Categorie
Default

Siri su iPhone 3GS!

Siri è probabilmente la più grande innovazione di iPhone 4S, l’ultimo nato in casa Apple, e questo nuovo ed innovativo assistente vocale fa gola a tutti i possessori di un terminale Apple. Proprio ieri vi avevamo parlato dei test effettuati da Apple su iPhone 4 e nei giorni passati degli sforzi dello sviluppatore di 9to5Mac.com nell’effettuare un porting efficace ed efficiente su iPhone 4. La notizia di oggi invece vuole che Siri sia stato effettivamente provato su iPhone 3GS, previa l’operazione di jailbreak. Di seguito un breve video demo della prova:

 

 

via

Categorie
Default

Siri su iPhone 4: Apple ci pensa?

 

Pochi giorni fa avevamo parlato della notizia secondo cui Siri, il famoso e famigerato assistente vocale di iPhone 4S, era stato portato su iPhone 4 da uno sviluppatore che ha sfruttato un jailbreak del nuovo terminale Apple. Qui potete leggere la storia di questo interessante porting.

Il rumor di oggi invece afferma che secondo JailBreaqkNation, ed in particolare secondo fonti molto vicine a Apple e allo staff di Cupertino, pare che siano stati rilasciati ad alcuni sviluppatori degli iPhone 4 che montano una versione modificata di iOS 5.0 contenente anch’esso l’assistente vocale Siri. Secondo questa fonte, i ragazzi hanno potuto quindi provare Siri sul terminale dello scorso anno con successo, però terminate le prove i terminali sono stati modificati e Siri è stato rimosso. Questo tipo di prova a cosa è servito? Se da un lato si è pensato che Apple pensi ad un possibile porting ufficiale dell’assistente vocale bisogna ragionare sul fatto che portando Siri su iPhone 4 le ragioni per comprare la nuova versione vengono meno.

Fotocamera da 8 MP, processore dual core A5 e Siri sono le principali novità di un melafonino che non ha innovato nel design e pertanto portare Siri sul precedente terminale potrebbe non essere una mossa conveniente dal punto di vista marketing. Inoltre, pare che i server Apple stiano effettivamente faticando a tenere il ritmo del numero di interrogazioni che vengono giornalmente fatte all’assistente vocale su iPhone 4S, pertanto aggiungere tutti gli utenti di iPhone 4 potrebbe causare notevoli imprevisti ai server. La prova è stata fatta, ora Apple ci sta pensando davvero?

 

via

Categorie
Smartphone

Siri: analisi del traffico dati dell’assistente vocale di iPhone 4S

Siri è la grande novità di iPhone 4S: dove non c’è stato un restyling grafico, è arrivata una nuova applicazione che si mostra come un vero assistente vocale. Siri è stata la novità più apprezzata, insieme alla fotocamera, del nuovo terminale Apple, ma in Italia non è ancora arrivata. Come vi avevamo segnalato in qualche notizia precedente, il comando di riconoscimento vocale non funziona all’esterno degli States e riconosce solamente l’idioma inglese. Ovviamente la Apple sta lavorando in modo importante per renderlo funzionante in tutto il mondo.

Nel frattempo, però, in molti si sono posti la domanda circa l’impatto di Siri sul traffico dati, specie nei paesi in cui gli abbonamenti non sono illimitati. In Italia, nella fattispecie, la domanda è piuttosto interessante poichè nella migliore delle ipotesi si ha un massimale di 250 MB/settimana o di 1GB/mese. I ragazzi di Ars Technica hanno quindi determinato che una query (interrogazione) di Siri consuma in media 67 KB. I test hanno previsto il raggruppamento delle interrogazioni in due gruppi, di cui uno contenente query di localizzazione che richiedono dati solo per interpretare l’input parlato. In particolare, queste utilizzano approssimativamente una media di 36.7 KB. Queste interrogazioni poste ad iPhone 4S erano del tipo “Imposta la sveglia tra 3 ore a partire da ora”, oppure “Segnami un appuntamento per Venerdì alle 2 di pomeriggio” e via discorrendo.
Queste richieste hanno quindi consumato un totale di 220 KB per una media appunto di 36.7 KB. Il numero reale però si muove in un intervallo tra i 18 KB per l’interrogazione più semplice fino ai 60 KB per le query più complesse.

Successivamente si è passato al secondo gruppo, contenente richieste più complesse, i cui risultati derivano da ricerche su Internet via Wolfram Alpham o Google e la media è stata di 94.7 KB per un intervallo tra 23 KB e 187 KB.

Riassumendo, Ars Technica ha calcolato che un utente interrogando tutte e 11 le volte Siri, tramite connessione 3G, consuma 20 MB in un mese. Volendo eccedere ed utilizzando molte più interrogazioni si è visto che il campione consuma circa 30 MB in un mese che è una cifra abbordabile, persino per i nostri abbonamenti.

via

Categorie
Default

iPhone 4S: videorecensione su Youtube

iPhone 4S è il terminale più chiaccherato del momento e nonostante sia “solo” un upgrade del suo predecessore, complice anche l’arrivo di iOS 5, è letteralmente da analizzare pezzo per pezzo. Ricordiamo che le principali differenze sono ovviamente il sistema operativo, Siri, il nuovo processore A5 (lo stesso di iPad 2), la fotocamera che assicura altissime prestazioni.
In rete si cominciano a trovare le prime videorecensioni e lo staff di Tecnologici.Net vi propone la prima videorecensione sottotitolata in italiano.

 

Vi ricordiamo che il nostro canale Youtube è da poco aperto e contiene video sottotitolati che ancora non sono arrivati in Italia. Iscrivetevi!

Categorie
Default

Siri non funziona all’esterno degli USA

 

 

Siri è il sistema di riconoscimento vocale che ha dato il via a un nuovo filone della tecnologia. Ciò che vedevamo e sognavamo in Star Trek, ossia di parlare in modo amichevole con la propria intelligenza artificiale, sembrava potesse essere proprio Siri. Però a due giorni dalla commercializzazione di iPhone 4S ci si accorge di un dato di fatto molto importante: non funziona all’esterno degli Stati Uniti.
L’inglese è la lingua comunemente riconosciuta, ma vi basta essere a Londra alla ricerca di un pub o in Canada alla ricerca delle previsioni meteo per sentirvi dire da Siri che purtroppo non può farvi una risposta.

Le ulteriori lingue che verranno implementate (tra cui Italiano, Spagnolo, Koreano, Giapponese e via discorrendo) saranno disponibili dal 2012 (si presuppone gli inizi) e questa implementazione varrà anche per le mappe del mondo. iPhone 4S si dimostra si innovativo, ma solo in America.

 

via