News Smartphone Tablet

Smartphone e tablet ricondizionati: è davvero conveniente comprarli? – Guida e garanzia

Dic 8, 2012

author:

Smartphone e tablet ricondizionati: è davvero conveniente comprarli? – Guida e garanzia

 

Smartphone e tablet ricondizionati: conviene davvero comprarli?

 

Ultimamente si inizia a sentire sempre più spesso il termine ricondizionato o refurbished collegato a smartphone e tablet. Un dispositivo ricondizionato (spesso chiamato anche rigenerato) è un oggetto usato che a seguito di un reso o di alcuni difetti o usura o problemi tecnici, ha avuto bisogno della sostituzione di alcune sue parti. Naturalmente per poter essere messi in vendita smartphone e tablet ricondizionati devono superare un severo controllo: devono essere stati testati per la verifica di un corretto funzionamento, aggiornati e igienizzati. In questo modo sarà possibile riportare il terminale alle condizioni iniziali si fabbrica ed essere paragonabile al suo corrispettivo nuovo. Smartphone ricondizionati possono essere considerati anche quei dispositivi utilizzati per fiere o esposizioni che non possono essere venduti come nuovi poiché sono stati tolti dalla confezione ed accesi. Tutti questi terminali rigenerati vengono però venuti a prezzi più bassi rispetto al nuovo con percentuali di sconto che arrivano fino al 70%.

 

Smartphone e tablet rigenerati: dove si comprano?

Smartphone e tablet ricondizionati di solito sono esposti in scaffali appositi, se parliamo di supermercati, o in sezioni apposite nei siti di ecommerce.  Questa differenziazione viene fatta perché i refurbished non possono essere presentati ne come nuovi ma neanche come usati. E’ possibile trovarli in alcuni ipermercati, come per esempio Auchan, Ipercoop o in negozi di elettronica come Mediaworld, a volte con un cartello pubblicitario che riporta una dicitura tipo “Come nuovi“. Nel mondo del web troviamo invece diverse possibilità per l’acquisto di smartphone e tablet ricondizionati: dal sito diretto della casa produttrice e siti di ecommerce. Molte volte, disponibilità del prodotto permettendo, è possibile trovare il terminale refurbished direttamente dal sito della casa produttrice del modello cercato.

 

 

Un esempio può essere Apple, una delle prime aziende a sponsorizzare e vendere i propri terminali ricondizionati ai clienti. Osservando sul sito ufficiale infatti possiamo trovare alla fine della pagina, sulla sinistra, una sezione dedicata nominata “Offerte Speciali” con un risparmio fino al 40%. Su siti di ecommerce di prodotti elettronici, come per esempio e-Price o Amazon, ne possiamo trovare di tutte le marche e modelli con sconti in media intorno al 30% rispetto al prezzo di listino. Da qualche anno esistono infine siti specializzati nella vendita di prodotti ricondizionati che spesso effettuano anche assistenza tecnica. Anche qui, volendo fare un esempio possiamo trovare un sito chiamato “ilcelluvale.it“. Ilcelluvale.it è un sito che offre un ampio servizio di vendita di dispositivi ricondizionati e oltre all’assistenza tecnica, con ritiro e restituzione direttamente a casa in modo gratuito, ti permette anche di poterlo eventualmente vendere.

 

Come funziona la garanzia?

Come spesso accade per gli acquisti online quello che ci blocca dal risparmiare oltre all’affidabilità del venditore potrebbe essere la garanzia. Normalmente la garanzia su smartphone e tablet che copre tutti i difetti di conformità dura 24 mesi ma per quanto riguarda questi prodotti può durare anche solo un anno. La legge prevede infatti che la garanzia può essere ridotta quando si applica a prodotti ricondizionati. In altre parole, il venditore dell’oggetto refurbished può applicare una riduzione uguale a quella prevista per i terminali usati. La scelta quindi è comprensibile ed è anche prevista dalla legge nonostante possa risultare ambigua. Un ipotetico smartphone ricondizionato viene venduto come “riportato allo stato d’origine” ovvero come praticamente nuovo senza garantire però la garanzia biennale che copre obbligatoriamente tutti i dispositivi veramente nuovi. Come ultimo controllo al momento dell’acquisto del terminale rigenerato, l’acquirente dovrebbe verificare chi provvederà alle operazioni di garanzia in caso di un eventuale guasto. Come infatti spesso accade con gli acquisti online, anche con i refurbished potrebbe essere possibile trovarsi di fronte ad una garanzia europea. In questo caso colui che acquista deve essere pronto a far recapitare il prodotto al venditore anche se le spese di spedizione potrebbero essere a suo carico. Questa parte deve essere appurata grazie al venditore del prodotto.

 

Valutazioni Finali

Smartphone e tablet vengono venduti in particolare on line e quindi a rendere sospettoso il consumatore ricorrono timori come il fatto di non poter vedere la merce e toccarla con mano o che non sia un acquisto sicuro. Se solo questo è il vostro dubbio potete leggere questo articolo per ottenere maggior chiarimento sugli acquisti online. A noi non sono mai giunte segnalazioni di acquisti di prodotti ricondizionati online che hanno poi creato gravi problemi al consumatore. Riteniamo quindi che con le dovute accortezze possa essere un buon acquisto. Ricordiamo però che al momento dell’acquisto bisogna controllare bene le indicazioni sulla garanzia e se effettivamente il terminale sia scontato invece che venduto con il prezzo di listino del nuovo. Infine controllare bene l’etichetta dell’imballo (in caso di acquisti on line anche contattando il venditore). Sull’etichetta infatti si potrebbe trovare una descrizione dei difetti che hanno portato alla rigenerazione del terminale.

Cosa ne pensate? Siete interessati all’acquisto di prodotti rigenerati? Lo sconto vale la pena per voi? Venite a raccontarci la vostra esperienza sulla nostra pagina Facebook o sul nostro forum.

Vera amante di Android, le piace smanettare con ROM e Flash ogni volta che ne ha la possibilità. Modder nell'animo alla ricerca della funzionalità perfetta.