Soundcore Life P3: la recensione | Sempre meglio

Non mi sbilancio mai ad inizio recensione, ma posso confermare subito che le Soundcore Life P3 sono veramente un paio di auricolari eccezionali. Superano, e di molto, la qualità offerta dalle Soundcore Life P2, già oggetto di recensione tempo fa, e che avevo comunque apprezzato moltissimo. Se i predecessori promettevano un audio cristallino in chiamata, qui Soundcore ha alzato l’asticella della qualità puntando ad offrire un audio più pulito non solo in chiamata, ma anche in conversazione e garantendo la presenza dell’Hybrid ANC, vale a dire la cancellazione attiva del rumore. Le caratteristiche lasciano subito presagire che non si tratta di auricolari True Wireless di fascia più economica ed infatti il prezzo di listino si assesta sui 79€, forte però di diverse offerte su Amazon e quindi della possibilità di risparmiare qualcosina. Se volete subito balzare alle conclusioni fate pure, ma vi consiglio di leggere ogni paragrafo per capire il valore delle Soundcore Life P3.

Soundcore Life P3 – l’unboxing

L’esperienza di unboxing con Soundcore è sempre un gradino sopra ad altri brand cinesi poiché sta alzando la qualità, prodotto dopo prodotto. Non siamo di fronte alle top di gamma, Liberty Air 2 Pro, ma sicuramente l’esperienza è piacevole. Il packaging comprende una scatola di cartone rigido, al cui interno troviamo il case e gli auricolari (ndr: ricordate di togliere le pellicole quando li estraete la prima volta). All’interno troviamo anche un un cavo di alimentazione USB-C e 4 coppie di gommini più uno già installato sugli auricolari, evidenziando anche in questo caso una grande cura da parte del produttore per fornire il gommino giusto per adattarsi all’orecchio. Ovviamente si tratta di gommini in silicone, ma non ci si aspettava di più visto il prezzo.

Il case è piuttosto compatto, adatto ad essere portato in tasca o in uno zaino senza rubare spazio ad altro. Frontalmente presenta gli immancibili LED bianchi, necessari per capire l’autonomia residua, che si illuminano in sequenza durante la fase di ricarica. Posteriormente trova posto la porta USB-C dedicata alla ricarica. Qui voglio assolutamente segnalare la presenza di ricarica wireless: non è affatto scontata su un modello che comunque si può portare a casa a poco più di 50€ ed è molto comoda se avete già in casa delle basette di ricarica Qi.

Soundcore Life P3 – Design e ergonomia

Gli auricolari si presentano molto bene esteticamente, con un design che si avvicina a quello delle Liberty Air 2 Pro, ma meno affusolato e leggermente più grezzo. La scelta, a mio avviso, è stata fatta anche in modo che si percepisse bene quale fosse il prodotto premium. Gli auricolari mescolano toni opachi e toni lucidi rispettivamente sull’asta e sulla restante struttura, garantendo una buona eleganza nella realizzazione. Personalmente ho apprezzato la qualità costruttiva che si vuole avvicinare a quella dei mostri sacri del mercato (AirPods 2 Pro). Inutile sognare troppo perché la disparità di prezzo è troppo elevata per parlare della stessa qualità, inoltre qui mancano anche funzioni come la pausa automatica quando rimuoviamo l’auricolare dall’orecchio. Ho poi particolarmente apprezzato il fit test, una funzionalità dell’app proprietaria Soundcore, che permette di capire la dimensione corretta del gommino per raggiungere la massima ergonomia.

La rilevanza del gommino è molta poiché se non si adatteranno bene all’orecchio avrete molto meno isolamento, sia di tipo passivo che attivo. Questi auricolari integrano anche comode gestures che potete personalizzare da app, ma che appena accesi saranno:

  • doppio tocco auricolare sinistro -> brano successivo
  • doppio tocco auricolare destro -> play/pausa
  • tocco rapido auricolare destro -> alza il volume
  • tocco rapido auricolare sinistro -> abbassa il volume
  • pressione di 2 secondi -> attivazione modalità ANC

Sono auricolari IPX5, pertanto dovrebbero garantire una buona protezione per il sudore, anche se il formato non è pensato per l’allenamento o lo sport.

