News Recensioni smartphone Smartphone

Sony Ericsson XPeria Arc S: la recensione

Dic 26, 2011

author:

Sony Ericsson XPeria Arc S: la recensione

 

Sony Ericsson XPeria Arc S rappresenta l’evoluzione dell’XPeria Arc che abbiamo conosciuto qualche mese fa. Sony propone a distanza di pochi mesi un terminale che si fregia di una S in più nel nome e di piccole differenze hardware. Guardandola con occhi attenti sembra più una mossa commerciale, ma effettivamente questo sequel ha contenuti che meritano? Cambia il processore, cambia la tecnologia del display, cambia la connettività: il prezzo diminuisce. Questa evoluzione potrebbe andare incontro a chi cerca una bella linea estetica e un terminale che ottiene buone performance, ma di certo non farà la felicità di chi ha speso molto di più pochi mesi fa per prendere l’originale. Andiamo con ordine ed analizziamo nel dettaglio questo nuovo smartphone Android.

 

Caratteristiche e specifiche tecniche

Spessore e peso

Xperia Arc S è un terminale davvero elegante e ben costruito. Esteticamente Sony Ericsson si propone continuamente di proporre smartphone diversi dal solito o con linee particolarmente accattivanti e anche in questo caso ci riesce pienamente. La linea è la stessa che abbiamo osservato con l’Arc originale: un design full touchscreen molto sottile e leggero, costruito in plastiche rigide ma con belle bande di alluminio laterali. Le dimensioni di questo smartphone corrispondono a125 mm di altezza,63 mm di larghezza e 8.7 mm di spessore, raccolti in appena 117 grammi di peso. Non è il terminale più leggero e più sottile, ma in accoppiata ad un display molto grande si comprende quanto queste cifre siano ridotte. La cover posteriore liscia purtroppo diminuisce il grip, ma in sostanza si tratta di un terminale molto portatile e che risponde in modo saldo alla presa. Esternamente oltre ai tre tasti fisici (assente quello tipico di Android della ricerca) troviamo il tasto di accensione, del volume, una comodissima porta mini HDMI, una microUSB e il jack da 3.5mm.

 

Display

Il display è una matrice TFT LCD da 4.2 pollici con risoluzione da 854 x 480 pixel. Nonostante la natura classica dell’LCD troviamo un motore Bravia Engine Mobile che fa salire discretamente le performance di questo bel display da 16 milioni di colori: colori vivi e saturi, neri che sono veri neri,linee dettagliate e precise grazie anche alla densità di pixel pari a 233 ppi. Non siamo di fronte ad un AMOLED o a un RETINA display, ma l’effetto complessivo, considerata anche la spesa minore, è molto buona. Difatti Xperia Arc S risponde bene anche sotto la luce diretta del sole (come si può immaginare d’estate) e senza particolari inclinazioni risulta leggibile. L’effetto migliore di questo motore proprietario Sony si ottiene ovviamente sulla visualizzazione video. La dimensione del display consente poi di visualizzare in maniera davvero comoda pagine web, immagini e video; questo, in accoppiata alla porta mini HDMI potrebbe fare la vostra gioia. Segnaliamo l’assenza del famoso Gorilla Glass a protezione del display, protetto invece da un vetro minerale antigraffio (di cui non si conosce però il nome).

 

Chipset

Siamo di fronte a un processore single core, ma con una frequenza di clock pari a 1.4 GHz che rappresenta tuttora uno dei punti più alti raggiunti con un singolo processore. Il risultato è ovviamente buono e, grazie anche a una buona ottimizzazione del sistema operativo, incappa raramente in ritardi o impuntamenti. Il SoC prevede quindi un Qualcomm MSM8255T da 1.4 GHz e una GPU Adreno 205, una memoria RAM da 512 MB e una memoria interna da 1 GB di cui per le applicazioni sono utilizzabili 300 MB (nella confezione è contenuta una microSD da 8 GB per l’archivio dati). Il motore grafico, pur non essendo una versione molto recente, è il top che si può avere accoppiata ad un single core (ovviamente parliamo per la serie Adreno) e come tale promette prestazioni fino a due volte migliori rispetto alla versione 200. Dopo diversi test effettuati con giochi in alta risoluzione possiamo confermare che l’Xperia Arc S li supporta senza difficoltà. Supportato ovviamente il Flash Player, grazie anche alle dimensioni del display, abbiamo una esperienza d’uso, durante la navigazione web, veramente di alto livello: caricamento delle pagine velocissimo, due o tre video caricati insieme senza difficoltà, pinch to zoom preciso. Molto soddisfatti di questa dotazione hardware e dell’ottimizzazione.

