I migliori mouse da ufficio sotto i 100 € [2021]

migliori-mouse-pc-100-euro

In un periodo in cui lo smartworking è diventato praticamente l’abitudine, l’importanza di un buon mouse per la propria produttività non va di certo sottovalutata e per questo motivo nella guida odierna abbiamo stilato una lista delle migliori periferiche secondo noi acquistabili con un budget inferiore ai 100 euro. Per ognuno di essi abbiamo esplicitato eventuali punti di forza che ne motivano l’acquisto.

Logitech G502 Hero

Concreto ed equilibrato

Logitech-G502-Hero

Il Logitech G502 Hero è un ottimo mouse da gaming. Fa parte della fascia medio-alta della line-up Logitech, ma pur essendo concepito per il gaming alcune caratteristiche lo rendono perfetto anche per l’ufficio.

Le dimensioni sono generose, quindi le persone con mani piccole potrebbero avere qualche difficoltà, ma in generale l’ergonomia risulta buona. La qualità costruttiva è ottima: la plastica è di buona fattura e restituisce un feeling di solidità, inoltre l’impugnatura in lattice è un valore aggiunto. Non c’è il minimo segno di scricchiolii o imprecisioni. Il peso potremmo definirlo proporzionato alle dimensioni, per farla in breve: E’ pesante. Parliamo di circa 130g, ben oltre quindi la linea dei 100, i quali possono arrivare fino a 170 a seconda dei pesetti inseriti. Vi’ è infatti la possibilità di regolare da sè il peso del mouse attraverso un sistema di pesetti, tuttavia è proprio il corpo del mouse ad essere pesante e di conseguenza anche se diminuito al massimo risulterà comunque tutt’altro che leggero. Il feedback dei tasti, di cui ben 11 programmabili, è buono.

La rotellina è estremamente valida: riprende pari pari quella della serie MX master, con la possibilità di optare per lo scorrimento infinito o il classico a step marcati. Tale meccanismo nel complesso risulta preciso ed affidabile. Il sensore è il classico “HERO” di Logitech, presente su molti mouse del brand, e non delude le aspettative. E’ preciso e privo di problemi quali angle snapping, accelerazione e via dicendo. Semplice e funzionale, il software consente di mappare i tasti, controllare l’illuminazione RGB e impostare i DPI.

Corsair Dark Core Pro RGB

Il re del wireless

Il Corsair Dark Core Pro RGB è a tutti gli effetti il top di gamma Corsair, e grazie ad un eccellente rapporto qualità/prezzo è possibile acquistarlo spendendo meno di 100€.

Esteticamente è ben riconoscibile, grazie a dimensioni molto generose ed ai LED RGB sparsi in ogni dove. Le dimensioni generose non lo rendono idoneo a tutti, ma il comfort è garantito dalla plastica gommata che riveste la superficie centrale e dall’ala laterale sinistra per poggiare il pollice. La costruzione è ottima, con plastiche resistenti e raffinate, di contro il peso complessivo si aggira attorno ai 130g. La rotellina in gomma non presenta alcuna problematica, il click degli switch è sufficientemente udibile ma senza risultare fastidioso mentre il cavo in paracord ed i piedini PTFE garantiscono massima scorrevolezza. Il sensore Pixart PAW3392 garantisce prestazioni al vertice della categoria, grazie a ben 18000 DPI ed un polling rate di 2000 Hz. L’angle snapping è qui presente e funzionante. Connessione wireless che avviene attraverso il dongle Wi-Fi 2.4 GHz, con risultati eccellenti, mentre risulta meno ottimale l’uso del Bluetooth 4.2. Autonomia solida, con ben 1000 mAh di capacità ed una durata fino a 18 ore continue. A bordo è presente la Slipstream technology per la riduzione dei consumi in stand-by. Il software di gestione è il solito, ottimo, Corsair iCUE.

Corsair Sabre Pro Champion Series

Un ultraleggero adatto per l’ufficio

Il Corsair Sabre Pro Champion Series è, dati alla mano, il mouse da gaming più prestante in circolazione. Oltre a ciò offre una serie completa di specifiche e motivi per cui sceglierlo, tutto ad un piccolo prezzo.

Il design è nella media, adatto sostanzialmente ad ogni mano ed impugnatura. La costruzione è molto buona, i LED RGB presenti ed il peso di 74g gli dà una marcia in più rispetto agli altri. Bene la rotellina, classica Corsair, cavo in paracord, piedini in PTFE e classici switch Omron. Il sensore è il top di gamma Pixart, precisamente il PMW3392, che qui si spinge fino ad un polling rate di ben 8000 Hz sfruttando la tecnologia Axon. Presenti anche angle snapping e sensibilità di 18000 DPI. Si tratta in assoluto del mouse con miglior tempo di risposta al mondo, con tanto di primato nella classifica stilata da Nvidia Reflex. Corsair iCUE ne consentono un controllo completo ed accurato. Il prezzo di 59 euro lo rende il best buy per eccellenza, in quanto offre performance per i pro-player messe al servizio della produttività.

Logitech MX Vertical

Il miglior mouse verticale

Il Logitech MX Vertical è un ottimo mouse per l’ufficio. Grazie al design verticale offre un’ottima ergonomia, una volta fatta l’abitudine, inoltre vanta caratteristiche generali di buon livello.