La qualità (audio e chiamata)

Apprezzavo moltissimo gli auricolari predecessori, ma con le Soundcore Life P3 sono rimasto più soddisfatto per l’equilibrio che portano: il volume è abbastanza alto. Io mi trovo bene anche con quello al 60/70% perché con livelli superiori tendono a darmi leggermente fastidio. Questo volume, abbinato ad una modalità ANC quasi sempre attiva, mi ha garantito una buona immersione nell’ascolto, con una copertura dei bassi molto presente. A fronte di questa rilevanza dei bassi, ho sentito frequenze alte molto più soft. La scelta di attivare la modalità di cancellazione del rumore mi è sembrata necessaria per valorizzare davvero questi auricolari. Diversamente ho avuto la percezione che il profilo dell’equalizzatore fosse troppo flat, ma in questo senso vi consiglio caldamente di provare e trovare la vostra modalità preferita. L’app viene in nostro soccorso fornendo l’uso dell’equalizzatore e la scelta del profilo di cancellazione idonea alle esigenze di quel momento.

Personalmente posso sentirmi appagato, considerando che stiamo discutendo di un paio di auricolari true wireless a cui è richiesto in primis la comodità quando si sta in giro. Le frequenze sono comunque coperte appieno e l’equalizzatore garantisce il giusto gioco.

In chiamata mi sono trovato piuttosto bene perché l’auricolare ha il gambo che si orienta verso le bocca ed effettivamente i miei interlocutori hanno ravvisato una buona qualità: come mi è capitato spesso in questi casi, la voce risulta leggermente distorta e metallica ma questo permette di ottenere un audio pulito e privo del rumore ambientale. In questo l’intervento software della cancellazione del rumore è ben tangibile e io preferisco che i miei interlocutori mi sentano bene piuttosto che sentano il rumore.

L’autonomia

La batteria di questo case consente di avere una buona durata, generalmente arrivando ad almeno 30 ore di autonomia complessiva tra una ricarica e l’altra. La ricarica può avvenire sia tramite USB-C che tramite wireless e quindi non rappresenta un tallone di Achille per questo dispositivo, tutt’altro. Ad ogni modo ad avere impatto sull’autonomia residua ci sono soprattutto il volume (in media sono stato al 70%, come detto in precedenza) e l’attivazione della modalità di cancellazione del rumore. Questi due fattori determineranno l’autonomia residua, pur non andando troppo lontano dalle 30 ore di cui ho parlato. Generalmente, infatti, ho ravvisato circa 3 ricariche complete degli auricolari quando alloggiati nel case.

L’app

L’app aggiunge molto agli auricolari in questione perché oggettivamente gran parte della personalizzazione avviene proprio sul software. Questo riesce bene sia su sistema operativo Android che su iOS e sfrutta molte funzionalità che erano già disponibili su altri prodotti Soundcore, come ad esempio il mix dei suoni naturali per facilitare il sonno serale. E’ presente l’equalizzatore, sia in forma preset che personalizzabile, e non mancano le modalità di cancellazione del rumore di vario tipo. Queste ultime, ovviamente, vanno anche a modificare molto la qualità in riproduzione musicale e in chiamata, per cui tenetene conto quando le sfruttate.

Disponibilità e prezzo

Soundcore Life P3 sono auricolari di fascia media, dal costo di listino di 79€, che possono essere acquistate su Amazon senza difficoltà. Spesso e volentieri capita anche l’offerta giusta che permette di risparmiare ulteriormente.

Il verdetto
Gli auricolari Soundcore Life P3 sono un prodotto piuttosto equilibrato. Se avessi dovuto determinare il prezzo finale partendo dalle caratteristiche tecniche e dalla qualità che mi hanno offerto nei giorni di utilizzo, non sarei andato distante dagli 80€ che vengono effettivamente richiesti per l'acquisto. L'app offre concreti spunti di personalizzazione, il design si sposa bene con i modelli più recenti e le modalità di cancellazione del rumore aggiungono quel qualcosa in più che si può richiedere da auricolari in questa fascia di prezzo.
PRO
IPX5
Rapporto qualità/prezzo adeguato
App ben disegnata e intuitiva
Ottime caratteristiche tecniche
Autonomia leggermente sopra la media
Qualità in chiamata e in riproduzione musicale buona
Volume medio/alto
CONTRO
Si può lavorare per pulire la voce in chiamata
La modalità Trasparenza dovrebbe essere più personalizzabile
8.1
Previous Post

Soundcore Liberty Air 2 Pro: RECENSIONE delle top di gamma di ANKER

Next Post

Recensione Tronsmart Onyx Apex | Le concorrenti delle Life P3