Categorie
China Smartphone

Le novità di Xiaomi in Italia per il 2019

Siete fan di Xiaomi? Un saluto a tutti i Mi fan. Dopo qualche mese, torno a parlare di Xiaomi, in quanto di recente ci sono state alcune interessanti novità. Già in passato vi avevo presentato la nuova app dedicata a tutti i fan italiani del brand cinese chiamata Mi Community. Qui potete trovare l’articolo specifico.

La Mi Community italiana

Questa app sta crescendo in modo esponenziale e siamo ormai arrivati a più di 30.000 utenti iscritti. La novità davvero importante, annunciata anche sul forum internazionale, riguarda tutti gli iscritti in quanto, a breve, lo stesso cesserà di esistere e tutti gli utenti registrati verranno automaticamente reindirizzati all’interno delle varie Mi Community sparse in tutto il mondo. Qui trovate il thread ufficiale della Mi Community italiana dove potrete trovare tutte le informazioni del caso.

L’app nel frattempo è migliorata tantissimo, non solo con l’aggiunta di nuove sezioni tra le quali alcune dedicate ad offerte speciali sullo store ufficiale Xiaomi, ma anche limando tutti quei piccoli problemi relativi al funzionamento della stessa. Finalmente ora il problema, segnalato in precedenza, relativo all’assenza delle notifiche push è stato risolto ed ora, non perderete assolutamente nulla, che sia un messaggio privato, un thread inserito nelle sezioni che seguite, così come una risposta ad un vostro commento, vi verrà immediatamente notificata.

Oltre a questo, la user experience è stata nettamente migliorata rendendo la permanenza all’interno della community davvero piacevole e coinvolgente.

App del Mi Store

Un’altra novità davvero importante e che renderà facile ed immediato l’acquisto di un qualsiasi prodotto Xiaomi è la creazione della app ufficiale dello store, che potete scaricare da qui.

L’app ricalca fedelmente il sito di Xiaomi Italia ed è davvero facile ed intuitiva da utilizzare. Una volta avviata, potrete associare il vostro account Xiaomi concedendo il permesso all’applicazione. Una volta aggiunto il vostro indirizzo, sarete pronti ad acquistare il vostro nuovo smartphone o un qualsiasi prodotto della vastissima gamma Xiaomi. L’app funziona abbastanza bene, a parte qualche piccolo problema con il riconoscimento del codice di avviamento postale per alcuni comuni ma, nel complesso, non si riscontrano bug gravi.

Un saluto a tutti i Mi fan: ci leggiamo al prossimo articolo, vi aspetto numerosi su mi community Italia

SteMax2

Categorie
Recensioni

TicWatch E: la recensione un anno dopo

Gli smartwatch sono tra gli accessori indossabili più chiacchierati del mercato: Android sta ancora provando a contendere il primato ad Apple Watch, rientrato di diritto tra i wereable più interessanti e funzionali presenti in questo momento. Oggi diamo il benvenuto a Emanuele, pronto a raccontarci tutte le caratteristiche e le funzionalità di uno smartwatch, basato su Android Wear, che si è fatto largo tra i competitor grazie al giusto rapporto qualità-prezzo: il Mobvoi TicWatch E.

 

TicWatch E: le principali caratteristiche

Da poco è stata annunciata la versione E2, ma secondo noi ha senso provare uno smartwatch quando è effettivamente un prodotto maturo, quando offre le giuste funzionalità e risponde coerentemente al titolo di “sfizio” utile. E’ questo il caso del TicWatch E, raccontato da Emanuele per la prima volta sul canale YouTube TeamTech. Prima di lasciarvi al video vi ricordo le principali caratteristiche tecniche:

  • CPU: Mediateck MTK MT2601 1.2 Ghz Dual Core.
  • Sistema operativo: Android Wear 2.0.
  • Display circolare: 1.4 pollici, tecnologia OLED, risoluzione 400 x 400 pixels.
  • Memoria RAM e interna: 4 GB e 512 MB.
  • Sensori: Frequenza cardiaca, Sensore di prossimità, accelerometro, Giroscopio, E-Compass, GPS, GLONASS.
  • Peso: 42 grammi
  • Compatibilità: iOS 8.0+ e Android 4.3+
  • Certificazione IP67

 

