Categorie
PC Recensioni

Acer TravelMate X5 – la RECENSIONE del laptop per professionisti in mobilità

Acer ormai è una realtà nella produzione dei laptop dedicati a professionisti, infatti la serie TravelMate è particolarmente indicata a chi lavora spesso in mobilità e necessità di un laptop compatto e prestante.

Acer TravelMate X5 è un notebook con display da 14 pollici 1080p in grado di accompagnare nella vita quotidiana lavorativa, senza avere troppe mancanze.

In questa recensione scopriremo i vantaggi e gli svantaggi di questo laptop, in modo da farvi comprendere a pieno le sue potenzialità.

Specifiche e le diverse configurazioni

Il modello in prova è Acer TravelMate X514-51

  • Intel Core i5 – 8265U @1.60GHz – 1.8GHz
  • Intel UHD Graphics 620
  • 8GB di RAM
  • 256GB SSD Kingston RBUSNS8154P3256GJ1
  • Display da 14 pollici con risoluzione Full HD (157 PPI)
  • Batteria da 36W
  • 980 grammi

Acer TravelMate X5 è disponibile in diverse configurazioni che potete trovare direttamente sul sito ufficiale, tra queste le principali differenze sono la capacità di memoria ed il processore Intel i5 o i7. Esiste una versione con 8GB e 512GB di SSD o anche una caratterizzata dal chip Intel Core i7 8565U da 16GB di RAM e 512GB di SSD che rappresenta la configurazione top. Sulla con

 

Acer TravelMate X5: costruzione e design

Lo spessore massimo raggiunge appena i 15 mm, è davvero ridotto all’osso ed è probabilmente il laptop più leggero che abbia mai provato in questa categoria. Siamo intorno ai 980 grammi. Questo è giustificato dall’uso del policarbonato e, in parte, da una lega di magnesio che riduce il peso all’osso. Il vantaggio è indubbiamente la leggerezza del portatile, il contro è che l’Acer TravelMate X5 flette un po’ se forzato. La tastiera è retroilluminata e questo rappresenta un importante vantaggio se vi capita di lavorare in condizioni di scarsa luminosità: tenete conto che se il laptop è alimentato a parete, la retroilluminazione è sempre attiva. Se fate affidamento alla batteria integrata, allora dovrete attivarla tramite Fn+F8. La tastiera presenta una corsa ridotta tra i tasti ed il feedback è molto liscio, pertanto usando la tastiera avremo la stessa sensazione usando i tasti laterali (come la barra spaziatrice o il backspace) piuttosto che lettere centrali. Il layout è italiano e manca il tastierino numerico, come prevedibile viste le dimensioni complessive del portatile. Il trackpad è di ottima fattura, risponde in modo sempre preciso e convincente ed inoltre integra anche una serie di gestures molto utili. Avendo una superficie liscia riesce a offrire una ottima comodità di esecuzione delle gestures.

Sotto alla tastiera trova luogo il lettore di impronte digitali, molto comodo per aumentare la sicurezza nel caso vi capiti di lasciare incustodito il vostro portatile. Purtroppo su circa 10 tentativi, soltanto il 70% va a buon fine: dato che si tratta di una tecnologia ormai più che rodata mi aspettavo una precisione maggiore. Sempre rimanendo in tema di sicurezza, sul bordo sinistro troviamo anche un host per il cavo Kensington.

Le ventole sono davvero silenziose e la temperatura non è mai elevata. Le griglie di dissipazione sono posizionate vicino alla cerniera di apertura del display e stupisce per la quantità ridotta di rumore che producono: questo è facilmente spiegato dalla frequenza mai troppo elevata del processore. Troviamo altre tre griglie nella parte inferiore del laptop, motivo per cui vi consiglio di usare supporti di questo genere per mantenere sempre il laptop molto freddo.

Le cerniere sono molto solide sono molto solide e permettono di aprire il display fino a 180 gradi: davvero comodo per mostrare ai propri colleghi al volo ciò su cui si sta lavorando.

 

Acer TravelMate X5: display

Il display è un pannello IPS LCD da 14 pollici con una risoluzione Full HD con effetto opaco. Personalmente mi sento di apprezzare questa scelta perché si riducono notevolmente i riflessi rispetto a molti altri pannelli lucidi che mi è capitato di provare. Nella configurazione provata non era un pannello touch, pertanto analizzando la qualità del pannello mi posso riferire solamente alla qualità complessiva.

