Tableau, Power BI o Qlik sense? Tutte le differenze

migliori tool bi

Al giorno d’oggi la capacità di saper misurare i dati, analizzarli ed estrarre da essi azioni concrete e fruibili rappresenta un forte vantaggio competitivo. La digitalizzazione dei processi produttivi e aziendali in combinazione con l’utilizzo di software gestionali, di CRM e di strumenti di analisi ha portato alla generazione di Big Data da cui estrarre informazioni di valore a supporto delle decisioni strategiche.

Sul mercato sono presenti diversi tool di business intelligence utilizzati per gestire le fonti di dati, costruire modelli per l’analisi predittiva e visualizzare i dati in tempo reale e in modo immediato e facilmente comprensibile. Secondo il Magic Quadrant pubblicato annualmente da Gartner, nel quadrante in alto a destra troviamo i tool di business intelligence più utilizzati e più promettenti: Power BI (Microsoft), Tableau e Qlik. In realtà nel report del 2020 troviamo anche ThoughtSpot, l’unica new-entry di quest’anno ma che che in questa guida non prendiamo in considerazione.

Da una ricerca su Google Trends, si può notare come Tableau e Power BI siano in assoluto quelli più utilizzati, oltre ad avere un trend in crescita.

Ma quali sono le principali differenze tra Tableau, Power BI e Qlik Sense? Quali sono i pro e contro di un tool di BI rispetto all’altro? In questo articolo proviamo a fare un confronto tra questi 3 tool di BI.

Microsoft Power BI

Microsoft Power BI

Il motivo della rapida diffusione di Power Bi è, come prevedibile, l’integrazione con Microsoft 365, che consente una più facile gestione di dashboard e report con gli altri tool di Microsoft, costi più bassi e tempi di implementazione più brevi.

Integrazione con Microsoft 365 vuol dire anche maggiore facilità di utilizzo per chi è abituato a lavorare con i file Excel ma anche una condivisione più facile ed immediata con gli utenti che già hanno un account Microsoft. Secondo il report di Gartner, Microsoft Power BI è il più semplice da utilizzare tra tutti i tool di BI presenti sul mercato.

Tableau

Tableau è tra i migliori tool di BI nella visualizzazione dei dati. Tra i tool di BI è infatti quello che consente una migliore rappresentazione grafica.

L’interfaccia è user-friendly e consente anche agli utenti meno tecnici di creare facilmente dashboard e report. Così come con Power BI anche con Tableau è possibile distribuire facilmente le dashboard via web, accessibili tramite dei semplici link ed ottimizzati per la visualizzazione da qualsiasi dispositivo.

Qlik Sense

qlik sense

Qlik Sense è un tool di BI con una scalabilità migliore degli altri e una migliore gestione delle sorgenti dati, grazie al QIX Engine che consente di trovare in automatico ed esplorare le associazioni tra le varie sorgenti senza dover scrivere le query. Dal punto di vista del data management quindi Qlik Sense è senza dubbio il tool di BI che consente un gran risparmio di tempo. Non manca la possibilità di creare rapidamente dahsboard e report e presentazioni interattive tramite drag and drop.

Power Bi vs Tableau vs Qlik Sense: confronto diretto

Per capire meglio le differenze tra i 3 tool di BI e avere una panoramica più completa, facciamo un confronto sotto ogni singolo aspetto.

Facilità di utilizzo: Power BI

Power BI è il tool di BI più semplice grazie al fatto che utilizza molte delle funzioni disponibili in Excel. Gli utenti che hanno una buona familiarità con Excel si adatteranno in poco tempo al tool, facilitati anche dall’interfaccia intuitiva. Attenzione però che è anche quello con una curva di apprendimento più ripida, per cui è semplice apprendere le basi ma diventa difficile acquisire competenza, dato che richiede una buona esperienza con il DAX.

Data management: Qlik Sense

Il punto di partenza di ogni report di business intelligence è la gestione dei dati. La gestione dei dati di Qlik, basata sulla QIX Engine, è molto più flessibile e rapida, permettendo di risparmiare tempo nella fase di preparazione dei dati. Il motore di Qlik non prevede tipi di dati, supporta formati misti per uno stesso campo, toglie il vincolo dell’integrità referenziale e relazioni molti a molti. Questo consente di visualizzare le sorgenti con tutti gli errori e correggerli in un secondo momento.

Visualizzazione dei dati: Tableau

Tableau è tra i migliori tool di BI sotto l’aspetto della visualizzazione dei dati, sia dal punto di vista grafico e puramente estetico che di facilità di comprensione dei grafici. Dal punto di vista di chi legge i dati ed usa le dashboard ma non le crea, Tableau è tra gli strumenti di BI più apprezzati.

Analisi avanzate: Tableau

Tableau è l’unico tool di BI ad offrire un supporto nativo ad R e Python, mentre Power BI supporta il solo scripting R. Qlik Sense non offre il supporto nativo ad oggetti Python o R ma è comunque possibile svolgere regressioni, clustering o analisi predittive attraverso la connessione tramite API con app di terze parti.

Integrazione con Microsoft: Power BI

Power BI si integra alla perfezione con la piattaforma cloud Azure, Excel, Power Automate (per le automazioni in ambiente Microsoft 365) o PowerApps (per sviluppare app). E’ la scelta ottimale per le aziende che già utilizzano Azure e Microsoft 365 (es. Outlook ed Excel) e vogliono evitare di avere un’infrastruttura informatica troppo frammentata.

Storage: Power BI

Power BI Pro consente di creare aree di lavoro per le app per un massimo di 10 GB di spazio di archiviazione dati ognuna. Se si è scelto di mantenere l’esperienza di Excel: il limite per il set di dati è di 250 MB.

Qlik Sense Cloud Business consente di caricare dati nell’area di lavoro per un massimo di 250 MB. Il limite massimo per i dati agganciati all’app è di 50MB, mentre lo storage totale è di 500 GB.

Prezzo: Power BI

Power BI Pro è senza dubbio la soluzione più economica con un costo di 9.99$ al mese per utente.

I piani disponibili per Tableau sono i seguenti:

  • Tableau Creator: 70$ al mese per utente;
  • Tableau Explorer: 35$ al mese per utente;
  • Tableau Viewer: 12$ al mese per utente;

Qlik Sense Business è il tool di BI, tra quelli considerati, con un prezzo più alto con un costo invece che parte da 30$ al mese per utente e di 70$ per Qlik Sense® Enterprise SaaS.

Previous Post
equalizzatore

Miglior equalizzatore per Mac: per tutto l’audio di sistema

Next Post
ho mobile furto dati

Ho Mobile e furto di dati: ecco cosa dovete fare [aggiornamento]