Dove comprare il TicWatch E

Amazon ► https://amzn.to/2EZcqUN
eBay ► http://bit.ly/TicWatchEeBay

Categorie
Guide Smartphone

Mi Community: l’app che mancava per i fan Xiaomi

Ciao a tutti. In questo articolo, voglio parlarvi di una grande novità per tutti i fan italiani di Xiaomi. È stata Infatti lanciata da poco, l’applicazione ufficiale per il mercato italiano dedicata alla Mi Community, qui sotto il link per scaricarla

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.mi.global.bbs

Mi Community in Italiano

Prima del lancio di questa applicazione, l’unico forum ufficiale presente nel Play Store era quello internazionale, sicuramente molto completo ma che presentava il grande problema dell’impossibilità di tradurre i thread ed i commenti degli altri utenti. Oltre al fatto che la stragrande maggioranza di coloro che partecipano abitualmente, viene anche da paesi orientali con le ovvie difficoltà di comunicazione. E senza contare che, molti parlano un inglese maccheronico, incomprensibile anche al traduttore di Big G.

Finalmente ora questi problemi sono stati risolti poichè l’applicazione Mi Community è accessibile solo ed esclusivamente da utenti italiani. L’applicazione è fortemente ispirata al Forum internazionale sia nella grafica che in gran parte delle funzionalità. Si tratta in tutto e per tutto di un forum con tutte le funzionalità che ci si aspetterebbe di trovare in un’applicazione di questo tipo. Sono presenti singole sezioni per ogni dispositivo della gamma Xiaomi dove all’interno delle quali, troverete un gran numero di discussioni sia proposte dagli stessi moderatori che anche dagli utenti.

Non avrete alcuna difficoltà a trovare discussioni già esistenti riguardo l’argomento che vi interessa e, cosa ancora più importante, potrete confrontarvi anche per un ipotetico nuovo acquisto, trovando riscontro da coloro che hanno già acquistato il device che state valutando con tutti i vantaggi che si possono avere da un confronto con utenti presenti nel territorio italiano.

È possibile inserire i thread che vi interessano tra i Preferiti per trovarli in seguito direttamente dal vostro profilo utente; oltre a questo, potrete seguire le singole sezioni, un utente che vi sembra particolarmente preparato sugli argomenti che vi interessano e, ovviamente, mandare messaggi privati per creare una chat in tempo reale.

Una funzionalità molto divertente è la possibilità di guadagnare punti rispondendo ai thread, proponendoli di nuovi e con quasi tutte le attività che farete all’interno del forum. Questi punti, vi permetteranno di avanzare nei livelli con tutta una serie di vantaggi oltre alla possibilità di accedere a contest dedicati. E’ ovviamente desiderio di Xiaomi creare una base comunitaria molto ampia e con utenti apprezzati da tutti.

Sono presenti anche dei profili di alcuni fan club regionali che stanno via via nascendo e oltre a potersi iscrivere a questi fan club, gli stessi propongono eventi dal vivo a cui si può accedere solo se si è iscritti.

Cosa fare quando si scarica l’App Mi Community

Una volta scaricata l’applicazione verrete identificati come ospiti, ma potrete accedere direttamente con il vostro Mi account semplicemente concedendo il permesso all’applicazione.

Hai da poco acquistato un nuovo smartphone Xiaomi e non hai la più pallida idea di cosa sia il Mi account? Nessun problema. Il Mi account non è altro che l’account Xiaomi. È necessario per accedere a molte funzionalità del vostro nuovo device come Mi Cloud, il Cloud di Xiaomi che vi permette di effettuare il backup del dispositivo, delle foto e di tutte le impostazioni, poter scaricare nuovi temi presenti nello store per poter personalizzare il vostro smartphone.

A questo proposito vi rimando al nostro articolo che vi guida passo passo alla risoluzione del problema legato all’impossibilità di accedere all’App temi dall’italia. Trovate il link qui di seguito: come usare i Temi Xiaomi in Italia.

La creazione del Mi Account è davvero semplice: vi basta aprire le impostazioni e scorrere in basso fino a trovare la voce “Mi account” da qui, una volta premuto sul pulsante per creare un nuovo account, sarà sufficiente inserire la mail o il proprio numero di telefono ed una password. A questo proposito mi permetto di consigliarvi il numero di telefono che, anche se dovrete inviare automaticamente un SMS a pagamento, vi permette di registrare la vostra SIM. Successivamente, potrete associare anche il vostro indirizzo mail per poter avere un ulteriore metodo di recupero nel malaugurato caso in cui dovesse perdere il vostro device e poter sfruttare così, l’utilissima funzione “trova dispositivo”.

