Recensione EZVIZ BC2 | La cam più comoda mai vista!

Come se il sistema di sorveglianza fornito da Reolink non bastasse, oggi andiamo a introdurre un nuovo marchio leader del settore da ormai un bel po’ di tempo. Parliamo di EZVIZ, marchio low-cost ma produttore mondiale di prodotti domotici e di videosorveglianza domestica.

Sicuramente non sono noti nel mercato professionale per la produzione di prodotti da svariate centinaia di euro, ma è pur vero che sorvegliare una casa non è allo stesso livello di sorvegliare il caveau di una banca e infatti molto spesso per un impianto domestico si opta per telecamere che costano intorno al centinaio di euro proprio perché ormai la tecnologia ha fatto passi da giganti e con anche un budget così limitato si riescono a creare prodotti dalle prestazioni incredibili e certamene più che sufficienti per un ambiente di questo genere.

Nonostante i suoi articoli siano estremamente concorrenziali per il prezzo, questo non significa che la qualità sia da escludere a priori, infatti, come anche per molto altri marchi cinesi la qualità a volte può sorprendere.

Ebbene questo è il caso, sebbene i prodotti di questa casa siano più che alla portata di tutti, le loro performance sono conosciute ormai in tutto il mondo, e questo nuovo modello di telecamera non è di certo da meno!

Ma vediamola meglio nei dettagli prima di tirare conclusioni troppo affrettate.

Il nostro video

Confezione e contenuto

La confezione di questa BC2 è estremamente compatta nonostante all’interno possiamo trovare tutto ciò di cui si necessita per poterla montare e utilizzare senza problemi.

All’interno troviamo: la cam rigorosamente ricoperta da pellicola in modo che la finitura lucida non si graffi, il cavetto micro USB per la ricarica, le scartoffie e tutto il sistema di montaggio composto da una piastra metallica per il fissaggio magnetico della base, una base magnetica regolabile al quale va fissata la cam e un set di fissaggio a muro.

Il set di fissaggio a muro mi è piaciuto tantissimo poiché dopo la tecnologia magnetica che già mi aveva sorpreso, anche il fissaggio sul muro finalmente si rende possibile anche senza bucare tutto. Ebbene abbiamo due modalità di montaggio: la prima con i classici tasselli, senza dubbio più saldi e duraturi, ma è pur vero che si tratta di una tecnica piuttosto invasiva per il povero muro; la seconda si basa sull’utilizzo di un pad di biadesivo molto forte che permette il fissaggio della piastra metallica al muro in modo molto rapido e comodo e senza dover bucare tutto. I pad inclusi in confezione sono tra le altre ben due, sebbene per il montaggio ne sia necessario solo uno, dunque per eventuali errori di posizionamento si può anche cambiare (ma sempre meglio se fate bene alla prima chiaramente).

In conclusione si tratta di una dotazione senz’altro completissima e sarebbe impossibile trovare un qualcosa che non è stato incluso in confezione.

Design e costruzione

Quanto al design questo risulta sicuramente minimale e compatto poiché la camera stessa ha dimensioni veramente irrisorie e un peso che non è da meno.

La cam ha una forma di parallelepipedo molto compatto e la trama si alterna tra un nero opaco e un nero lucido. Le dimensioni sono 39,1×39,1×51,3mm.

Tutto sommato risulta molto discreta e bella da vedere, aspetto anche molto importante visto e considerato che si tratta di una cam per interno e dobbiamo averla sotto gli occhi tutto il tempo.

La costruzione è come di consueto in plastica, ma si tratta di una plastica molto rigida e resistente e per via delle dimensioni discrete risulta nel complesso molto compatta ed è veramente improbabile che si rompa in qualche modo, anche se non vi consiglio di sbatterla a terra perché è pur sempre dotata di un’ottica ben più fragile del corpo che potrebbe quindi danneggiarsi.

Specifiche, funzionalità e prestazioni

Passando a parlare delle specifiche tecniche di questo giocattolino direi di partire dalla connessione che ha senza dubbio la sua importanza in un prodotto del genere.

La connessione wireless è affidata a un classico Wi-Fi 2,4GHz che promette una connessione abbastanza stabile anche con dei muri di mezzo e la banda risulta più che sufficiente considerato quello che è il bit rate massimo di acquisizione supportato dal dispositivo. Peccato per l’assenza della banda 5GHz ma ce ne facciamo una ragione considerato tutto.

L’alimentazione è affidata alla batteria integrata da 2000mAh in grado di alimentare la telecamera fino a 50 giorni circa in modalità risparmio energetico (che vedremo più tardi).

La ricarica o l’alimentazione diretta se preferite avviene tramite porta micro-USB sul retro, un tantino datata nel 2022 ma lasciamo correre giusto perché in dotazione almeno forniscono il cavo.

Il reparto di acquisizione video è affidato a un sensore CMOS da 2MP di dimensioni 1/2,8″. L’obiettivo è invece un 4mm F1.6 che garantisce un angolo di visuale di 100°, cifra più che consona all’uso al quale è destinato questo prodotto. Peccato solo per l’assenza di un piccolo zoom ottico anche 2-3x che in alcune situazioni aiuta molto. Tutto sommato comunque reparto video in linea con il prezzo.

