Recensione Anker PowerExpand 8-in-1 USB-C PD 10Gbps

Oggetto della recensione di oggi è un dispositivo che facilita il passaggio dei dati: è il PowerExpand 8-in-1 ossia uno degli Hub USB-C di Anker, certificato per ricarica con PD 100W e per il passaggio dei dati ad alta velocità fino a 10Gbps.

I laptop moderni sono dotati ormai di pochissime porte e a volte queste non risultano sufficienti; tuttavia, grazie a questi dispositivi, tramite l’uso di una singola porta USB-C, che sia Thunderbolt o meno (ma è ovvio che le performance variano), è possibile avere a disposizione molte più porte separate.

Un prodotto del genere oggi è divenuto praticamente indispensabile per tutti, ma c’è chi per questioni lavorative ha bisogno di passare file di grandi dimensioni ed è fondamentale avere a disposizione porte molto veloci. Questo è lo scopo del progresso nelle USB che vengono costantemente migliorate per offrire prestazioni sempre migliori. Purtroppo, però, quando si va a sdoppiare una porta USB, bisogna stare attenti al prodotto che si utilizza, perché se non rispetta gli stessi standard della porta di origine, le prestazioni vengono limitate a quelle della porta meno performante.

Proprio per questo per questioni lavorative, molto spesso, ci si deve affidare a prodotti molto più costosi in modo da poter sfruttare al 100% le performance delle USB del nostro portatile, siano esse semplici porte USB 3.2 o ancora meglio delle Thunderbolt.

Il prodotto è di fascia media e, come tale, permette di utilizzare porte USB 3.2 al 100% delle loro possibilità. Non essendo una docking station Thunderbolt non raggiunge le specifiche di banda delle Thunderbolt, ma comunque se la cava bene nel suo genere.

Ci tengo a specificare che se volete usare questo Hub con delle Thunderbolt è completamente compatibile e di certo male non fate, poiché se non altro potrete sfruttare a pieno la banda di tutte le porte presenti sul dispositivo, senza limitazioni dovute alle prestazioni della porta madre.

Confezione e contenuto

Nella confezione di questo prodotto troviamo l’Hub e il sacchetto in tessuto per riporlo al riparo dalla polvere.

Dotazione sicuramente essenziale e classica, ma d’altronde cosa ci si poteva aspettare altro.

Design e costruzione

Anker PowerExpand 8-in-1 ha un design semplice e minimale, abbastanza classico e discreto, ma al contempo elegante. Non che un bel design sia indispensabile su un prodotto del genere, ma fa senz’altro piacere.

Il logo Anker si trova sulla faccia superiore, mentre su uno dei due lati, di fianco al lettore delle schede SD è presente un LED di stato bianco che permette di capire se il dispositivo è correttamente alimentato o meno.

La costruzione è purtroppo interamente in plastica e non in alluminio, ma risulta ugualmente compatto e ben resistente. L’alluminio avrebbe sicuramente aiutato lato dissipazione, ma fortunatamente non scalda più di tanto dunque non ci si deve preoccupare particolarmente della dissipazione.

Le dimensioni sono in linea con tutti i dispositivi di questa categoria, ossia: 11,8×5,5 cm. Il peso è irrisorio e si aggira intorno ai 100g.

Porte disponibili e prestazioni

L’Hub in questione è dotato di ben 8 porte di cui:

  • 1 porta USB Type-C per la PD e l’alimentazione dell’HUB da 100W;
  • 1 porta USB Type-C 3.2 da 10Gbps;
  • 1 porta HDMI 2.0 (fino a 4K60);
  • 1 porta Ethernet 1Gbps;
  • 1 porta MicroSD;
  • 1 porta SD UHS I (100MB/s);
  • 2 USB Type-A 3.2 a 10Gbps.

La dotazione è di tutto rispetto e permette qualsiasi operazione, dal passaggio di dati da dispositivi portatili o HDD/SSD esterni, al passaggio di foto da SD; ma permette anche al contempo di connettersi alla rete o di utilizzare schermi secondari e di ricaricare il proprio PC con una potenza massima di circa 85W tramite utilizzo di un alimentatore esterno da 100W collegato alla Type-C PD.

Ma ora, al fronte di tutte queste porte, quali sono le prestazioni reali?

Se collegato ad una porta Type-C 3.2 la banda massima è di 10Gbps, dunque se andate a utilizzare tutte le porte contemporaneamente difficilmente raggiungerete in totale i 10Gbps. Se collegate l’Hub ad una Thunderbolt 3/4 invece la situazione migliora un po’, anche se le prestazioni non rispecchieranno mai le specifiche delle Thunderbolt. In particolare quelle che soffrono di più lato prestazioni sono le porte per il passaggio dei dati, ossia le USB.

Il lettore di schede ha prestazioni abbastanza in linea con quello che è lo standard dichiarato, ossia l’UHS I. Le USB invece permettono di passare dati fino a circa 5Gbps, ossia specifiche teoriche delle USB 3.0, tuttavia è abbastanza usuale per le USB non raggiungere mai le prestazioni massime dichiarate, poiché quelli sono solo risultati teorici ed è impossibile averli nella realtà. Nella pratica queste USB potevano avere prestazioni un po’ migliori, ma per quella che è la fascia di prezzo del prodotto in questione diciamo che vanno abbastanza bene. Soprattutto sono migliori delle USB 2.0 e 3.0 presenti nei prodotti di fascia più bassa e permettono comunque di passare file in maniera abbastanza rapida sebbene si possa fare di meglio. Purtroppo, per avere prestazioni migliori, però, è necessario inevitabilmente avere una Thunderbolt diretta o una docking station Thunderbolt.

Come tutti gli Hub, anche questo ha bisogno di essere alimentato per funzionare correttamente se vi collegate dispositivi particolarmente energivori come HDD esterni e prodotti del genere.

Prezzo e conclusioni

Anche questo prodotto, come tutti gli altri marchiati Anker è possibile reperirlo con spedizione veloce Prime su Amazon a un costo di circa €60,00, tolti eventuali coupon da 5/10% di sconto.

Il verdetto
Anker PowerExpand 8-in-1 USB-C è un prodotto valido e molto utile per gli utenti più esigenti o per i professionisti alla prime armi che necessitano di molte porte a disposizione con prestazioni discrete senza però spendere troppo. Il prezzo è perfettamente giustificato e in linea con questo dispositivo, sia con quanto promette che con quanto offre realmente. Dispiace un po' per le prestazioni delle USB 3.2, ma risultano comunque sufficienti alla maggior parte degli utenti. Se si desidera di meglio conviene cambiare tipologia di dispositivo, andando a prendere una docking station Thunderbolt, con la quale però i prezzi lievitano e non di poco.
Design
9.5
Costruzione
8.5
Numero e varietà di porte
9
Prestazioni
8.7
Rapporto qualità/prezzo
9.5
Aspetti positivi
Design minimale ed elegante
Costruzione solida
Buona dotazione di porte
Prestazioni buone
Rapporto qualità/prezzo ottimo
Aspetti negativi
Costruzione in plastica
Prestazioni delle USB 3.2 un po' scarsine
9
Lascia un commento
Previous Post

Anker: nuovi dispositivi per la ricarica (anche solare!)

Next Post

Recensione Redmi Buds 3 lite: le nuove Airdots sono fra noi