Tornando alla app mi community, vi segnalo la presenza di un fastidioso bug, in quanto, purtroppo l’app non riesce ad inviare le notifiche push, questo è davvero fastidioso all’interno di un forum. Ovviamente non si perde la possibilità di rimanere aggiornati con tutte le ultimissime novità provenienti dal mondo Xiaomi e a tutti i vantaggi di cui ho già accennato sopra.

Siete interessati alla MIUI 10, non perdete la recensione, la guida esaustiva e tutti i trucchi!

 

Articolo a cura di Stefano De Ponte

Categorie
Guide

Tutte le novità e i trucchi nella MIUI 10: RECENSIONE e GUIDA

In occasione della conferenza stampa di presentazione dello Xiaomi Mi 8, tenutasi in Cina lo scorso Maggio, il produttore cinese ha anche annunciato il rilascio di una nuova versione della sua ROM MIUI. La MIUI, giunta alla versione numero 10 è stata presentata alla stregua di una svolta epocale e questo non ha fatto che accrescere, in modo esponenziale, l’attesa dei fan di questo brand.

Dopo qualche mese di alfa e beta testing, la prima ROM Global stabile (scopri qui i dettagli sulle versioni) è stata rilasciata per il Redmi S2, ma già dalla metà di Settembre sono arrivate per il primo lotto di dispositivi supportati tra i quali, la serie Mi Mix, il Redmi Note 5, il Mi Note 2 oltre ovviamente al sopracitato Xiaomi Mi 8. Dopo aver avuto un primo assaggio sul Redmi Note 5, qualche giorno fa ho iniziato a testare questo aggiornamento anche sul Mi 8 ed in questo articolo, andremo a vedere nel dettaglio, se le grandi aspettative, sono state rispettate.

Le novità della MIUI 10

All’avvio del telefono, non sono presenti novità rilevanti in quanto, almeno per i temi predefiniti, non è stato cambiato nulla né nel layout nei negli Icon Pack, a parte l’ovvia introduzione di nuovi sfondi. Basta però abbassare la tendina delle notifiche per avere un primo assaggio del lavoro svolto da Xiaomi: questo è uno degli aspetti maggiormente migliorati rispetto alla versione precedente della MIUI. La prima cosa che balza all’occhio è la cura del dettaglio grafico, tutti gli elementi sono stati ridisegnati ed in generale, si è scelto di optare per linee più arrotondate decisamente più gradevoli. Il numero dei toggle è passato da 4 a 5 permettendo così all’utente di avere una funzione in più, riducendo il numero di volte nelle quali sarà necessario abbassare il pannello per accedere ai toggle nascosti. Oltre a questo, è stata introdotta una funzione tra le più attese, difatti con la MIUI 9, alla ricezione di una notifica, effettuando uno swipe sulla stessa, sia a destra che a sinistra, la si poteva solo eliminare. Con MIUI 10 lo swipe verso destra serve ad eliminare la notifica mentre effettuandolo verso sinistra, si apre un menù che permette di posticipare la stessa impostando anche il lasso di tempo dopo il quale si desidera ricevere nuovamente la notifica.

Le novità riguardo la barra delle notifiche non sono finite, infatti è stata cambiata la composizione delle icone nella barra di stato spostando la batteria, il segnale Wi-Fi e connessione dati poco sopra ai toggle e subito sotto al pulsante per le impostazioni. L’orologio ha preso il posto delle informazioni meteo, mentre dal punto di vista grafico, il cambiamento più significativo è quello relativo allo Slider per la regolazione della luminosità in quanto, nella MIUI 9, lo stesso era davvero poco evidente mentre ora è molto più visibile. E’ diventato un piacere anche utilizzare la regolazione manuale, soprattutto per chi non utilizzando la luminosità automatica, si trova a doverla aumentare manualmente quando passa da un ambiente buio ad uno molto illuminato.

Altro aspetto davvero utile riguarda il contrasto adattivo delle notifiche: infatti, aumentando la luminosità, il sistema aumenta anche il contrasto tra carattere e sfondo della notifica, rendendola decisamente più visibile soprattutto in condizioni di alta luminosità.