Disponibile ovviamente la visione notturna tramite IR fino a 5m, anche qui si poteva fare meglio ma considerando l’uso da interno poco male.

Sono presenti anche un altoparlante e un microfono integrati per permettere la comunicazione a due vie. Il microfono si sente e l’altoparlante riesce a riprodurre suoni capibili con un volume anche abbastanza convincente.

Questa cam come tante ormai è dotata di intelligenza artificiale per il riconoscimento degli intrusi. In particolare abbiamo vari tipi di rilevamento che vanno da quello “ottico” a quello termico. Si tratta sempre di rilevazione tramite onde elettromagnetiche solo che uno è il classico che rileva il movimento di oggetti e la cui sensibilità si può regolare tramite l’app, l’altro disponibile utilizza il sensore PIR, ossia gli infrarossi passivi emanati dai corpi. In pratica l’algoritmo rileva tramite il sensore PIR le variazioni e gli spostamenti di oggetti caldi dunque quando il sensore rileva variazione di temperatura nell’area di sorveglianza parte la registrazione. Senza dubbio è la modalità più affidabile e precisa che si possa avere poiché il movimento di oggetti “freddi” non influisce in nessun modo nell’attivazione della cam dunque se avete problemi di fantasmi in casa almeno non vi arriveranno notifiche push inutili.

La risoluzione massima supportata dalla cam è il FHD 15fps, peccato visto e considerato che si vendono cam con 5MP e QHD anche a prezzi simili, però ci accontentiamo anche del FHD visto e considerato che comunque si riescono a distinguere benissimo anche i volti un po’ più lontani. Punto sicuramente a favore è invece la codifica poiché è supportato l’H265 che senza dubbio occupa meno spazio e mantiene molto bene la qualità.

La visualizzazione e registrazione di giorno non ha assolutamente problemi, anche in assenza di luce forte le immagini risultano pulite e nitide e anche con lo zoom digitale si riesce ad ingrandire fino al 4x potendo scorgere anche i dettagli più piccoli sebbene in qualità inferiore.

La notte la situazione non cambia radicalmente grazie alla presenza dell’IR. Le immagini risultano comunque di buona qualità e senza dubbio utilizzabilissime.

Per finire, la cam non è dotata di protezione contro polvere o acqua dunque non è certificata per stare sotto la pioggia, motivo per cui è una camera esclusivamente da interno. Nonostante ciò è adatta anche a installazioni in luoghi esterni ma coperti, per esempio verande e balconi a patto che non ci sia il pericolo che si bagni. Io per esempio l’ho montata sulla porta d’ingresso, un luogo “aperto” ma comunque ben coperto. Il facile e versatile montaggio permette di fissarla praticamente dove vi pare.

Come tutto l’ecosistema EZVIZ anche questa cam è compatibile con i sistemi di domotica più diffusi: Alexa, Google e IFTTT.

Io in particolare possiedo Alexa e l’accoppiamento è stato fulmineo, basta premere 2 pulsanti in croce e l’account viene aggiunto automaticamente. Tutti i dispositivi registrati sull’app vengono trasferiti anche su Amazon Alexa e possono essere controllati tramite l’assistente vocale. Nel caso delle cam se possedete per esempio degli Echo Show potete chiedere ad Alexa di visualizzare la cam x sullo schermo in maniera veloce e comoda, o diversamente potete accedere in remoto da telefono tramite l’app proprietaria di EZVIZ.

EZVIZ app

EZVIZ gode sicuramente di un supporto in app grandioso. L’app proprietaria è ben fatta, è molto reattiva e anche ben strutturata.

E’ disponibile sia per smartphone Android e iOS sia per tablet da poco, ma anche per computer Windows.

L’interfaccia si presenta molto pulita e completamente personalizzabile (le varie schede dei dispositivi possono essere riordinati a piacere).

Inoltre anche la modifica delle impostazioni dei dispositivi è veramente molto semplice e la prima configurazione lo è anche di più.

Al primo accesso si dovrà creare l’account EZVIZ o utilizzare quello Google, dopodichè si possono aggiungere e configurare i propri prodotti marchiati dalla casa in questione.

La configurazione iniziale è completamente guidata e risulta essere molto semplice e veloce, basta seguire le istruzioni e in pochissimo avrete pronto il dispositivo a vostra completa disposizione.

Ma vediamo ora un po’ più nel dettaglio l’interfaccia dell’app e le varie impostazioni che questa cam in particolare offre.

Una volta aperta l’app ci troveremo di fronte alla schermata home in cui è possibile visualizzare tutti i dispositivi già associati al nostro account, ma anche aggiungerne di nuovi tramite il + in alto a destra.

E’ possibile poi modificare il layout della home a seconda delle proprie preferenze, visualizzare la libreria, ossia l’insieme delle clip registrate e salvate ogni singolo giorno, e anche visualizzare le impostazioni dell’app o cambiare account.

Tra le impostazioni dell’app abbiamo la possibilità di aggiungere degli utenti esterni al controllo dei dispositivi tramite invito SMS o mail.