 

Multimedialità

Siamo di fronte ad uno smartphone di fascia medio/alta che propone una fotocamera posteriore da 8 MP e siamo di fronte ad una camera di alto livello poiché in combinazione ad una serie di aggiustamenti software sforna scatti a una risoluzione massima di 3264×2448 pixel. Grazie alla presenza del Flash LED abbiamo buoni scatti anche in notturna o in ambienti poco illuminati, ma troviamo differenze rispetto agli altri terminali nella personalizzazione offerta da Sony Ericsson: si può scegliere quale punto mettere a fuoco tramite un semplice tap (tap to focus classico) oppure scegliere più punti da focalizzare (multi focus points), ci si può avvalere di una ottima modalità macro, di un numero veramente importante di opzioni per migliorare i nostri scatti in fase di preparazione e non editing postumo. Tra le peculiarità dell’Xperia Arc S troviamo anche quella di scattare foto panoramiche che possono esser viste su TV 3D e ovviamente su quelle HD. Inoltre il sensore CMOS Exmor R, marchio Sony, aiuta ad aumentare notevolmente la qualità complessiva degli scatti. A livello video troviamo una fotocamera capace di catturare video in risoluzione HD (720p) che rispondono bene sia come stabilità che come dettaglio delle immagini. I frame per secondo sono 30 ed il risultato è complessivamente godibile. Non è presente invece una fotocamera anteriore per le videochiamate.
Presente la radio FM, supportati i principali formati audio e video, questo smartphone risponde in modo deciso a chi cerca un’elevata multimedialità nel proprio dispositivo mobile. Ricezione del segnale nella media e un buon audio sia in capsula che con altoparlante (anche se a volumi alti perde in qualità generale). In capsula eccellente risultato grazie ad un microfono secondario che si occupa di eliminare i rumori di fondo.

 

Sistema operativo, Batteria e Connettività

Il sistema operativo dell’Xperia Arc S è il classico Android Gingerbread che ci siamo abituati a conoscere, abbiamo infatti la versione 2.3.4 e le funzioni sono quelle classiche. Siamo di fronte però a una leggera personalizzazione di Sony Ericsson che ci offre un layout simile a quello di Facebook, la possibilità di condividere i contenuti audio, video, immagini attraverso WiFi e DLNA. La tastiera nativa aggiunge un’interessante possibilità di utilizzare lo swype (praticamente si scorre il dito sulla tastiera, senza staccarlo, per comporre le parole). Interessante sviluppo che forse dovrebbe essere leggermente migliorato. Siamo inoltre sicuri dell’aggiornamento ad Ice Cream Sandwich (Android 4.0) del terminale entro i primi di Aprile del 2012.
Come batteria troviamo una classica da 1500 mAh che risulta sufficiente nell’utilizzo intenso giornaliero, purtroppo dato lo spessore ridotto difficilmente sarebbe entrata una con capienza maggiore. Sottolineiamo che si tratta della stessa batteria in dotazione all’Xperia Arc originale, consentendo l’utilizzo per un’intera giornata.
La connettività è già di per sé ottima visto il plus della porta mini HDMI, a cui si aggiunge una connettività HSUPA fino a 14 Mbps che spiega le ottime performance nella navigazione web, associata ai protocolli b/g/n del WiFi.

 

Prezzo

Il prezzo a cui è proposto è quello di399€, mentre l’Arc era inizialmente proposto a 569€.

 

Conclusioni

Xperia Arc S è uno smartphone Android dal design ricercato e sofisticato, esteticamente molto bello da vedere e con le linee in cerca di sottigliezza e raffinatezza date della bande metalliche laterali. Si tratta di uno smartphone che punta alla multimedialità in modo sensato, offrendo una fotocamera ad alte prestazioni, associata ad un processore che, pur nella sua natura single core, raggiunge ottime performance in fatto di navigazione web ed usabilità generale. Se trovato a prezzi inferiori di quello di listino diventa un sicuro concorrente di tutti gli smartphone di fascia media. Da cambiare qualcosina in fatto di software (in primis alcune personalizzazioni) può raggiungere livelli di user experience ancora migliori.