La fedeltà dei colori è molto naturale, non ci sono esagerazioni in termini di saturazione dei colori. Il contrasto dei neri non è esagerato e ve ne renderete conto già osservando il nero della barra di Windows 10. Per poter guardare una puntata su Netflix o Prime Video, però, potete stare più che tranquilli perché il risultato è più che godibile. La luminosità complessiva non supera i 300 nits, ma risulta abbastanza omogenea in tutte le parti dello schermo.

I tempi di risposta del display fanno sì che sia adatto tranquillamente alla riproduzione multimediale, quindi potete godervi puntate e serie TV, ma ovviamente non è propriamente consigliato per il gaming: questo è quasi scontato dato che non è pensato per questo fine.

Acer TravelMate X5: connettività

Questo aspetto è senza dubbio uno dei più rilevanti per chi lavora con il proprio PC ed in questo il laptop Acer non delude affatto, difatti propone anche una porta USB C 3.1 Gen1, una porta HDMI, due porte USB-A (ancora fondamentali in molti circostanze), il jack da 3.5mm e il connettore per l’alimentazione proprietario.

Il Bluetooth è in versione 5.0 e il funzionamento è risultato ottimo anche con diversi device a cui ho accoppiato il PC, tra cui l’ottima MX Keys o il mouse MX Master 3. Il Wi-Fi supporta anche il protocollo ac ed è risultato molto stabile, seppur con una velocità media di caricamento di circa 500Mb/s.

 

Acer TravelMate X5: considerazioni e esperienza d’uso

Trovo che il laptop di Acer sia un interessantissimo prodotto per chi cerca un dispositivo con cui lavorare soprattutto sul web o con suite di lavoro, pertanto ci si gode al meglio tutti i punti di forza. Spendendo, però, circa 1000€ si mettono sul piatto diverse considerazioni: se non vi interessa minimamente il gaming, data anche l’assenza di una scheda grafica distinta (non sarebbe nemmeno entrata in uno spessore così ridotto) oppure l’editing video (per quello grafico qualcosa si può fare), allora la scelta di TravelMate X5 è consigliata.

Gli altoparlanti sono posizionati sotto allo chassis, questo implica una qualità non eccellente perché la superficie su cui poggia il laptop sicuramente non aiuta moltissimo nella diffusione nel suono. Se il vostro dubbio riguarda, però, la riproduzione di contenuti multimediali come, ad esempio, da YouTube, Netflix, Prime Video allora su questo potete stare più che sereni perché la qualità è più che accettabile. Infatti, in queste circostanze, io mi sento sempre di consigliarvi cuffie (anche con cavo dato che c’è il jack da 3.5mm).

Nella vita lavorativa però trova il suo focus indiscusso: ho lavorato con tutta la suite Office senza difficoltà, provando sia alcune soluzioni proprietarie (Microsoft), sia alcune soluzioni open source (LibreOffice), per rendermi conto delle potenzialità e i risultati hanno pienamente soddisfatto le attese. Non raggiungendo temperature piuttosto elevate, la CPU si comporta bene pur non raggiungendo picchi di frequenza che avrebbero dato un pizzico di sfrontatezza e velocità in più. Con ciò però si evita il fenomeno del throttling che su una macchina da lavoro si rivela piuttosto importante.

Non ho mai rilevato malfunzionamenti o bug o freeze improvvisi, a fronte di qualche rallentamento o apertura di app e programmi.

 

Archiviazione e Autonomia

Il laptop Acer TravelMate X5 è un ottimo laptop che presenta diversi tagli di SSD a disposizione, si tratta di unità Kingston che si comportano bene come tempistiche di apertura e . Se confrontato con altri laptop sicuramente può far meglio in termini di prestazioni (ad esempio contro lo Swift della stessa casa), ma è anche possibile aumentare lo spazio di archiviazione tramite una unità SSD M.2 2280.

