Recensione Anker PowerPort Atom III 65W slim

Il prodotto marchiato Anker di cui andremo a parlare oggi è uno dei prodotti dedicati alla ricarica dei dispositivi facente parte della serie 5: Anker PowerPort Atom III 65W Slim. Si tratta di un hub di ricarica compatto dotato di ben 4 USB che permette dunque di caricare qualsiasi tipo di dispositivo, anche dotato di carica rapida, tramite un unica presa.

Senza dubbio è un prodotto immancabile per avere una scrivania pulita e ordinata e anche il prezzo come e le prestazioni come vedremo sono degne di nota. Andiamo passo passo e analizziamo meglio questo prodotto.

Confezione e contenuto

Quanto alla confezione, ritroviamo la solita dei prodotti Anker, molto semplice e minimale, ma bella da vedere al contempo.

All’interno della suddetta ritroviamo l’essenziale, ossia: l’Hub di ricarica, il cavetto per l’alimentazione e il pad biadesivo per il fissaggio sulle pareti (scrivania, muri ecc.). Presente il libricino per le informazioni per eventuali dubbi sui profili di ricarica o sulle altre specifiche del prodotto.

Design e costruzione

Il design è semplice e minimale, si tratta di un piccolo cubo molto schiacciato e sottile dai bordi arrotondati, di colore nero e con trama tipo jeans che però si nota solo da vicino. Lo spessore è di appena 1,78cm.

Presenta il logo al centro sulla faccia superiore, e spostato poco più verso le porte USB troviamo un piccolo LED blu circolare che indica se il dispositivo è correttamente alimentato o meno.

Sul fronte ritroviamo le 4 USB IQ che permettono la carica dei dispositivi.

Sul retro invece abbiamo, centralmente, la spina per il collegamento alla rete elettrica incluso in confezione.

Sulla faccia inferiore abbiamo poi quattro gommini utili al grip se lo si utilizza poggiato sulla scrivania in alternativa al pad adesivo.

La struttura risulta nel complesso costruita molto bene e sebbene interamente in plastica è molto resistente anche al tatto e non dà segni di cedimento in nessuno caso. Inoltre poiché si tratta di un semplice circuito stampato non c’è nemmeno il grosso pericolo che a seguito di eventuali cadute, anche importanti, si danneggi.

Il dispositivo in questione, come anche possiamo dedurre dal nome “PowerPort Atom slim”, è molto compatta e ha le dimensioni di una mano. E’ di forma quadrata e poiché risulta molto piccolo può essere infilato in qualsiasi spazio anche molto piccolo. In alternativa si può anche fissare sotto alla scrivania o in alternativa su un muro tramite il pad di biadesivo che viene fornito in confezione.

Porte USB e potenza

Come detto in precedenza, questo dispositivo dedito esclusivamente alla ricarica è dotato di ben 4 porte USB di cui due Type-C e due Type-A.

Le quattro porte permettono potenze massime di uscita differenti, dunque possiamo scegliere tra le quattro quale è meglio usare per i vari dispositivi. Ovviamente tutte le porte sono IQ, dunque sono abilitate ad erogare una potenza massima dichiarata ben precisa, ma se i dispositivi sono abilitati a ricevere una potenza inferiore, questa verrà adattata di conseguenza, anche perché questa accortezza permette di non bruciare il circuito di alimentazione del telefono.

L’efficienza del dispositivo si aggira intorno all’84% per carichi elevati e 78% per carichi inferiori al 10%, si ha pochissima dispersione di energia nonostante il circuito in questione sia molto compatto e minimale.

Infine, il consumo senza carico è di appena 0.11W, pertanto potete anche eventualmente lasciarlo collegato anche senza utilizzarlo (sebbene comunque per salvare fino all’ultimo centesimo sarebbe bene scollegarlo dalla rete elettrica).