Rimanendo in tema di Slider la novità riguarda la regolazione del volume, Xiaomi infatti ha ridisegnato i controlli sia nel layout che nella posizione. Ora infatti, premendo il bilanciere, non avremo più il classico banner nella parte superiore del display, bensì un pannello laterale stile edge che, pur mantenendo le stesse funzioni, prima fra tutti l’attivazione rapida della modalità silenziosa con intervallo di tempo impostabile in base all’esigenza del momento, è decisamente più comodo. Quando utilizziamo lo smartphone in verticale, la nuova posizione del pannello ci permette di regolare il volume anche con una mano, migliorando sensibilmente questo particolare aspetto che negli smartphone moderni, sempre più grandi, sembra essere uno dei più ricercati dagli utenti.

Ho potuto apprezzare questa novità soprattutto durante la visione di un contenuto multimediale, utilizzando lo smartphone in modalità landscape: infatti una volta premuto il bilanciere, il cursore per la regolazione del volume, compare sulla destra permettendo una facile regolazione con il pollice. Per farla breve si riduce sensibilmente il tempo per impostare il volume al valore desiderato.

Continuando l’esplorazione della MIUI 10 e rimanendo sempre in tema di suoni, Xiaomi aveva annunciato molte novità, non tanto nelle suonerie quanto nei suoni assegnati alle notifiche di sistema, aggiungendo dei suoni ispirati agli elementi della natura, come acqua, fuoco, spiaggia, notte estiva e foresta. A ciò è stato introdotto anche un tono di notifica dinamico. Facciamo un esempio pratico: sarà capitato anche a voi di ricevere tanti messaggi da un contatto su WhatsApp uno dietro l’altro, no? Ora è possibile attivare una suoneria che, per le notifiche provenienti dalla stessa applicazione, cambia ogni volta il tono andando a comporre una piccola melodia.

Le modifiche nell’interfaccia

Un altro aspetto che è stato sensibilmente modificato rispetto alla precedente versione della ROM è sicuramente quello relativo alle App recenti: in MIUI 9, una volta richiamato il multitasking, erano presenti solo tre anteprime rendendo necessario uno scorrimento orizzontale per richiamare un applicazione aperta in precedenza. Questo aspetto è stato nettamente migliorato sia nel layout, che ora sfrutta in modo più intelligente l’ampia superficie del display, che nella fruibilità. Riguardo questo secondo aspetto, all’apertura del multitasking, il numero delle applicazioni presenti a schermo è stato aumentato con una riorganizzazione decisamente più intuitiva e pratica. Adesso le anteprime sono organizzate in colonna a coppie e lo scorrimento è verticale. Per rimuovere un’applicazione, non sarà più necessario effettuare lo swipe verso l’alto, bensì verso sinistra o destra mentre le funzioni sono accessibili con una pressione prolungata sull’anteprima desiderata.

Effettuando questa operazione, si aprirà un menù a tendina che permetterà di mandare l’applicazione desiderata a schermo diviso, bloccarla oppure accedere alle impostazioni dove potremo disinstallare gli aggiornamenti, controllare l’utilizzo della RAM e della batteria, concedere o revocare permessi e cancellare la cache o i dati: intuitivo al massimo e soprattutto comodissimo!

Un’altra funzione fortemente pubblicizzata da Xiaomi è quella relativa all’introduzione delle cosiddette gesture a schermo intero. Si tratta molto semplicemente di swipe da dover effettuare sul display che vanno a sostituire la barra virtuale. Personalmente sono un amante dei tasti Soft Touch, ma devo dire che, pur avendo avuto bisogno di un po’ di tempo per familiarizzare con questo nuovo modo di navigare su di un dispositivo sprovvisto di tasti fisici, e dovendo scegliere tra NavBar e gestures, preferisco di gran lunga questa soluzione che rende la navigazione decisamente più rapida.

La comodità di queste gestures sta proprio nel fatto che non è più necessario nascondere o richiamare la barra virtuale per premere i tasti home, back o menù, ma avremo tutto a portata di dito e questo è un evidente vantaggio soprattutto per quanto riguarda il layout considerando il nuovo formato dei display più recenti.