L’autonomia invece è guidata da una batteria da 36Wh che, secondo quanto dichiarato dal produttore, promette di arrivare a 10 ore. Onestamente mi sono sempre assestato sulle 8 ore circa con una range di 30 minuti in più ed in meno. L’utilizzo ha previsto quasi sempre la riproduzione di contenuti multimediali (YouTube e Spotify), molto lavoro con le suite Office e, in parte, anche navigazione web. Per caricare il laptop c’è un compatto alimentatore da 45W in confezione, molto rapido per avere una carica piena in poco tempo.

 

Disponibilità e prezzo

Il laptop Acer TravelMate X5 può essere acquistato nelle differenti configurazioni a circa 1000€ per la versione base fino a circa 1400€ per la versione top di gamma.

 

Categorie
PC

Il Chromebook per le imprese di Acer

Acer ha annunciato l’arrivo sul mercato di ben sei nuovi dispositivi Chrome Enterprise studiati e realizzati per assecondare tutte le diverse esigenze delle aziende italiane. Si tratta di prodotti dotati del sistema di avvio rapido di Chrome OS, della possibilità di procedere agli aggiornamenti automatici in background ed ovviamente di un sistema di sicurezza multilayer (per non parlare delle notevoli implementazioni dell’intelligenza artificiale). Scopriamoli insieme.

Chrome Enterprise: un breve sguardo uno ad uno

Vediamo ora di che dispositivi stiamo parlando:

Acer Chromebook Enterprise 13 con display in QHD a 3:2 e scocca completamente rivestita in alluminio, ed ancora
Acer Chromebook Enterprise Spin 13 con schermo in 3:2 per una visione QHD completa, con form factor convertibile e penna inclusa;
Acer Chromebook Enterprise 714 che promette un’autonomia di primissimo livello (fino a 12 ore) ed è realizzato con uno chassis interamente in metallo con cornici sottili e, lo si può acquistare anche con il lettore di impronte digitali (opzionale), ed ancora;
Acer Chromebook Enterprise 715 dotato di un tastierino numerico dedicato per le app che richiedono il costante uso di numeri (se lavorate in cloud e vi occupate di data entry, ad esempio, apprezzerete veramente molto questa aggiunta);
Acer Chromebox Enterprise CXI3 con tanto di lettore multimediale progettato per avere la grafica ad altissima definizione, ed infine;
Acer Chromebase Enterprise 24I2, un vero e proprio all-in-one che pertanto si caratterizza per la sua ampia versatilità e si adatta ad ogni tipo di business voi abbiate.

Come già anticipato tutti i device  Chromebook Enterprise offrono un accesso flessibile ai dati aziendali attraverso l’integrazione con i provider SSO Active Directory e SAML, ed ancora permettono l’uso condiviso dei dispositivi con sessioni guest gestite e con la modalità kiosk. Infine è offerto un supporto H24, 7 giorni su 7, visto come gli amministratori di sistema hanno accesso all’assistenza per la risoluzione dei problemi di Chrome OS.

Cosa ne pensate di questi nuovi Acer Chromebook Enterprise?

Fatecelo sapere su Facebook, Twitter, Instagram e seguiteci anche su Youtube (canale TeamTech)!

Categorie
PC

HP Spectre X360 13: specifiche e prezzi

La nuova versione del notebook 2-in-1 (convertibile) di casa HP è finalmente stata annunciata e prenderà, ovviamente, il nome di HP Spectre X360 13 grazie proprio al suo schermo da 13 pollici. Attenzione però perché, in realtà, come meglio spiegheremo anche in seguito, le dimensioni totali di questo dispositivo sono state ridotte, per il tramite dell’ottimizzazione della cornice dello schermo (in poche parole il rapporto tra schermo e superficie totale è pari al 90% mentre, nel modello precedente, era il solo 78%). Ma cosa sappiamo di questo HP Spectre x360 13? Scopriamolo insieme.

 

HP Spectre x360 13: le principali caratteristiche tecniche

A livello di specifiche tecniche abbiamo i nuovi processori Intel Core Ice Lake (decima generazione)  sia in versione Core i5-1035G1 sia in versione Core i7-1065G7, mentre a livello di hardware vi sono fino a 16 GB di memoria oltre alla SSD fino ad 1 TB. A livello di autonomia questo notebook dichiara sino a 22 ore di funzionamento (con il display in funzionalità standard  – Full HD).

