Recensione Redmi Buds 3 lite: le nuove Airdots sono fra noi

Le Redmi Airdots sono fra gli auricolari true wireless che hanno riscosso maggior successo, grazie ad un rapporto qualità/prezzo elevatissimo. Si tratta di una soluzione che è stata la pioniera di un certo modo di intendere gli auricolari tws, ovvero come prodotti alla portata di tutti da avere sempre con sè. Prima di allora, questi erano gadget riservati a chi poteva permettersi un paio di Apple Airpods o soluzioni simili.

Dalle Airdots in poi, nulla è stato più come prima: sono sorte miriadi di tws low-cost, tanto che la fascia bassa del mercato è oggi la più affollata.

Con le Airdots 2 però, prodotto non propriamente riuscito (di cui clickando QUI potete leggerne la recensione), Redmi ha perso questo primato divenendo oggi una fra le varie opzioni. Proprio per riconquistare la corona perduta, il brand cinese ha rilasciato le Redmi Buds 3 lite, che simbolicamente rappresentano proprio il successore della line-up Airdots.

Il prezzo è rimasto basso, ma le migliorie apportate saranno sufficienti? Scopriamolo nel corso di questa recensione!

Il video

Unboxing e confezione

La confezione si presenta bianca, molto compatta ma con un logo sul fronte decisamente appariscente. Come da tradizione Redmi, permane la scelta di non munire la confezione del cavetto di ricarica, fattore che sicuramente non rende questo packaging fra i più ricchi sul mercato. Vi sono per lo meno 3 paia di gommini di ricambio.

Design e costruzione

Il design rispetto ai modelli precedenti è piuttosto diverso: il case ha forma ovale, una sorta di “ovetto” piatto. La costruzione di questo è a mio avviso peggiorata: se gli scorsi anni non trovavamo certo una rifinitura premium, la solidità non è mai stata in discussione. Queste Redmi Buds 3 Lite invece mi han fatto avvertire più di un’incertezza riguardo proprio la resistenza nel lungo periodo, a causa della plastica adottata che è a mio avviso di natura più economica. L’impermeabilità è certifica IP54 contro schizzi e polvere.

La forma degli auricolari è invece piuttosto tradizionale: sono tondi, come delle “palline” potremmo dire, ad eccezione di un’aletta in silicone che dà loro grip e comodità. Estremamente simili alle Samsung Galaxy Buds in tutto e per tutto, ma è comunque studiata e ben gradevole alla vista. Questi rimangono leggeri (soli 4g l’uno), ma non vi ho trovato dei compromessi nella costruzione. Sono resistenti ma anche esteticamente appaganti.

Le linee del prodotto mi sono comunque piaciute: è un design sobrio e minimale, adatto a tutti i giorni e che se non fosse per la sensazione un pò cheap delle plastiche del case, farebbe apparire le Buds 3 Lite una soluzione di fascia sicuramente più alta. Sul lato inferiore vi è la porta USB-C (finalmente) e quest’anno vi sono 2 colorazioni disponibili : bianco perla e nero.

Comfort e indossabilità

Ottima l’indossabilità: i 3 gommini di ricambio permettono di adattare gli auricolari alle proprie orecchie in maniera quasi impeccabile ed è davvero difficile trovare qualcuno per cui il comfort non sia massimo. Personalmente con quelli in bundle ho ottenuto una stabilità granitica ed un isolamento passivo degno di nota, caratteristiche non da poco. Anche durante l’attività fisica e la corsa a velocità sostenuta, l’auricolare rimarrà ben saldo dando dunque anche una certa sicurezza. Poche soluzioni economiche possono vantare questi attributi.

Connettività

La connessione delle Redmi Buds 3 Lite si affida ad un chip Bluetooth 5.2, di buon livello e più che sufficiente per la fascia di prezzo. Il pairing è rapido, la trasmissione stabile ed anche la distanza coperta non sfigura di fronte a prodotti molto più costosi. Il salto in avanti rispetto a delle Redmi Airdots 2 è mastodontico. Lì il chip Bluetooth era una grossa criticità, in questo caso è invece un solido punto di forza. Buono il delay, ve n’è un minimo ma non dà talmente tanto fastidio da impossibilitare la visione di un contenuto multimediale, com’era invece per il precedente modello.

