UAG [U] Anchor e Outback Bio: le cover per iPhone 12/12 Pro

Le cover di Urban Armor Gear mi hanno sempre affascinato per il connubio tra resistenza e design aggressivo, volte sempre ad ottenere la massima protezione per il nostro smartphone. Le cover [U] Anchor e Outback Bio di UAG sono due nuove cover per iPhone 12/12 Pro che ho potuto provare con mano e di cui vi parlerò in questa recensione.

Entrambe le cover si distanziano dallo stile rugged del produttore, ma hanno caratteristiche ben diverse. La cover [U] Anchor appartiene ad una nuova linea, fa della resistenza il suo punto di forza e sembra particolarmente indirizzata a coloro che si allenano. La cover Outback Bio è invece destinata a chi ama la Natura e vuole fornire il proprio contributo: è totalmente compostabile ma non rinuncia alla robustezza tipica del marchio UAG.

[U] Anchor cover per iPhone 12/12 Pro

Abituato come ero allo stile rugged, posso dire che il primo impatto con questa cover è più fine: una volta tirata fuori la cover dalla confezione, invece, ci si rende conto subito che è estremamente robusta e rigida. L’idea di fondo è quella di resistere a tutte le cadute, una dopo l’altra. E, non volendo, ho potuto sperimentare la resistenza in una caduta involontaria: iPhone 12 totalmente illeso. La cover [U] Anchor di UAG è ben disegnata ed aggiunge un vezzo estetico ad incorniciare la fotocamera: tre canali lucidi che interrompono la trama unitaria. Sempre rimanendo in tema fotocamera, lo spessore è leggermente rialzato per fornire protezione ed evitare che si graffino involontariamente i sensori.

Le caratteristiche sono la costruzione rigida per aumentare la resistenza, abbinata poi alla presenza di TPU per assorbire gli urti. Mi rimane da segnalare la copertura dei tasti laterali, mantenendoli comunque morbidi al tatto. Sono scoperti il tasto per attivare la modalità silenziosa e, ovviamnente, speaker e uscita Lightning dello smartphone. In basso comunque rimane in rilievo il marchio del brand, in modo fine ed elegante.

Outback Bio Cover per iPhone 12/12 Pro

Di tutt’altra pasta è la cover Outback Bio di UAG, specialmente rispetto a tante competitors sul mercato: è prodotta con materiale totalmente compostabile e fa bene all’ambiente. Ormai l’attenzione di molti brand si è rivolta verso la green economy e la sostenibilità e mi sento di sposare in pieno questo ideale. Anche Urban Armor Gear partecipa al benessere ambientale con questo prodotto, sicuramente un po’ più costoso delle aspettative, ma comprarlo significa aiutare anche la Natura.

A questo proposito posso dirvi che si tratta di una cover molto rigida, realizzata anche stavolta per garantire la protezione del dispositivo. La rigidità della cover è forse troppo accentuata sui bottoni fisici: sono abbastanza duri da spingere ed è un po’ scomodo soprattutto quando magari non abbiamo una buona presa sul nostro iPhone.

Le caratteristiche sono analoghe alla precedente: spessore leggermente rialzato sulle fotocamere per proteggerle dai graffi, una forma più sinuosa per proteggere in modo più sicuro i due bordi (superiore e inferiore). Sempre esposti, ma protetti, lo speaker, l’uscita Lightning e il tasto per la modalità silenziosa.

La trama è comunque liscia, forse risulta leggermente scivolosa se non si prende con decisione lo smartphone in mano. Tra i dettagli da sottolineare la presenza di un materiale soft touch e trama interna a nido di ape.

Il video di gadget

Il verdetto
Le due cover sono di indiscutibile qualità, anche se la mia preferenza pende su quella Anchor per via di alcune scelte premianti, come i tasti più mordibi e confortevoli da premere. I prezzi delle due cover si aggirano intorno ai 30 euro per entrambe, ma non è raro trovarle in offerta. Consiglio sempre di controllare se siano disponibili su Amazon per risparmiare un po' di tempo per riceverle.
PRO
Qualità dei materiali elevata
Touch&feel godibile
Robustezza e resistenza agli urti
CONTRO
Tasti un po' rigidi nella cover Outback Bio
8
Lascia un commento
Previous Post

JBL Quantum 800: unboxing e prime impressioni

Next Post

Xiaomi Mi Band 5: la RECENSIONE