Questo significa, va detto, rinunciare, ad uno dei suoi punti forti che è lo schermo OLED 4K. A livello di prezzo e disponibilità lo HP Spectre x360 13  partirà dai 1.299 € della versione base (in vendita da novembre) per arrivare sino ai 1.899 € per la versione con finitura Nightfall Black (quella con pannello  OLED e 1 TB di SSD9 che sarà in vendita da Dicembre.  Nel mezzo troviamo la versione con finitura Natural Silver da 8 GB di memoria e schermo Full HD a 1.499 €, sempre da Dicembre.

                                                                                                          

Cosa ne pensate di questo HP Spectre x360 13? Vi interessa?

Fatecelo sapere su Facebook, Twitter, Instagram e seguiteci anche su Youtube (canale TeamTech)!

Categorie
PC

Asus ad IFA 2019: tante novità in arrivo

In occasione di IFA 2019, i Co-CEO di ASUS S.Y. Hsu e Samson Hu hanno avuto il piacere di presentare una nuova linea di prodotti ProArt per la creazione di contenuti, ProArt StudioBook One, ProArt StudioBook Pro X, ProArt Station D940MX e ProArt Display PA32UCG, il nuovo dispositivo wearable VivoWatch SP, e il nuovo laptop aziendale ASUSPRO B9. E ancora l’azienda ha annunciato l’arrivo sul marcato europeo dei notebook ZenBook Pro Duo e ZenBook Duo e ed anche del tanto atteso smartphone da gaming ROG Phone II Ultimate Edition.

 

ACER ad IFA 2019: le principali novità

Tra i tanti prodotti presentati che vi abbiamo elencato nel paragrafo precedente ci soffermiamo in particolare sui due notebook (ZenBook Pro Duo e ZenBook Duo) e sul ROG Phone II.

L’ASUS ZenBook Pro Duo (UX581) è un PC ultra-portatile con ASUS ScreenPad Plus, un touchscreen che funge da schermo oltre ad un processore Intel Core di nona generazione, fino a 32GB di RAM, uno memoria interna da 1 TB di tipo SSD e una scheda grafica NVIDIA GeForce RTX 2060. Infine abbiamo lo schermo da 15.6 pollici con risoluzione 4K UHD (3840 x 2160) convalidato PANTONE. e un touchscreen OLED HDR con certificazione VESA DisplayHDR TrueBlack 500. Accanto a questo notebook è stato poi presentato anche lo ZenBook Duo da 14 pollici, device con le medesime specifiche tecniche del Pro Duo ma con processore fino a Intel Core i7 di decima generazione, con scheda grafica GeForce MX250 e con schermo FHD NanoEdge convalidato PANTONE e ScreenPad Plus FHD.

Infine è opportuno spendere qualche parola sul ROG Phone II Ultimate Edition con storage UFS 3.0 fino a 1TB e con modem 4G LTE Cat. 20 che garantisce sino a 2Gbps di velocità di download. Abbiamo poi un processore Snapdragon 855 Plus con frequenza di clock da 2.96GHz ed uno schermo AMOLED con velocità di refresh a 120Hz/1ms. Il tutto è sorretto da una batteria da 6000 mAh.

 

Le parole dell’azienda

Vi lasciamo con quanto dichiarato da S.Y. Hsu, Co-CEO di ASUS “Sono entusiasta di essere a IFA quest’anno e di poter celebrare i 30 anni di innovazione di ASUS lanciando un’incredibile gamma di nuovi prodotti per i consumatori di tutta Europa” e ancora “Queste ultime creazioni sono un esempio concreto della nostra attenzione nel fornire a professionisti, consumatori e videogiocatori soluzioni che consentano loro di svolgere il loro lavoro in maniera ottimale, vivere uno stile di vita migliore e godersi esperienze di intrattenimento al meglio.”

 

E voi cosa ne pensate di questi nuovi arrivi di casa ACER ? Quale preferite?

Fatecelo sapere su Facebook, Twitter, Instagram e seguiteci anche su Youtube (canale TeamTech)!

Categorie
PC Recensioni

Acer Nitro 5: la mia recensione. Potente, silenzioso ed economico.