Tra le quattro porte abbiamo i seguenti profili di alimentazione a seconda del numero di porte utilizzate contemporaneamente.

Con una sola porta in utilizzo avremo 20W sulla Type-C da 20W, 45W sulla Type-C da 45W e 15W sulla Type-A.

Usando la Type-C a 45W e la 20W avremo max 50W, di cui 30W su una e 20W sull’altra, mentre usando la 45W e una Type-A avremo 45W sulla C e 15W sulla A. Infine usando la Type-C a 20W e una Type-A avremo 35W in totale ossia 20W sulla C e 15W sulla A.

Usando invece 3 porte contemporaneamente avremo 30W sulla Type-C a 45W, 20W sulla Type-C 20W e 15W sulla Type-A per un totale di 65W.

Poiché le due Type-A sono praticamente in parallelo e il limite è settato a 15W (che è la massima potenza supportata dalle Type-A), se utilizziamo le due porte contemporaneamente la potenza verrà divisa tra le due, quindi nel caso dell’utilizzo di quattro porte contemporaneamente avremo sempre massimo 65W erogati.

La mia esperienza d’uso

L’esperienza d’uso è stata ovviamente positiva, questo dispositivo è sicuramente immancabile per tutti coloro che possiedono decine e decine di gadget diversi e si ritrovano ogni sera a dover ricaricare tanti di quei prodotti che non bastano più le prese a disposizione e si devono per forza utilizzare triple, quadruple e chi più ne ha più ne metta, che spesso risultano anche scomode poiché tra un falso contatto e l’altro vi fanno girare le scatole; e invece, oggi, grazie a questo piccolo, ma funzionale hub di ricarica sarà possibile fare tutto ciò in comodità e usando un’unica presa, senza pericolo di falsi contatti: quasi un sogno praticamente!

I limiti di ricarica sono un po’ particolari, questo si, ma tutto sommato per una ricarica notturna di più dispositivi o per una singola e veloce ricarica allo smartphone durante il giorno vanno più che bene.

Peccato solo per l’assenza di una Type-C a 65W che con l’uso di una singola porta permettesse di sfruttare tutta la potenza in un’unica QuickCharge per una carica ancora più rapida a quegli smartphone che lo permettono, però alla fine poco male.

Prezzo e disponibilità

Il seguente prodotto è disponibile su Amazon con spedizione Prime a circa €60 sebbene siano disponibili spesso dei codici sconto fino a 15% che portano il prezzo a poco più di €50, che lo rende un prezzo in linea con quello che è il prodotto in questione.

Il verdetto
Anker PowerPort Atom III 65W slim è un prodotto di livello e dal prezzo abbastanza in linea con le prestazioni e con quanto offerto. Può essere considerato un prodotto da avere sicuramente per molti come anche un prodotto non indispensabile per altri. Questo sta solo a voi decretarlo in base alle esigenze personali. L'unica cosa che posso oggettivamente dire è che, se ne avete veramente bisogno come me, ecco che questo dispositivo vi può svoltare la vita, anche se apparentemente non sembra, perciò se ne avete bisogno e avete 60 euro da investire vi consiglio assolutamente di prenderlo perché non ve ne pentirete.
Design
10
Costruzione
9.2
Dimensioni
10
Potenza massima e varietà di profili di alimentazione
8.5
Prestazioni
10
Rapporto qualità/prezzo
9.7
PUNTI DI FORZA
Costruzione compatta e resistente
Ottima varietà di porte e disposizione delle ultime
Efficienza energetica molto buona
Potenza massima ottima
Profili di alimentazione abbastanza bilanciati
Rapporto qualità/prezzo eccellente
PUNTI DEBOLI
Assenza di una porta USB a 65W
9.6
Lascia un commento
Previous Post

Recensione Anker PowerPort III Duo: alimentatore USB-C potente, compatto ed economico

Next Post

Le 5 funzioni segrete di Telegram che dovresti conoscere