SanDisk iXPand Wireless Charger 15W: la RECENSIONE

La ricarica wireless è uno degli standard che si sta più diffondendo nell’ultimo periodo, complice ovviamente la continua ricerca di comodità e di rinuncia ai cavi. Oggetto della recensione di oggi è una base che si chiama SanDisk iXpand Wireless Charger da 15W. Apple ha deciso di rinunciare all’alimentatore in confezione, con ovvie polemiche in merito, e i produttori di terze parti non hanno perso occasione per fornire dei dispositivi per migliorare il nostro approccio alla ricarica. SanDisk, leader del mercato per i supporti di memoria, ha deciso di offrire la possibilità di ricarica wireless in modo stabile e sicuro con questo prodotto.

La base di ricarica wireless di SanDisk costa di più rispetto a quelle che facilmente potete trovare su Amazon, ma ha un target diverso e una qualità sicuramente differente. E’ un dispositivo universale perché è compatibile sia con dispositivi Apple che Android.

Esperienza d’uso

Prima di procedere a descrivere il design e la costruzione del SanDisk iXpand Wireless Charger, mi soffermo sulla mia esperienza d’uso poiché è quella che in teoria dovrà giustificare la differenza di prezzo rispetto ai competitors. Questo dispositivo supporta la tecnologia Quick Charge 3.0 di Qualcomm, motivo per cui è particolarmente adatto per quegli smartphone che incorporano il chip Qualcomm Snapdragon. La tecnologia in questione permette di avere amperaggi e voltaggi migliori rispetto a quelli solitamente garantiti dall’alimentatore presente in confezione.

Questo si osserva in una ricarica wireless molto rapida visto che questa base di ricarica di SanDisk raggiunge i 15W e ricarica molto rapidamente i dispositivi con chip Snapdragon (e non solo!). Oltretutto mi sento di aggiungere che le temperature sono sotto controllo poiché spesso mi è capitato di rilevare un surriscaldamento. Ho ricaricato Apple iPhone 12, Samsung Galaxy S10e, Huawei Mate 20 Pro, AirPods Pro e ho sempre notato che i dispositivi rimanevano con temperature decisamente sotto la soglia di preoccupazione, al massimo 35 gradi. Non è estate ancora, ma mi sento di poter dire che sono temperature assolutamente nella norma che certificano la qualità del prodotto.

I tempi di ricarica sono molto buoni, considerando che si tratta di una base che può raggiungere i 15W se supportati dal dispositivo. Nel caso di un iPhone 12 ho ravvisato tempi intorno ad un’ora e mezza per la ricarica completa, circa due ore e qualche minuto in più per un Mate 20 Pro.

Confezione e costruzione

In confezione il caricatore wireless di SanDisk iXpand arriva con il cavo Type C che sarà fondamentale per garantire una ricarica di qualità. Inoltre è presente anche l’alimentatore (anche se esiste una versione sul sito ufficiale priva di questo) che supporta appunto la Quick Charge 3.0. Quindi si parla di 5V per 3A, in modo da garantire la massima velocità possibile.

La confezione è realizzata in polistirolo e, ad incastro, contiene il cavo, l’alimentatore, la guida rapida e il certificato di garanzia. La parte cartacea è ovviamente “intuitiva” e non avrete bisogno delle istruzioni per mettere in funzione la base di ricarica wireless.

La base è realizzata in plastica per garantire la ricarica wireless a induzione, inoltre è “phone-case friendly”: se il vostro smartphone è protetto da una cover che è spessa meno di 5mm non dovreste ravvisare problemi a riguardo. Io ho usato la ricarica con diverse cover, come quelle di Pitaka, di Ringke, di UAG e mi sono trovato ottimamente: la ricarica è stata riconosciuta in modo istantaneo.

Mi sarebbe piaciuto la realizzazione in tessuto, ma solo per un vezzo estetico. La base in plastica bianca è comunque facile da manutenere in caso di polvere perché vi basterà passare uno straccio umido (non bagnato, mi raccomando) o ancora meglio un panno Swiffer per poter togliere la polvere che si posa sopra di essa. Inferiormente è applicato un adesivo in gomma che serve a mantenere la base ferma e solida, in modo che non si muova su una superficie.

La SanDisk iXpand Wireless Charger è molto minimale e questo aiuta nel contesto di un arredamento minimal o moderno. Potrete utilizzarla per migliorare il vostro desk setup o comodamente poggiarla sul tavolino vicino al divano per avere a disposizione sempre la ricarica senza fili.

Disponibilità e prezzo

Il prezzo fa la differenza rispetto ai competitors perché parliamo di 51.99€ se acquistate dal sito ufficiale che vi ho lasciato nell’introduzione. Su Amazon i prezzi variano molto a seconda che sia presente direttamente venduto e spedito da Amazon stesso oppure da venditori terzi.

Il prezzo è sicuramente sopra la media, specialmente se ci confrontiamo rispetto ai concorrenti cinesi. Però bisogna ammettere che la qualità e la stabilità di questo base aiutano a rendere il rapporto qualità/prezzo molto più ragionevole.

Il verdetto
SanDisk iXpand Wireless Charger 15W è un prodotto molto interessante e dedicato ad una nicchia ben precisa: utenti che vogliono la massima qualità di ricarica per il proprio dispositivo. Il prezzo di circa 50 euro non si allinea quindi alle esigenze di coloro che vogliono una base di ricarica molto più economica, senza badare alla qualità delle componenti utilizzati. Qui infatti troviamo un alimentatore da 15W, una base realizzata tenendo conto della dissipazione del calore che permette di controllare le temperature e un cavo USB-C di ottima fattura. Come alternativa, sempre in SanDisk, mi sento di consigliare la versione Sync che permette di effettuare il backup in locale di foto e video.
Design e costruzione
8
Esperienza d'uso
8.5
Prezzo
7.3
7.9
Lascia un commento
Previous Post

SanDisk iXpand Flash Drive GO: la recensione

Next Post
chip-apple-silicon-m1

Chip Apple Silicon M1: perchè è così veloce?