Acer Nitro 5 è un notebook gaming economico, adatto per i gamer che non possono o non hanno voglia di spendere cifre troppo alte per giocare e che vogliono giocare in ambienti diversi della casa o portarlo in giro con sè in vacanza o all’università. Un ostacolo che frena molti utenti dall’acquistare un PC da gaming è infatti il prezzo troppo alto, dovuto alla dotazione di un processore di un Core i7 e una GPU dedicata, ma soprattutto all’elevato grado di ingegnerizzazione, frutto di un compromesso tra estetica e dissipazione termica.

Configurazioni

Acer Nitro 5 è disponibile in molte configurazioni differenti, che potete trovare in questa pagina. Il modello che ho provato è quello che fa parte della serie AN512-52, che rispetto alla serie uscita da poco (AN515-54), differisce per la dotazione della GPU (GTX 1050Ti / 1060 contro la nuova GTX 1650).

La serie AN512-52 è composta da 3 prodotti differenti:

NH.Q3LET.012

  • Windows 10 Home
  • Processore Intel® Core™ i7-8750H Hexa-core 2,20 GHz
  • NVIDIA® GeForce® GTX 1050 Ti con 4 GB memoria dedicata
  • Display 15,6″ IPS Full HD (1920 x 1080) 16:9
  • 16 GB, DDR4 SDRAM
  • 1 TB HDD, 128 GB SSD

NH.Q3MET.005

  • Windows 10 Home
  • Processore Intel® Core™ i5-8300H Quad-core 2,30 GHz
  • NVIDIA® GeForce® GTX 1050 con 4 GB memoria dedicata
  • Display 15,6″ Full HD (1920 x 1080) 16:9 IPS
  • 8 GB, DDR4 SDRAM
  • 1 TB HDD, 128 GB SSD

NH.Q3XET.002

  • Windows 10 Home
  • Processore Intel® Core™ i7-8750H Hexa-core 2,20 GHz
  • NVIDIA® GeForce® GTX 1060 con 6 GB memoria dedicata
  • Display 15,6″ IPS Full HD (1920 x 1080) 16:9
  • 16 GB, DDR4 SDRAM
  • 1 TB HDD, 128 GB SSD

La configurazione che ho provato nello specifico è l’ultima delle 3, con l’aggiunta di ulteriori 16GB per un totale di 32GB di RAM.



 

Design

Come ogni notebook gaming che si rispetti, l’estetica è aggressiva, dominata dal contrasto tra nero e rosso. Il rosso della retro-illuminazione LED della tastiera si abbina al rosso acceso della barra che collega le giunzioni tra display e tastiera, e alla finitura rossa attorno al touchpad.

Lo chassis è interamente in plastica ma il design in finto carbonio è ben rifinito e riesce a donare nel complesso quella sensazione premium capace di distinguerlo dai soliti “plasticoni” di Acer. Anche la forma è particolare, con i bordi che seguono una forma semi esagonale. A piacermi di meno sono le cornici, un filo troppo grandi rispetto ad altri portatili che possiamo trovare sul mercato, e il logo acer sul retro, che avrei preferito fosse di colore rosso.

Il design nel complesso mi è piaciuto e apprezzo come Acer non abbia voluto rinunciare al fattore estetico anche su un portatile di fascia economica.

Porte e connessioni

Per uno che utilizza un Macbook come me, vedere così tante porte su un notebook è una gioia. Sul lato destro, oltre agli ingressi per il jack delle cuffie e per l’alimentatore, troviamo due porte USB 2.0. Sul lato sinistro, escludendo il Kensington lock per evitare furti, troviamo un ingresso per la Ethernet, una porta USB 3.0, una ingresso ad HDMI e una parta USB 3.1, per un totale di 4 porte USB. Mancano sia la Thunderbolt 3 che la DisplayPort, ma non è un notebook che utilizzerei per giocare con un monitor esterno.

Display

E’ forse la nota dolente di questo Nitro 5. Si tratta dello stesso pannello da 15 pollici utilizzato nel precedente Nitro 5 (uscito nel 2017), nè più nè meno.

Acer Nitro 5

Di buono ha che si tratta di uno schermo opaco e che quindi non riflette la luce del sole all’aperto o il nostro volto durante le scene buie di un film o di un gioco. La qualità però non è molto alta dato il rapporto di contrasto un po’ basso, che si riflette in una profondità dei neri scarsa. Guardare un film su questo monitor non è il massimo e ho trovato difficoltà in alcuni momenti giocando con Metro Exodus, gioco ricco di scene buie. Anche la riproduzione dei colori non è impeccabile, ma su questo ho trovato il modo di risolvere calibrando i colori in maniera ottimale. Anche la luminosità massima non è delle migliori, e all’aperto è quasi del tutto inutilizzabile.