Scendendo un po’ più nel dettaglio, partiamo dal dire che questa opzione è disattivata di default, vi basterà andare nelle impostazioni e scorrere fino alla voce “Visualizzazione a schermo intero” dove per attivare questa opzione, vi verrà proposto un rapido ed esaustivo tutorial. Una volta ultimato il tutorial, le gestures saranno pronte all’uso e, in particolare, per premere il tasto home sarà necessario effettuare uno swipe dal bordo inferiore del display fino a metà schermo. Per accedere al multitasking lo swipe dovrà essere effettuato dal basso all’alto per tutta la lunghezza del display, mentre per il tasto back sarà possibile effettuare uno swipe sia da destra a sinistra che da sinistra a destra nella parte inferiore del display. Xiaomi ha prevenuto in questo modo possibili conflitti con tutte quelle applicazioni che hanno un menù laterale come Play Store, GMail, Drive, Foto, ecc. ecc. Per accedere a questi menù, lo swipe dovrà essere effettuato nella parte superiore del display in modo da lasciare la parte inferiore solo ed esclusivamente alla gesture assegnata al tasto Back.  Sembra evidente l’intento del produttore cinese in quanto queste gestures si apprezzano decisamente di più sui nuovi display a 19:9, anche se, purtroppo, si perde una delle funzioni più apprezzate in MIUI 9, ossia la possibilità cioè di assegnare delle scorciatoie ai tasti sia fisici che virtuali come ad esempio, funzioni specifiche al doppio Tap oppure alla pressione prolungata ma qui scendiamo nel campo del gusto personale.

Intelligenza Artificiale nella MIUI 10

Altra novità molto attesa è quella legata all’introduzione dell’intelligenza artificiale che, secondo Xiaomi, dovrebbe garantire da subito un generale aumento della velocità e miglioramento delle prestazioni di tutto il sistema ma anche, un apprendimento da parte dello smartphone dell’utilizzo che facciamo giornalmente, andando ad ottimizzare progressivamente le prestazioni attraverso anche il pre-caricamento delle applicazioni. Dopo qualche giorno, posso confermare che il sistema è decisamente più fluido ed oltretutto, sono spariti anche quei piccoli e rari microlag ancora presenti nella MIUI 9 nelle animazioni. Forse il vero vantaggio dell’AI è proprio questo, diversamente da quanto viene pubblicizzato nel marketing delle fotocamere.

Venendo alle singole applicazioni, con MIUI 10 sono state introdotte alcune importanti ed utili novità. Partiamo dalla fotocamera, Ora anche per i dispositivi meno recenti che ancora montano un unico sensore, è stata introdotta la modalità ritratto che permette a tutti di ottenere il tanto pubblicizzato effetto bokeh nelle foto a parenti ed amici. Anche in modalità video è stata introdotta una nuova funzione relativa ai video brevi che termina la ripresa dopo 10 secondi.

L’applicazione Sicurezza, ha visto aumentare le funzioni con l’introduzione di due novità. La prima è uno speed test che, pur non offrendo nulla di particolare, ci permette di non dover scaricare un’applicazione di terze parti dal Play Store potendo testare la nostra connessione sia Wi-Fi che dati. Il secondo è invece un altro strumento che ho trovato davvero utile e ben fatto, difatti si tratta di una funzione che permette di effettuare una Diagnostica a 360° di tutti gli aspetti sia hardware che software dello smartphone e che permetterà anche agli utenti meno esperti di rendersi conto in modo facile ed intuitivo se c’è qualcosa che in quel momento non funziona o magari, disattivare un’opzione dimenticata o erroneamente attivata.

Una funzione davvero attesa è quella che permette finalmente di nascondere le icone delle applicazioni che non utilizziamo. Xiaomi ha pubblicizzato questo aspetto come un miglioramento della nostra privacy ma, personalmente, lo trovo più utile per ripulire la Home da tutte quelle applicazioni che non utilizziamo. Può essere utile anche per tutti coloro che, magari, possono avere necessità di avere un drawer nella schermata Home, richiamabile tramite un pinch out. Per nascondere un’applicazione sarà sufficiente accedere alle impostazioni e recarvi all’interno della sezione “blocco app” dove spunterete le applicazioni che vorrete nascondere. A questo punto effettuando il pinch out, le troverete ordinate alfabeticamente in una Griglia a scorrimento verticale. Sarà anche possibile abilitare la password di sicurezza che però, una volta richiamato questo menu, dovrà essere usata sempre o tramite l’impronta oppure tramite l’immissione manuale del pin, password o la sequenza. Per il resto, esplorando ancora la MIUI 10, vi segnalo che le applicazioni calendario, note, orologio e meteo, hanno subito un deciso restyling grafico, anche se non sono presenti novità rilevanti a livello di funzionalità.

