Recensione Realme Buds Q2S: auricolari economici che sognano di essere Airdots

Con il ritorno delle Airdots sul mercato, sotto il nuovo nome di Redmi Buds 3 Lite (da noi QUI recensite), si è ristabilita una certa egemonia sul mercato. Altri brand però provano a sfondare in questo settore, con soluzioni che spesso ricordano proprio le più acquistate. E’ il caso delle Realme Buds Q2S, auricolari true-wireless che di simile alle Redmi non hanno solo il nome bensì anche il prezzo: circa €29.99.

Riusciranno però a ritagliarsi un proprio spazio in un mercato super saturo come questo o saranno vittime della propria ambizione? Scopriamolo nel corso di questa recensione!

Il nostro video

Unboxing e confezione

La confezione è molto classica, bianca e squadrata, sul fronte un’immagine degli auricolari con il nome. All’interno troviamo gli auricolari, alloggiati nel proprio case, il cavetto USB-C per la ricarica, la manualistica ed infine 2 paia di gommini di altre taglie.

Design e costruzione

Il design ricorda per certi versi quello delle Redmi Airdots di prima generazione: la forma è di ovale coricato, ma caratteristica inedita è il coperchio in policarbonato trasparente. Si vede dunque l’interno, proprio come accadeva per le Achoice P1 (QUI recensite). E’ una trovata di design niente male che crea un pò di differenziazione rispetto ai tanti prodotti simili. Sul retro vi è l’ingresso USB-C mentre sul fronte il LED di stato che indica il grado di autonomia e la ricarica, mentre infine sul coperchio si trova il logo Redmi inciso nel policarbonato.

La costruzione appare subito economica al tatto, con delle plastiche lisce molto leggere (il case pesa soli 39g). La cerniera è il vero punto critico, con notevoli incertezze già all’apertura le quali non possono che peggiorare nel lungo periodo.

Gli auricolari hanno invece forma rotonda, “a pallina”, come le Redmi Buds. La superficie è scavata, ed in questa zona si trovano proprio i controlli touch. La loro costruzione è buona, solida, ma il peso è di soli 4g.

Comfort e indossabilità

Buona l’indossabilità, anche se rispetto alle Redmi si perde un paio di gommini di ricambio e sopratutto durante l’attività fisica è capitato che in qualche occasione gli auricolari cadessero dalle orecchie costringendomi a dover interrompere l’allenamento per rimetterli al loro posto. Eventi che con le rivali Buds 3 Lite non si erano mai verificati.

In generale però il comfort garantito è più che sufficiente, permettendo l’ascolto senza fastidi per svariate ore.

Connettività

Ottima invece la connettività grazie al chip Bluetooth 5.2 di ultima generazione che consente un’associazione rapidissima, stabilità nella connessione ed una latenza davvero bassa. Il delay essendo infatti ridotto all’osso non crea disturbo durante la visione di contenuti multimediali nè durante il gaming. Durante le sessioni di gioco si può anche usufruire della famosa “Game Mode“, funzionalità che fa a limare ulteriormente la latenza a discapito di una fetta di qualità audio.

Qualità audio

La qualità audio è stata un’amara delusione: l’ascolto non è pessimo, anzi nel complesso si dimostra sufficiente, ma è appunto nulla più che…sufficiente.

Una volta connesse all’apposita applicazione, Realme Link, si possono scegliere 3 modalità di ascolto: Bass Boost+, Equilibrata e Brillante. La prima è fortemente sconsigliata, in quanto i driver da 10mm enfatizzano già da sè i bassi ed aggiungendovi questo preset allora il tutto diventa davvero sbilanciato. Con “Equilibrata” vi è invece la miglior esperienza d’ascolto, che permette bene o male di spaziare fra i vari generi ma sempre con dei bassi eccessivamente enfatizzati che portano le voci in secondo piano dando dunque una sensazione poco piacevole spesso e volentieri. Infine “Brillante” cerca di far risaltare proprio gli alti, restituendo invece un feedback artificioso e di poca naturalezza dell’audio.

Gestures

Le gestures sono discretamente complete e nel totale ben funzionanti, se pur con alcune lacune clamorose come l’assenza del “volume up” e “volume down”. Via app è possibile poi procedere all’assegnazione delle funzioni ai diversi tocchi in base alle proprie preferenze, con esclusione del controllo volume che è invece totalmente assente.

Microfoni e chiamate

I microfoni sono decisamente non all’altezza delle Redmi Buds, con un audio catturato che è sufficiente in ambiente chiuso e silenzioso ma diventa totalmente inascoltabile in una zona trafficata o con un minimo vento di sottofondo. Realme ha dotato le Q2S di un’intelligenza artificiale che vada a tagliare i rumore dalle chiamate, ma questa appare vistosamente deficitaria. I microfoni sono dunque una grossa criticità, a maggior ragione confrontandoli con quelli delle Redmi Buds che spiccano proprio per qualità rispetto alla fascia di prezzo.

Autonomia e ricarica

Le Buds Q2s si riprendono però sotto un altro aspetto: l’autonomia. Realme dichiara 30 ore di autonomia complessiva, cifra a cui si può assolutamente arrivare. Con una ricarica si ottiene una durata media di 7 ore di riproduzione a volume spinto, dato ottimo, ed il case permette ulteriori 3 ricariche. Proprio la ricarica di quest’ultimo avviene con USB-C in un paio d’ore.

Applicazione

Strano ma vero per una soluzione economica, le Realme Buds Q2S sono compatibili con applicazione dedicata: Realme Link. Questa funziona davvero bene, riconoscendo subito il dispositivo. Le funzioni offerte consentono una gestione completa: equalizzatore, “miglioratore del volume” (un algoritmo che forza il volume oltre il suo massimo standard), modalità gioco, aggiornamento firmware ed infine configurazione gestures.

Prezzo e conclusioni

Il prezzo è di €29.99 su Amazon, cifra sicuramente bassa ma che le mette in diretto confronto con Redmi Buds 3 Lite (e diverse altre soluzioni), confronto dal quale le Realme Buds Q2S escono sconfitte.

Il verdetto
Realme Buds Q2S sono auricolari true-wireless che pur essendo economici, dotati di ottima connettività e con app dedicata, si rivelano privi di senso. La concorrenza delle Redmi Buds 3 Lite li spazza via nella maggior parte dei comparti e forse solo l'app dà quel plus che manca alle Redmi. Non è comunque sufficiente a giustificarne però l'acquisto, con il nostro consiglio che rimane quello di orientavi sulle vere regine della fascia bassa: le Redmi Buds 3 Lite.
Design e costruzione
8.4
Comfort e indossabilità
9
Connettività
8.8
Qualità audio
8.2
Microfoni e audio in chiamata
7.2
Autonomia e ricarica
9.2
Applicazione
8.6
Prezzo
8.5
Il mio voto
8.3
8.5
Lascia un commento
Previous Post

I migliori auricolari true-wireless sotto i €50 [GUIDA]

Next Post

Corsair K65 RGB Mini: la recensione della tastiera 60% compatta