Prestazioni

La GTX 1060 si è comportata benissimo davanti a tutti i giochi che abbiamo provato, impostando il massimo dettaglio: The Witcher 3, Destiny 2, Fortnite, Far Cry 5 e Final Fantasy XV. Questo è dovuto al fatto che ho sempre usato il display del notebook, senza collegarlo a monitor esterni WQHD o 4K. Non è infatti ideale per questo tipo di utilizzo. Se prevedete di utilizzarlo per lo più a casa, vi consiglio di valutare l’acquisto di un PC assemblato piuttosto che di un notebook gaming, cosa che vi consentirebbe una maggiore libertà di upgrade ma soprattutto, un’esperienza di gioco a 4K, a prezzi poco distanti dal Nitro 5.

Da segnalare l’eccellente gestione del calore, fattore che solitamente è critico per un notebook gaming. Lo spessore abbondante (2.7 cm) se da un lato rinuncia all’eleganza di un profilo sottile tanto caro agli utenti Macbook, dall’altro assicura temperature sempre basse, in ogni condizione. Anche dopo ore di utilizzo, guardando video su Youtube a 4K e giocando a 1080p, il portatile è sempre rimasto tiepido, aspetto questo che allunga il tempo di vita dei componenti e riduce la possibilità di avere problemi dovuti al surriscaldamento.  Potete comunque usufruire anche delle varie modalità di risparmio energetico, regolando opportunamente la ventola.

Anche dal punto di vista del rumore acustico Nitro 5 è stato eccellente. Il Nitro 5 resta silenzioso in qualsiasi condizione, complici un sistema di raffreddamento impeccabile e una gestione delle ventole davvero ben studiata.

Una piccola parentesi sulla webcam: inutilizzabile, o quasi. La qualità è troppo bassa, e quindi se streammate su Twitch o pensate di utilizzarla per qualche call su Skype il mio consiglio è di dotarvi di una webcam esterna.

Tastiera e touchpad

La qualità della tastiera è molto buona. L’escursione dei tasti è di circa 1.6mm, comoda e ottimale anche per il gaming. I tasti sono molto reattivi, sono ben distanziati e lasciano poco spazio ad errori di battitura. Sono riuscito a scrivere velocemente e non ho fatto fatica ad abituarmi al feeling con la nuova tastiera. Quello che gli manca forse è un feedback tattile più deciso e scattoso che i gamer apprezzano, ma è un fattore di poco conto per chi gioca solo per divertirsi.

Software

La suite proprietaria di Acer inclue qualche app (che non ho utilizzato) per lo scambio di dati con altri dispositivi, ma anche qualche tool utile come il Recovery Manager e l’Acer Care Center. All’inizio dovrete perdere un po’ di tempo per disinstallare i bloatware presenti, come giochi del tipo Bubble Witch 3 Saga, Candy Crush, Disney Magic Kingdoms ecc.. e il software di editing foto e video proprietario di Acer, che non utilizzo.

Audio

La qualità del sonoro non è male. E’ potente e riesce a mantenere una buona qualità fino a poco meno del massimo volume, limite dopo il quale inizia a perdere di precisione e a diventare fastidioso. Personalmente di rado mi capita di utilizzare gli speaker del notebook, dato che preferisco sempre collegare le cuffie, per un’esperienza più immersiva.

Autonomia

L’autonomia è nella media. Sono riuscito ad utilizzarlo senza alimentatore per poco meno di 5 ore, in cui l’ho utilizzato sia per giocare che per lavorare, impostando una luminosità media dello schermo. Non è un portatile per chi vuole utilizzarlo tutto il giorno senza alimentatore chiaramente, ma d’altronde quasi nessun PC da gaming è pensato per un utilizzo di questo tipo. Attivando le varie modalità di risparmio energetico diventa inutilizzabile per il gaming chiaramente, ma consente di utilizzarlo per qualche ora in più quando lavoriamo o vogliamo semplicemente navigare o guardare un film su Netflix.