Anche App Vault, il pannello raggiungibile con uno swipe da sinistra a destra nella schermata home, ha visto aumentare le proprie funzioni anche se limitatamente alle applicazioni Xiaomi.

 

La mia opinione su MIUI 10

Per l’ennesima volta Xiaomi ha fatto centro, non solo migliorando l’esperienza utente già ottima nella MIUI 9, ma andando a limare alcuni piccoli dettagli che ancora potevano far storcere il naso a qualcuno. La nuova versione della MIUI, oltre ad offrire novità davvero utili ed attese, farà felici anche tutti coloro che aspettano con ansia il rilascio dell’aggiornamento ad Android Pie. Infatti anche per gli smartphone che ancora utilizzano Android Nougat oppure Oreo, questa ROM grazie ad un ispirazione molto evidente all’ultima versione del robottino verde, offre una piacevole anteprima sia nel layout che in alcuni aspetti introdotti da Big G. A voler essere pignoli andando a cercare il pelo nell’uovo, si sente la mancanza di qualche features, come ad esempio le scorciatoie sulle icone della schermata home ma nulla che vada ad intaccare anche in minima parte un’esperienza utente che continua ad essere una delle più valide e piacevoli di tutto il panorama Android.

 

 

Articolo a cura di Stefano De Ponte

Categorie
Guide

Come si usare i TEMI su MIUI in Italia

Bentornati in questa serie di articoli che hanno come scopo quello di illustrarvi le possibilità offerte dall’interfaccia MIUI di Xiaomi. Se li avete persi, prima di cominciare vi invito a leggere la guida completa e la guida dedicata alla disattivazione delle app di sistema.

La guida di oggi ha come oggetto quello di illustrarvi come utilizzare i temi su MIUI. Come molti di voi sapranno, da un po’ di tempo, è entrata in vigore una nuova normativa in materia di privacy che prende il nome di GDPR.

Alcune applicazioni Xiaomi sembrano violare tale normativa e, per questo, il colosso cinese ha impedito a coloro che abitano in italia, di utilizzare l’applicazione “Temi”. In questa breve e semplice guida, voglio spiegarvi come risolvere questo problema in attesa di poter usufruire a pieno di questa utilissima applicazione.

Come si attivano i TEMI su MIUI in Italia

La prima cosa che dovrete fare è recarvi nelle impostazioni, scorrere fino ad arrivare alla voce “impostazioni aggiuntive” e modificare la regione come indicato nello screenshot Qui sotto. Molti paesi possono utilizzare l’app temi liberamente ma, personalmente, vi consiglio di impostare Stati Uniti come regione predefinita.

Il secondo punto di questa guida prevede che, tornando nella schermata home, vedrete che è comparsa l’icona dei temi ed una volta aperta, potrete sbizzarrirvi nella scelta del tema che più preferite. Una volta scaricato il tema desiderato, potrete applicarlo così com’è, oppure customizzarlo attraverso la procedura indicata nel secondo screenshot che trovate qui di seguito. Potrete quindi applicare altri Icon pack, stili di sblocco, pannelli notifiche e quant’altro. Una volta che avrete scaricato il tema, o dopo averlo modificato, sarà necessario effettuare un backup attraverso l’apposita opzione in basso.

Una volta cambiato il tema, potrete tornare alla regione di origine, effettuando la procedura inversa per reimpostare l’Italia come regione predefinita. Attenzione però, una volta impostata la regione, dovrete necessariamente riapplicare il tema, sia esso un tema scaricato oppure il backup dello stesso che avrete precedentemente creato.  Dovrete solo aprire i temi dal menù delle impostazioni in quanto, l’icona dei temi, non è più presente nella schermata Home.

Cercate di far ciò come prima operazione dopo aver reimpostato Italia come regione predefinita in quanto, dopo un po’ di tempo, non sarà più possibile applicare nessun tema al di fuori di quelli predefiniti e per far ciò, dovrete necessariamente ripetere tutta la procedura. Questo trucco è stato testato sulla MIUI 9 Global ma dovrebbe funzionare senza problemi su versioni precedenti o successive della ROM cinese

 

Articolo a cura di Stefano De Ponte