai 349$. Non si sa quale sarà effettivamente il prezzo al cambio, nè se sia realmente questa la cifra corretta, anche se appare molto plausibile.

Nintendo ha da poco annunciato la propria partecipazione all’E3 2021, la principale fiera di videogiochi su scala globale, e dunque è probabile un annuncio imminente di Switch Pro.

I leakers ci parlano di una messa in commercio poco prima di Natale 2021, scenario assolutamente sensato e coerente per gonfiare le vendite della console.

Il nostro parere

Riteniamo che Nintendo Switch Pro sia una console destinata ad ottimi risultati, e confidiamo nel lavoro svolto e tutt’ora in fase di svolgimento.

L’ammiraglia attuale della casa nipponica, ovvero il modello base, è comunque in grado di soddisfare le richieste dell’utenza interessata all’acquisto tuttavia visto il probabile annuncio prossimo, a nostro giudizio è bene aspettare E3 2021 per eventuali novità.

Previous Post

USB-C: Cos’è l’EPR e come sfruttarlo al meglio

Next Post

Come inviare email crittografate: guida semplice