Questo Logitech ha dimensioni abbastanza esose, per questo non è prettamente indicato per chi ha mani piccole. Il design verticale consente di diminuire sensibilmente lo sforzo del corpo durante l’uso, ed in effetti una volta fatta l’abitudine, l’ergonomia risulta molto buona. Ricordiamo a proposito che il passaggio da un mouse tradizionale, ad uno di questo genere, non è immediato e consigliamo di effettuarlo solo se se ne avverte la necessità. La qualità costruttiva è buona; la plastica è solida e resistente, non si avvertono scricchiolii e cigolii e il feeling è buono. Il peso di ben 130g lo rende un prodotto abbastanza pesante, all’incirca quanto un G502, e ciò lo si avverte quando sarà necessario sollevare il mouse. Il feedback dei pulsanti, di cui solo 4 programmabili, è accettabile.

La rotellina è invece mediocre: la precisione è ok, ma non si può dire lo stesso della fluidità. Inoltre manca la possibilità dello scorrimento infinito, tipica della serie MX, e ciò pesa su un dispositivo che di listino ha un prezzo superiore a quello dell’MX Master 3. Anche perchè si tratta di un prodotto che mira alla produttività, è un punto in meno che va tenuto in considerazione. Il sensore è valido ma non al top: preciso e senza particolari problemi, ma non è granchè fluido. La connettività è invece al vertice della categoria, grazie alla connessione sia tramite dongle che tramite bluetooth e la possibilità di associare fino a 3 dispositivi. L’autonomia è molto buona e il software Logitech è una garanzia.

Logitech MX Ergo

Il migliore mouse con trackball

Logitech-MX-Ergo

I mouse con Trackball non sono adatti a tutti, ma se è questo il genere di prodotto che si sta cercando, l’MX Ergo è uno dei migliori nel suo campo.

Le dimensioni non sono contenute tuttavia, grazie al particolare design, l’ergonomia risulterà buona per la maggior parte degli utenti. C’è però un problema: si tratta di un mouse interamente concepito per i destrorsi, e ciò è a tutti gli effetti un problema per gli utenti mancini. La qualità costruttiva non è delle migliori, ma tutto sommato buona. E’ peggiore rispetto a quella di un MX Master ma è comunque nella media. Il peso è veramente molto alto, siamo sui 250g circa. Non dovendo però spostare il mouse, si risentirà molto meno di questo peso elevato.

Il feedback dei pulsanti è buono e lo stesso vale per la trackball: è un’esperienza d’uso molto particolare, che sicuramente non andrà a genio a tutti. In questo modello la trackball risulta fluida e precisa, non a livello di un sensore top ma all’incirca alla pari di un buon sensore ottico. La rotellina è paragonabile a quella dell’MX vertical e vale il medesimo discorso riguardo l’assenza dello scorrimento infinito. Anche la connettività è paragonabile a quella del prodotto precedente, mentre l’autonomia risulta addirittura migliore.

Logitech MX Master 3

Il migliore per la produttività

Logitech MX Master 3

Il Logitech MX Master è stato fin dalla prima generazione un’eccellenza nel suo campo. Si tratta di un prodotto dedicato ai professionisti, che ha (quasi) tutto al posto giusto.

Parliamo di un mouse di dimensioni abbastanza grandi, ma grazie alla sua buona ergonomia risulterà adatto più o meno per tutti. Se si rientra poi nella categoria di coloro che hanno le mani sufficientemente grandi per usarlo al meglio, l’ergonomia risulterà eccellente. La copertura in lattice permette di avere un ottimo grip, la sezione d’appoggio per il pollice è comoda e la rotella di scorrimento laterale ed i pulsanti sono stati ulteriormente migliorati rispetto alla precedente generazione. La qualità costruttiva è da vero top di gamma: la plastica solida e durevole restituisce un feeling di qualità e di scricchiolii e imprecisioni non vi è nemmeno l’ombra.

Il peso è di circa 140g, alto ma non esagerato per questo tipo di mouse. Il feedback dei pulsanti è di buon livello mentre la rotellina è eccezionale: implementa al meglio tutte le tecnologie che Logitech ha proposto e sperimentato sulle generazioni passate. Il sensore è ottimo: molto preciso, fluido e privo di problemi. La connettività è al vertice della categoria grazie al multi-bluetooth (per collegare fino a 3 dispositivi), ad una connessione stabile e repentina sia con dongle che con bluetooth ed infine la porta d’ingresso type-c è una chicca interessante. L’autonomia è ottima ed il software Logitech consente una personalizzazione completa dei tasti.

In questa guida all’acquisto vi abbiamo proposto quelli che riteniamo i migliori mouse da ufficio in questa fascia di prezzo. Si tratta di prodotti validissimi anche per gli utenti più esigenti, ma alcuni hanno prezzi che li rendono accattivanti anche agli occhi di coloro che fanno un uso più basilare del mouse. Per chi fosse interessato invece ad un mouse per il gaming con lo stesso budget, cliccate QUI. Mentre per chi è alla ricerca di un mouse da ufficio, ma possiede un budget più ristretto, clickando QUI verrà reindirizzato ai modelli sotto i 50 euro.

Previous Post
migliori mouse ufficio 50 euro

I migliori mouse economici per l’ufficio [max 50 €]

Next Post

I migliori smartwatch economici a meno di 100€