Trasferire file da uno smartphone Android ad un altro: la GUIDA DEFINITIVA

backup android

Quando si acquista un nuovo smartphone o lo si riceve in regalo, quello di spostare tutti i file sul nuovo telefono è sempre una procedura che genera sconforto, specialmente fra i meno esperti. Quello che spesso succede è che l’euforia per l’acquisto di un nuovo smartphone venga mitigata dalla preoccupazione di poter mantenere tutti i contatti della rubrica, tutte le foto e i video registrati con il vecchio smartphone ma anche le conversazioni di Whatsapp, le app scaricate o le password memorizzate sui siti web.

Per venire incontro a questa esigenza, in questa guida vi spiegheremo passo passo come compiere il tutto in maniera semplice e senza intoppi. Nello specifico ci occuperemo di illustrare solo la procedura di trasferimento dati da uno smartphone Android ad un altro smartphone Android, anche di marche diverse (es. da Samsung a Xiaomi). Questa guida non è valida quindi se avete comprato un iPhone o siete passati da un vecchio iPhone ad uno smartphone Android.

Cosa fare PRIMA di trasferire i dati

Prima di accendere il nuovo smartphone ed avviare procedure di importazione di backup o sincronizzazioni varie vi consigliamo di eseguire le seguenti operazioni sul vecchio telefono.

1. Fate un ultimo backup manuale su Google Drive. Per fare un backup manuale e salvarlo su Google Drive basta andare nelle Impostazioni, cercare la voce “Backup e ripristino” (a seconda del produttore la voce potrebbe trovarsi in un sottomenu), selezionare la voce “Account Google” e poi effettuare il backup.

backup android

Qui di seguito la lista dei dati che verranno salvati su Google Drive.

  • Contatti
  • Impostazioni ed eventi di Google Calendar
  • SMS
  • Password e reti Wi-Fi
  • Sfondi
  • Impostazioni di Gmail
  • App
  • Impostazioni del display (luminosità e sospensione)
  • Impostazioni di Lingua e immissione
  • Data e ora
  • Impostazioni e dati delle app non realizzate da Google (varia a seconda delle app)

2. Accertatevi di aver attivato il backup di foto e video su Google Foto. Se non volete correre il rischio di perdere le foto scattate con il vecchio telefono, il backup automatico di Google Foto è il modo migliore per conservare tutte le foto e ripristinarle sul nuovo smartphone. Anche qui, come ulteriore precauzione, potete salvare manualmente tutte le foto su un PC. Le foto si trovano si trovano nella cartella DCIM, nella memoria interna o esterna a seconda se avete utilizzato o meno una microSD.

3. Salvate le conversazioni e i file (immagini e video) di Whatsapp. Se non volete perdere le conversazioni di Whatsapp sul nuovo smartphone è importante fare un ultimo backup delle chat. Da Impostazioni -> Chat e chiamate -> Backup delle chat verificate che il backup sia impostato su “Backup su Google Drive” ed eseguite poi un ultimo backup premendo “Esegui Backup”. Solo in questo modo, dopo aver installato Whatsapp sul nuovo smartphone e inserito chiaramente lo stesso numero di telefono, apparirà l’icona “Trovato backup” riferito all’ultimo backup che avete eseguito sul vecchio smartphone.

Se per voi le conversazioni di Whatsapp sono estremamente importanti e non volete correre alcun rischio di perderle il nostro consiglio è quello di tenere una copia del database sul vostro PC. Per farlo è sufficiente connettere lo smartphone al PC con un cavo USB e copiare la cartella WhatsApp/Database. In questo modo in caso di problemi il file potrà essere copiato manualmente nella cartella collegando il nuovo smartphone.

Sincronizzazione Google

La Sincronizzazione Google è il primo metodo che vi proponiamo noi, anche perchè è il metodo che di default vi proporrà lo smartphone alla prima accensione. Questa funzionalità consente di sincronizzare i contatti, le app, i dati di Google Chrome, le email, i file, il calendario e tutti gli altri dati elencati nel paragrafo precedente.

E’ semplicissimo: basta inserire l’account Google quando verrà richiesto, selezionare ciò che si vuole trasferire e attende il tempo necessario. E’ possibile anche eseguirla in un secondo momento, semplicemente dalle impostazioni (digitare “sincronizzazione” nella barra di ricerca deille impostazioni).

Utilizzare il tool del produttore

Nel 2021 quasi ogni produttore di smartphone che si rispetti, ha pubblicato sul Play Store un’app in grado da fare da tramite per il passaggio dati: Samsung ha Smart Switch Mobile, Huawei ha Phone Clone, Oppo ha Clona Telefono, Xiaomi il suo Mi Mover. Il funzionamento è il medesimo, ed anche qui estremamente intuitivo. Basterà scaricare l’app sul vecchio device, dove si trovano i dati, collegare i 2 terminali (con cavo ma anche via wireless) e selezionare i file da trasferire. Sicuro, semplice e gratuito.

Condivisione via Bluetooth

La condivisione via Bluetooth è un altro valido mezzo che si può utilizzare per trasferire file da uno smartphone Android ad un altro. E’ sconsigliato per le app, ma va benissimo per traferire dati più generici, in un secondo momento. Basterà recarsi nel file manager di sistema, oppure scaricarne uno di terze parti (consigliato Files Go di Google), selezionare il materiale da condividere e avviare la trasmissione via Bluetooth. Chiaramente per un passaggio così diretto dovrete aver prima associato i 2 terminali, in caso contrario vi sarà comunque possibile eseguire l’accoppiamento in quel momento. Questo metodo di trasmissione è comodo sotto molti aspetti, tuttavia ha 2 limiti degni di nota:

  • Richiede che i 2 dispositivi siano strettamente vicini
  • Non è l’ideale per passare grandi quantità di file, data la scarsa velocità del trasferimento

Telegram

L’ormai noto servizio di messagistica è fantastico sotto tantissimi punti di vista, suo punto di forza la versatilità in quanto si presta ad una miriade di usi. Il passaggio di quantità massicce di dati è uno dei tanti modi per sfruttare appieno Telegram. Basterà selezionare i file interessati (direttamente in app, oppure attraverso un file manager e clickando su condivisione), selezionare “messaggi salvati” come destinatario e poi andare a recuperare quei file attraverso il nuovo smartphone. La velocità di upload non è delle migliori, ma se si ha un pò di pazienza tutto andrà per il verso giusto.

Send Anywhere

Un’altra valida opzione per trasferire i vostri dati, fra 2 smartphone Android, risiede in Send AnyWhere: si tratta di un app che consente l’upload di dati gratuito (fino a 10GB) per poi successivamente condividerne il link al download con i destinatari. Basterà selezionare i file interessati, clickare su “invia” e, una volta terminato il caricamento, condividere il link. I dati rimarranno sul server per 24H, successivamente verranno cancellati in automatico. E’ disponibile un ulteriore piano d’abbonamento che consente di trasferire moli di dati maggiori, ma già i 10GB del piano gratuito sono una cifra niente male.

Lascia un commento
Previous Post
miracast

Guida a Miracast: cos’è e come funziona

Next Post

WD_Black P50: la RECENSIONE