China Guide News

Smartphone cinesi e SAR: le radiazioni emesse dai modelli più venduti

Lug 14, 2014

Smartphone cinesi e SAR: le radiazioni emesse dai modelli più venduti

SAR smartphone cinesi

Anche oggi continuiamo a parlare di SAR e, questa volta, cercheremo di fare il punto sulla situazione degli smartphone cinesi. Non rifaremo tutto il discorso relativo a questo indice ma un’introduzione è d’obbligo. Se comunque siete interessati all’argomento, nel nostro precedente articolo potrete trovare un’analisi completa riguardo il SAR (cos’è? come si misura? cosa comporta per la salute? ecc.).

Indice SAR

Con la sigla “SAR” si intende il Tasso di Assorbimento Specifico ed è l’unico dato che abbiamo per capire il livello di onde elettromagnetiche emesse da un dispositivo. Si misura in W/Kg e rappresenta l’energia (W) che il nostro corpo assorbe quando siamo vicino a campi elettromagnetici. Il limite europeo è di 2W/Kg, misurati su 10 grammi di tessuto biologico.

Per misurarlo, i test portano gli smartphone al massimo della loro potenza, attivando qualsiasi antenna presente, e, posizionandoli ad 1 cm da un manichino apposito (provvisto di sonde), misurano le loro emissioni massime. Per quanto riguarda la testa, i test sono quasi identici, con l’unica differenza che il dispositivo viene posto a contatto diretto con l’orecchio del “fantoccio”.

Gli studi a riguardo non hanno dimostrato che ci sia un collegamento diretto tra l’insorgenza di cancro e l’esposizione a radiazioni elettromagnetiche, ma non sono noti gli effetti a lungo termine della stessa.

Il problema degli smartphone cinesi

Come potrete immaginare, la legislazione cinese è molto meno ferrea riguardo queste emissioni e quindi è molto difficile ottenere informazioni verificabili e certe al 100% (sono presenti comunque dei limiti basati su standard differenti). La questione si complica ancor di più perché molti produttori (come Cubot, Jiayu e TCL) non dichiarano nè quali siano i dati effettivi sui livelli SAR dei loro device, nè tantomeno quali siano gli standard utilizzati per gli eventuali test sulle emissioni elettromagnetiche.

Per questi motivi la nostra ricerca si è concentrata su fonti differenti rispetto ai produttori stessi. In particolare, tutti i dati che vede sono stati ricavati da: distributori ufficiali, XDA e forum ufficiali. Abbiamo fatto il possibile per incrociare i dati con più fonti e renderli così più affidabili ma, è ovvio, che non potremo garantirvi al 100% la bontà degli stessi.

Nonostante ciò, per evitare facili allarmismi, è bene sapere che l’Unione Europea controlla, attraverso le dogane nazionali, la conformità dei prodotti distribuiti sui territori dell’Unione. In pratica, la dogana dello stato che riceve un prodotto extra-UE è tenuta ad effettuare dei controlli riguardo la sua conformità alla normativa comunitaria vigente. Questo vuol dire che se acquisterete da un distributore presente nell’UE potrete stare certi che il prodotto ha passato i test relativi ai valori SAR. Spetterà poi all’importatore dichiarare i valori dei diversi device ed i metodi usati per testarli, attraverso le opportune certificazioni. Il distributore ha anche la responsabilità legale sui prodotti e perciò avrete sicuramente un ulteriore fonte di sicurezza per i vostri acquisti. Oltretutto il venditore è anche obbligato a fornire delle informazioni esaustive a riguardo; questo vuol dire che se avrete dubbi riguardo un prodotto, potrete chiedere allo stesso tutte le informazioni necessarie, prima e dopo l’acquisto. Inoltre, se non volesse fornirvele, ricordatevi sempre che, per legge, potrete esercitare il vostro diritto di recesso entro 14 giorni dall’acquisto.

Il discorso cambia nettamente se acquisterete direttamente dalla Cina. In quel caso è praticamente impossibile che la dogana effettui dei controlli sulle emissioni riguardanti un singolo prodotto e quindi dovrete fidarvi esclusivamente del venditore. Purtroppo questa situazione “nebulosa” non contribuisce positivamente alla fama degli smartphone cinesi, soprattutto in un ambito così “delicato” come quello delle emissioni elettromagnetiche.

Classifica degli smartphone cinesi in base ai livelli SAR

In questa classifica prenderemo in considerazione gli smartphone cinesi più famosi e dei quali abbiamo i dati più certi. Vi ricordiamo inoltre che i dati di TCL e Jiayu, nella tabella dei migliori, sono quelli di cui ci “fidiamo” meno, visti i valori troppo bassi. Se volete, potrete segnalateci ulteriori fonti che ritenete più “sicure”.

I modelli che emettono MENO radiazioni

Jiayu G4S 0.039 W/Kg
TCL S960 0.048 W/Kg
Meizu MX3 0.18W/Kg
Oppo Find 7 e 7a 0.18 W/Kg
Oppo N1 0.22 W/Kg
Lenovo P780 0.257 W/Kg
Zopo ZP998 e ZP1000 0.358 W/Kg
iOcean X7 e X7S 0.38 W/Kg
Thl T100s 0.42 W/Kg
Thl W200 0.435 W/Kg

I modelli che emettono PIU’ radiazioni

Xiaomi Mi2 e Mi2S 1.37 W/Kg
Xiaomi Mi3 1.29 W/Kg
Cubot e Jiayu X6 e G3S 1.2 W/Kg
ThL W200S 0.645 W/Kg
Xiaomi Red Rice 0.588
Newman N1 0.549

Malato di smartphone, tablet e gadget tecnologici. Alla spasmodica ricerca di qualcosa di nuovo che possa catturare la mia attenzione.