Qualità audio

Altro enorme stravolgimento riguarda il comparto audio. Il volume di riproduzione è pressochè raddoppiato rispetto alle Airdots 2, raggiungendo vette elevatissime, presenti i bassi e ben posizionati alti e medi. E’ inaspettatamente tutto al posto giusto e ciò crea un’esperienza decisamente sopra la media. Si ascolta con piacere una canzone pop o rap, ma anche generi più impegnativi sono assolutamente abbordabili con queste Redmi Buds 3 Lite.

I drivers sono cambiati, in positivo, e si nota enormemente. Un upgrade quasi da fascia “pro”, piacevolissima sorpresa.

Anche la visione di film e contenuti multimediali è gradevole e non fa rimpiangere la natura economica del prodotto.

Gestures

Ok le gestures, presenti quelle basiche e nulla di più ma queste sono tutte ben funzionanti. La superficie touch per eseguire i comandi risponde bene ai tocchi e ne va a segno quasi la totalità. Si può rispondere alle chiamate, c’è il play/pausa.

Microfoni ed audio in chiamata

Altro oggetto di enormi miglioramenti sono stati i microfoni, con una qualità che è salita esponenzialmente. In ambiente tranquillo, l’audio catturato è davvero di buon livello permettendo una serena interlocuzione. Queste note di merito permangono anche effettuando chiamate all’esterno, in zone trafficate è infatti possibile essere ascoltati dall’interlocutore senza problemi di sorta. Anche qui quindi rispetto al passato, il salto di qualità è stato immenso.

Autonomia e ricarica

L’autonomia dichiarata è di circa 5h con una sola carica, cifra simile a quella da me riscontrata: in media una mezz’ora in meno. Non è una durata da farsi strappare i capelli, tuttavia si dimostra assolutamente sufficiente nel quotidiano. Il case permette di effettuare quasi 3 ricariche e dunque estende la possibilità di utilizzarle più giorni senza doverle ricaricare.

La ricarica avviene comunque in poco meno di un paio d’ore grazie all’introduzione dell’USB-C, importantissima novità delle Redmi Buds 3 Lite.

Prezzo e disponibilità

E’ possibile acquistare su Amazon le Redmi Buds 3 Lite ad un prezzo solitamente di €23.99, ma vi sono spesso cospicui. La cifra richiesta è decisamente bassa rispetto a quanto offerto, rendendole nuovamente il best buy che la prima storica edizione ha rappresentato!

Il verdetto
Dopo la prova di queste Redmi Buds 3 Lite posso affermare che la delusione delle Airdots 2 è solo un lontano ricordo. Il salto in avanti complessivo, che qui è stato fatto, ha del disarmante. Le migliorie abbracciano tutti i fronti e permettono a questo prodotto di essere il campione da battere nella fascia bassa del mercato. Persino i microfoni, solitamente tallone d'Achille dei migliori auricolari low-cost, sono qui davvero performanti. Le prime Airdots trovano nelle Redmi Buds 3 Lite il loro vero erede, nello spirito e nel prezzo. Best buy!
Design e costruzione
8.4
Comfort e indossabilità
9.5
Connettività
8.8
Qualità audio
9.2
Microfoni e audio in chiamata
9
Autonomia e ricarica
8.6
Prezzo
9.8
Il mio voto
9.2
Cosa mi è piaciuto
Design elegante ed appagante
Indossabilità eccellente
Connessione stabile e rapida
Audio potente e ricco
Gestures affidabili
Microfoni adatti anche alle chiamate in esterno
Autonomia sufficiente
Ricarica rapida
Prezzo senza rivali
Cosa si può migliorare
Costruzione non impeccabile
Presente un briciolo di latenza
Poteva esserci qualche gesture in più
L'autonomia è sufficiente ma non eccelsa
9.1
Previous Post

Recensione Anker PowerExpand 8-in-1 USB-C PD 10Gbps

Next Post

Recensione Black Shark Sixgill K2: una buona alternativa low-cost