L’app è utile inoltre per visionare il live della cam e per scattare foto o registrare video in real-time sul proprio telefono se non si vuole utilizzare la memoria interna o il cloud.

Impostazioni della cam

Veniamo ora alle impostazioni della cam.

Innanzitutto è possibile modificare in qualsiasi momento il nome che poi verrà anche utilizzato da Alexa per identificare il dispositivo.

Tra le impostazioni della cam ritroviamo la modalità operativa, selezionabile tra vari profili tra cui quello personalizzato, il risparmio energetico massimo che rende la cam attiva solo per la visualizzazione live, e la registrazione continua che invece registra 24/24. Chiaramente più la cam risulta essere attiva e meno la batteria durerà. Al massimo si arriva intorno ai 50 giorni nel caso della modalità massimo risparmio energetico.

Le modalità di registrazione automatica invece si basano sul rilevamento degli oggetti che può essere selezionato nella categoria rilevamento intelligente. Abbiamo il rilevamento di movimento (con relativa sensibilità), il rilevamento della figura umana tramite IA e il rilevamento PIR spiegato precedentemente.

Disponibile poi la modalità allarme con la selezione di un suono o di un messaggio standard o personalizzati e il relativo volume.

Chiaramente è possibile anche ricevere notifiche push e messaggi sul telefono quando qualcosa di sospetto viene rilevato.

E’ possibile inoltre scegliere se escludere o meno l’audio dei filmati, lo stile delle immagini (il profilo dei colori praticamente), e l’accensione o meno dei LED di stato.

Da remoto è anche possibile verificare la percentuale di batteria residua.

E’ possibile anche attivare la crittografia dei video tramite password personalizzata per tenere al sicuro i propri dati da eventuali malintenzionati (per quanto questo possa servire).

Ultimo ma non ultimo la gestione delle registrazioni.

Quest’ultima può avvenire su Cloud di EZVIZ che ha a disposizione vari piani di abbonamento mensili e annuali a seconda delle proprie esigenze oppure direttamente su scheda microSD interna fino a 256GB.

Infine la possibilità di modificare rete Wi-Fi e di visualizzare le informazioni relative al dispositivo in questione (posizione, numero di serie, versione del firmware ecc. fino addirittura al manuale dell’utente in versione digitale).

La mia esperienza con EZVIZ BC2

Nel complesso la mia breve ma intensa esperienza con questa è stata molto positiva.

La cam fa sempre quel che deve e anche abbastanza bene al fronte di un prezzo che poi non è nemmeno così esagerato.

L’app è stata sicuramente la parte più interessante e comoda poiché è fatta molto bene, è bella reattiva e permette la visualizzazione in live di ciò che succede anche quando si è fuori casa.

In conclusione una cam sicuramente di livello e dal prezzo accessibile praticamente a tutti.

Prezzo e disponibilità

Ma di che cifra parliamo nello specifico?

E’ venduta direttamente da Amazon, come tutti i prodotti EZVIZ, con spedizione veloce e sicura Prime a un prezzo di listino di circa €80 sebbene siano disponibili molto spesso coupon anche del 20% che rendono il prezzo di appena €64; cifra che rende questo prodotto un best buy senza se e senza ma anche prendendo in considerazione il montaggio pulito, facile e veloce di cui gode.

Il verdetto
A questo punto direi che le conclusioni si traggono da sole. Abbiamo un dispositivo comodo e funzionale e che costa poco più di 60 euro. Rende sicura la vostra casa e senza lasciare fastidiosi buchi nel muro, è semplicissimo da caricare e orientare grazie all'attacco magnetico e la qualità complessiva sia di giorno che di notte è ottima. Che altro dire... se è quello di cui avete bisogno non aspettate altro a comprarne una!
Design
9.7
Costruzione
9.3
Dotazione
10
Prestazioni
8.2
Autonomia
8.5
App
9
Ecosistema
9.5
Integrazione Smart Home
9.5
Ricezione e stabilità
9.3
Rapporto qualità/prezzo
9.2
Aspetti positivi
Peso e dimensioni irrisorie
Montaggio comodo e veloce
Fissaggio anche senza viti
Tecnologia magnetica molto comoda e affidabile
Presenza di microfono e altoparlante
Ottica e sensore nella media
Campo visivo abbastanza generoso
App ben fatta e sicura
Crittografia dei filmati e verifica a due fattori
Registrazione su cloud e in locale su microSD
Visione notturna molto performante
Presenza di sensore PIR
Varie modalità operative
Sistema di notifica e di allarme
Condivisione del dispositivo con altri utenti
Batteria molto limitata ma performante
Integrazione funzionale con Google, Alexa e IFTTT
Prezzo concorrenziale
Aspetti negativi
Assenza di risoluzioni superiori al FHD
Assenza di zoom ottico
Impossibile salvare la registrazione su server proprietario
Assenza di USB Type-C
9.2
Lascia un commento
Previous Post

Le migliori cuffie bluetooth sotto €150

Next Post

Recensione Anker PowerPort III Duo: alimentatore USB-C potente, compatto ed economico